Risotto con passato di cavolo nero

Nel congelatore ho sempre una scorta di passati di verdura di ogni genere, dal classico passato di verdura mista (carota, sedano, cipolla, patata, zucchina), ai passati di varie verdure a seconda della stagione, zucchine, zucca, cavolfiore e cavolo nero. In questi casi metto solo la cipolla e la carota (oppure a volta solo la cipolla o magari una patata), più la verdura scelta.
Oltre ad utilizzarli come minestre, con questi passati di verdura faccio spesso dei risotti, avendo in questo modo, gusti ogni volta diversi.
In più così il risotto si prepara in un attimo, basta tostare il riso (io l’ho tostato in pentola antiaderente senza grassi, cosa che ho imparato leggendo il libro Cucina Evolution) e cuocerlo con il passato.
Infine ho mantecato il risotto con un formaggio spalmabile leggero, ho usato il Philadelphia con yogurt greco e ho aggiunto del pecorino romano per insaporire ulteriormente.
E’ venuto un risotto cremosissimo, apprezzato molto anche da mia figlia!
Il cavolo nero o cavolo toscano, fa parte della famiglia delle Brassicaceae come gli altri cavoli ma, a differenza degli altri, non produce un frutto centrale, perciò si mangiano le sue foglie. E’ coltivato soprattutto nel centro Italia, ed è un ingrediente tipico di zuppe e minestroni, come la famosa ribollita.
Questo cavolo è ricco di acqua, fibre e potassio, vitamina C, acido folico, carotenoidi e altre molecole antiossidanti.
Il suo consumo dev’essere moderato in caso di iperuricemia e gotta, oppure in caso di carenza nutrizionale di iodio perché, come le altre Brassicaceae, può interferire con il suo metabolismo.
Qui trovate altre ricette con il cavolo nero.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 160 gRiso Basmati
  • 600 mlPassato di cavolo nero
  • 40 gFormaggio spalmabile a basso contenuto di grassi
  • 10 gPecorino romano grattugiato

Preparazione

  1. Scaldare una pentola antiaderente senza grassi, aggiungere il riso e farlo tostare leggermente (non deve diventare scuro!).

    Unire il passato di cavolo nero caldo (se troppo denso allungarlo con un po’ di brodo vegetale), portare a bollore e cuocere per 10-12 minuti.

    Spegnere il fuoco, mantecare il risotto con il formaggio spalmabile a basso contenuto di grassi e aggiungere il pecorino.

    Servire il risotto con passato di cavolo nero ben caldo, con una spolverata di pecorino romano in superficie.

/ 5
Grazie per aver votato!
Senza categoria
Precedente Verza ai pomodori secchi e zenzero Successivo Patate ripiene al tonno, capperi e acciughe

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.