Burger buns tigrati profumati e soffici

Non sono solo belli da vedere, sono morbidissimi e profumati i burger buns tigrati di Paoletta Sersante, il suo blog (ma anche il gruppo Facebook) è un’inesauribile fonte di ispirazione per me, lo trovate QUI. Questi deliziosi panini per hamburger sono particolari per la loro colorazione gialla e per il tigraggio nero che li rende ancora più accattivanti. Li ho preparati in occasione di una grigliata in casa di amici ed hanno avuto un successo strepitoso. Una ricetta davvero imperdibile !

Burger buns tigrati
  • DifficoltàDifficile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo8 Ore
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni12/14
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti per i burger buns tigrati

per il lievitino

360 g farina W280/300 (io Garofalo W350)
360 g latte
8 g lievito di birra fresco

per l’impasto

240 g farina W280/300 (io Garofalo W350)
75 g burro
30 g zucchero
20 g miele
10 g sale
3 tuorli (di uova medie)
6 g curcuma in polvere

per il tigraggio

125 g farina di riso
125 g acqua
6 g olio extravergine d’oliva
6 g lievito di birra fresco
6 g zucchero
4 g nero di seppia
2 g sale

Passaggi per i burger buns tigrati

Per preparare il lievitino sciogliete nel latte a temperatura ambiente il lievito di birra, aggiungete tutta la farina, mescolate con una forchetta, coprite la ciotola con pellicola. Lasciate lievitare fino a quando non si creeranno dei piccoli solchi sulla superficie.

Nel frattempo setacciate la farina con la curcuma. Quando il lievitino è pronto, versatelo nella ciotola della planetaria, unite tutta la restante farina, inserite il gancio e lasciate lavorare fino a quando non si forma l’impasto.

Aggiunge un tuorlo alla volta seguito da una spolverata di zucchero aspettate che l’impasto abbia assorbito questi ingredienti prima di unire i successivi. Dopo l’ultima spolverata di zucchero aggiungete il sale.

Capovolgete l’impasto dunque unite a filo il miele. Proseguite aggiungendo il burro poco alla volta, aggiungendo il successivo quando il precedente è stato assorbito.

Ribaltate l’impasto a metà inserimento del burro.

Dunque fate delle pieghe di forza, lasciate puntare a temperatura ambiente 20/25 minuti poi mettete in frigo per 8-12 ore (*).

La mattina lasciate l’impasto a temperatura ambiente per un’ora circa poi con un tarocco tagliate l’impasto (potete fare pezzature da 45 a 90 gr circa), formate i panini pirlando ciascun pezzo, sistemateli nella teglia foderata da carta forno ben distanziati. Coprite e aspettate il raddoppio.

Nel frattempo preparate il tigraggio in una ciotola radunate la farina di riso, l’acqua dove avete sciolto il lievito di birra, l’olio, lo zucchero, il sale e il nero di seppia. Mescolate bene, coprite, poi spennellate panini un attimo prima di infornare. Ahimè credendo che colasse, sono stata un po’ avara di tigraggio, quindi voi pennellate tutta la superficie del buns mi raccomando.

Fate cuocere burger buns tigrati in forno preriscaldato in modalità statica a 180 gradi con poco vapore i primi due/tre minuti. Pezzature da 90 grammi vanno cotte per circa 15 minuti.

Sfornate, lasciate raffreddare poi potete gustare i vostri buns con ciò che preferite: hamburger, salumi, salmone etc.

(*) oppure dopo aver arrotondato ponete a lievitare fin quasi al raddoppio, poi effettuate delle pieghe di forza, coprite a campana e lasciate riposare 20 minuti dunque fate le pezzature e proseguite come sopra indicato.

 

Ed eccoli qui i miei burger buns tigrati.

QUI trovate la ricetta delle brioche col tuppo mentre qui trovate quella dei maritozzi romani

Avete rifatto qualche mia ricetta? Postate la foto sulla mia pagina Facebook che trovate QUI. Per rimanere sempre aggiornati potete seguirmi anche sui social  Twitter e Instagram

Burger buns tigrati

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.