Sarde a beccafico alla palermitana

Le sarde a beccafico sono un piatto tradizionale siciliano molto diffuso nelle città di Palermo, Catania e Messina (con qualche variante in base alla città in cui vi trovate). Il nome curioso di “beccafico” sembra che indichi un uccellino molto ghiotto di fichi che i nobili siciliani erano soliti consumare farciti con le loro interiora. I popolani non riuscivano a comprare questi uccellini allora ripiegarono sulle più economiche sarde e come ripieno usarano mollica, pinoli e uvetta.

Alla palermitana il piatto si preparano aprendo a libro le sarde, farcendole con il pangrattato condito e arrotolandole su se stesse, mettendo tra un involtino e l’altro foglie di alloro e falde di cipolla.

Sarde a beccafico alla palermitana
  • Preparazione: 30 + quello per pulire le sarde Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 6 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

per le sarde

  • Sarde 1,2 kg
  • Alloro (q.b.)
  • Cipolle bianche 2
  • Olio extravergine d'oliva
  • arancia 1/2

per la farcia

  • Pangrattato 200 g
  • arancia 1
  • limone 1
  • Aceto di vino bianco (q.b.)
  • Zucchero (q.b.)
  • Passolina e pinoli 50 g
  • Sale e pepe
  • Olio extravergine d'oliva

Preparazione

  1. Sarde a beccafico alla palermitana

    Per preparare le sarde a beccafico per prima cosa pulite il pesce. Eliminate le squame, la testa e le interiora. Apritele a metà, togliete la lisca (non togliete la pinna sul dorso), lavatele e scolatele bene oppure optate per le sarde già pulite e diliscate da acquistare nel vostro pescivendolo di fiducia. Spremete l’arancia e il limone.

  2. Sarde a beccafico alla palermitana

    Preparate il ripieno delle sarde a beccafico. In un padellino fate tostare il pangrattato in poco olio extravergine di oliva, aggiungete i passolini e pinoli lavati e strizzati, il succo degli agrumi, aceto quanto basta (in base al vostro gusto) e lo zucchero. Mescolate e amalgamate gli ingredienti, poi regolate di sale e pepe.

  3. Sarde a beccafico alla palermitana

    Sbucciate le cipolle e ricavatene delle falde, tenete a portata di mano l’alloro. Stendete le sarde e sistematevi sopra un pochino di ripieno, arrotolatele. Via via che preparate i beccafichi disponeteli in una teglia unta di olivo alternando a ciascun involtino una foglia di alloro e un pezzetto di cipolla. Quando avete terminato tutti gli ingredienti, spruzzate le sarde a beccafico con il succo di mezza arancia e con un velo di olio. Preriscaldate il forno a 180° e fate cuocere per 20 minuti circa. Fate raffreddare prima di servire

  4. Sarde a beccafico alla palermitana

Note

La mia ricetta dei bucatini sarde e finocchietto la trovate QUI

Se volete rimanere sempre aggiornati, seguitemi qui sul blog oppure sui social  Facebook –  Google+ e Instagram

Precedente Pasta chi tinnirumi - Ricetta siciliana Successivo Frittata con cime di rapa e provola

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.