Struffoli al forno con miele di castagno

Gli struffoli sono dolcetti natalizi, tipici della Campania. In genere vengono fritti ma io, che non amo friggere, li ho fatti al forno. Non avendoli mai provati prima, ho cercato in rete delle ricette e ho preso spunto da questa, ovviamente con le mie solite modifiche.
Ho utilizzato la farina di tipo 2 o semintegrale, al posto della farina bianca classica, per ottenere un sapore più “rustico” e per aggiungere un po’ di fibre. Al posto del miele millefiori, ho messo quello di castagno, che ha un sapore particolare, molto aromatico e leggermente meno dolce degli altri tipi di miele.
Questi dolcetti possono diventare anche un’idea regalo per Natale!
Qui trovate altre ricette natalizie, sia di dolci che di salati.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo20 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 375 gFarina di tipo 2
  • 65 mlOlio di semi di girasole
  • 130 mlVino moscato
  • 2 cucchiainiZucchero
  • 1 pizzicoSale
  • Mezza bustinaLievito per dolci
  • 1Arancia
  • 200 mlMiele di castagno
  • Codette colorate

Preparazione

  1. Mescolare in una ciotola, la farina con il lievito, lo zucchero e il sale.

    Aggiungere il vino moscato, l’olio e la scorza d’arancia grattugiata.

    Amalgamare bene gli ingredienti, fino ad ottenere un composto omogeneo.

    Lasciar riposare il composto per circa 20 minuti.

    Staccare dei pezzi di impasto, realizzare dei cordoncini, tagliare dei pezzettini (come se si dovessero fare degli gnocchetti), poi passarli sul palmo della mano per arrotondarli un po’.

    Sistemare le palline di impasto in una teglia rivestita con carta da forno, infornare a 180 gradi per circa 15 minuti.

    Nel frattempo sciogliere il miele in una padella con il succo dell’arancia.

    Quando gli struffoli saranno cotti, versarli nella padella con il miele e mescolare bene.

    Trasferirli in un vassoio o in un piatto da portata e aggiungere le codette colorate.

Precedente Vellutata di barbabietola e patate Successivo Pasta con crema di finocchi e speck

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.