Torta russa di Verona – Ricetta della tradizione

Le origini della torta si fanno risalire alla metà del secolo scorso. Sul nome esistono invece due tesi: una sostiene che la torta russa di Verona prenda il nome dal Colbacco (in russo ušanka – ушанка), classico copricapo di pelliccia usato soprattutto dai militari russi. L’altra tesi sostiene, invece, che fu inventata dal pasticciere veronese Ruggero Berti, che durante il conflitto mondiale arricchì il suo bagaglio professionale con ricette antiche. In particolare questa torta ha molte similitudini con il dolce tipico di Odessa realizzato con una sfoglia dal colore bruno,  in superficie nella parte centrale la pasta d’amaretto è arricchita da grosse mandorle intere spolverate di zucchero a velo. La torta russa di Verona all’esterno presenta una sfoglia friabile che racchiude al suo interno un morbido impasto di mandorle, amaretti e farina miscelate insieme e mandorle intere come decoro in superficie.

Torta russa di Verona
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    50/60 minuti
  • Porzioni:
    6 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Pasta Sfoglia 1 rotolo
  • Uova (io 2 a temperatura ambiente) 3
  • Zucchero di canna 150 g
  • Farina 00 150 g
  • Amaretti 100 g
  • Farina di mandorle 100 g
  • Burro 100 g
  • liquore amaretto 2 cucchiai
  • lievito per dolci 1/2 bustina
  • Sale 1 pizzico
  • Mandorle 20

Preparazione

  1. Torta russa di Verona

    Torta russa di Verona

    Per prima cosa sciogliete il burro e tenete da parte. In un mixer frullate gli amaretti fino a farli diventare polvere. In una ciotola mischiate la farina 00, la farina di amaretti e quella di mandorle insieme al lievito per dolci.

  2. Torta russa di Verona

    In una ciotola montate le uova con lo zucchero di canna e un pizzico di sale, devono diventare belli gonfi e spumosi. Versate a filo il burro e continuate a montare per un paio di minuti. Poi, poco alla volta, inserite le polveri fino ad esaurimento.

  3. Per ultimo unite i due cucchiai di amaretto. Accendete il forno a 180° e poi foderate il vostro stampo (cm. 20/22) con la pasta sfoglia, versate l’impasto della torta russa di Verona, eliminate la sfoglia in eccesso e ripiegate i bordi. Decorate la superficie con le mandorle pelate e fate cuocere la torta in modalità statica 50/60 minuti (dipenderà dal vostro forno).

    Se la torta tende a colorarsi troppo in superficie coprite con un foglio di alluminio, prima di sfornare controllate la cottura con uno stecchino o con un filo di spaghetto.

    Appena la torta russa di Verona è cotta spegnete e lasciate il dolce nel forno per dieci minuti. Servite a temperatura ambiente, spolverando a piacere con zucchero a velo. Non vi resta che assaggiarla!

  4. Torta russa di Verona
  5. Torta russa di Verona

Note

Nella preparazione della torta russa si utilizza la farina di mandorle, ingrediente principe di un pasticcino siciliano buono, goloso e facile da preparare. La ricetta è QUI

Se volete rimanere sempre aggiornati potete seguirmi anche sui social  Facebook –  Google+ e Instagram

Precedente Ossobuco con patate e carciofi Successivo Pasta frolla integrale con frutta secca

Lascia un commento

*