Crea sito

Cipolline borettane in agrodolce – Metodo vasocottura

Le cipolline borettane in agrodolce sono un alleato molto versatile in cucina, che si adatta a qualunque portata. Da consumare calde o fredde sono ideali da abbinare alla carne e al pesce, da utilizzare come sfizioso antipasto, stuzzicante aperitivo o contorno. Con il metodo della vasocottura le porterete a tavola senza particolari sforzi e renderete la portata alla quale le abbinerete una pietanza davvero particolare e, grazie al sottovuoto, le potete conservare in frigorifero per 15 giorni.(Tutti i segreti su questo metodo li potete leggere QUI)

Cipolline borettane in agrodolce
  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 6 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 2 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 250 g cipolline borettane
  • 1 cucchiaio aceto bianco
  • 1 cucchiaio Olio extravergine d'oliva
  • 1 cucchiaino Zucchero
  • 1 foglia Alloro
  • Pepe in grani
  • Sale

Preparazione

  1. Cipolline borettane in agrodolce

    Sbucciate le cipolline borettane, lavatele e asciugatele. Sistematele in un vasetto (io uso i Weck) conditele con un pizzico di sale, l’alloro e i grani di pepe. Continuate con il cucchiaino di zucchero, con l’aceto e con l’olio. Mescolare per insaporire le cipolline.

  2. Cipolline borettane in agrodolce

    Pulite il bordo del vasetto poi chiudete con il coperchio munito di guarnizione e con i gancetti (ne servono 4). Infornate al microonde alla vostra potenza testata per 6 minuti. Estraete il vasetto e lasciate riposare 20 minuti. Potete servire le cipolline borettane in agrodolce calde togliendo i gancetti e tirando la linguetta della guarnizione. Attenzione a non scottarvi con lo sfiato. A vasetto freddo potete riporre le vostre cipolline borettane in agrodolce per 15 giorni in frigorifero. Al bisogno, per aprire il vasetto vi basterà metterlo in microonde per 3 minuti, il vapore che si creerà dentro spingerà ed aprirà il coperchio.

  3. Cipolline borettane in agrodolce

Note

Per rimanere sempre aggiornati, seguitemi qui sul blog oppure sui social  Facebook –  Google+ e Instragram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.