Chiacchiere

Quando arriva il periodo di carnevale si pensa subito alle buonissime chiacchiere, profumate e friabili, il crock del morso e sporcarsi di zucchero a velo è d’obbligo. Vediamo come prepararle:

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    6
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Farina 0 250 g
  • Zucchero 50 g
  • Uova 2
  • Liquore 2 cucchiai
  • Sale 1 pizzico
  • Burro 30
  • Zucchero a velo q.b.
  • Olio di semi di arachide q.b.
  • Scorza di limone 1

Preparazione

  1. Preparazione: In un contenitore versiamo la farina, il sale, lo zucchero, la scorza di mezzo limone (oppure la scorza di mezza arancia), mescolare tutte le parti solide. A seguire aggiungere le uova, il burro, due cucchiai di liquore (nella mia ricetta ho utilizzato Liquore al mandarino ). L’impasto deve risultare compatto. Fare riposare l’impasto per 30 minuti sotto un panno. Preparare la macchinetta per tirare la pasta (nonna papera), tiraggio e pieghe devono essere ripetute più volte. Ricavare dei pezzetti di impasto e procedere alla sfogliatura, il risultato finale deve essere un rettangolo di consistenza soda e sottile (punto 4). Fare riposare per 10 minuti i rettangoli ottenuti poi procedere al taglio con la rotellina dentellata. Realizzate le chiacchiere si procede con la frittura. In una larga padella mettere a scaldare abbondante olio di arachidi (230°C punto di fumo). E’ importante che la temperatura dell’olio sia media e costante, una fiamma troppo bassa non permetterà alla chiacchiera di formare le bolle e assorbirà più olio, una fiamma troppo alta si corre il rischio di bruciare il prodotto. Curiosità: le origini delle chiacchiere . Immergere pochi pezzi alla volta nell’olio, il contatto con l’olio caldo formerà le classiche bolle, la frittura deve avvenire sui due lati in modo veloce, in questo modo ci sarà pochissimo assorbimento di olio. Fare assorbire l’eccesso di unto su carta assorbente da cucina. Raffreddare e procedere a spolverizzare con lo zucchero a velo.

    Buon appetito

    Non dimenticare di mettere l’ingrediente della vita: l’amore

    Se ti è piaciuta la mia ricetta metti “mi piace” e condividi

Note

… sa che:

  • come parte alcolica puoi mettere del vino bianco, della grappa o liquore a tua scelta
  • il burro deve essere a temperatura ambiente
  • il tiraggio e la piegatura della pasta ripetuta sono d’obbligo per un ottenere un buon prodotto
  • la frittura deve essere rapida
  • puoi scegliere la cottura al forno
  • spolverizzare a dolce freddo

Senza categoria
Precedente Curiosità: le origini delle chiacchiere Successivo Curiosità: "Batata rossa" (patata dolce rossa)

Lascia un commento

*