Tagliatelle ai funghi con mollica fritta al peperone

tagliatelle funghi e mollica al peperone (2) ok

Colorate e gustosissime, oggi su Una Manu in cucina trovate le tagliatelle ai funghi con mollica fritta al peperone di Senise!

Da buona mezzosangue lucana, metto la polvere di peperone di Senise un pò dove posso. Nella mollica fritta è una vera delizia e solo chi conosce questo meraviglioso prodotto può capirmi.

Oggi ho preparato delle semplicissime tagliatelle ai funghi con mollica fritta al peperone di Senise, dopo essere stata attratta dal colore vivo dei funghi pleurotus gialli che non avevo mai visto prima! Peccato che il colore in cottura svanisca del tutto, un pò me l’aspettavo ma speravo di sbagliarmi. E vabbè, il sapore è quello che conta e se non trovate questo tipo di fungo, potete usare tranquillamente degli champignon, cardoncelli o meglio ancora dei bei porcini freschi! Che a dirla tutta onorano al meglio la preziosità dello “zafaran”, la polvere ricavata dall’essiccatura del peperone rosso tipico di Senise.

Ma andiamo a leggere la ricetta, sù!

tagliatelle funghi e mollica al peperone (1) vert ok

Ingredienti per 4 persone:
400 grammi di semola di grano duro
4 uova

500 grammi di funghi freschi
4 fette di pane avanzato
2 cucchiaini di polvere di peperone (se non ce l’avete va bene la paprika dolce)
aglio
olio extravergine d’oliva
sale
prezzemolo

Preparate le tagliatelle fresche impastando la semola con le uova, fino ad ottenere un composto liscio e sodo. Solo se necessario, potete aggiungere un pochino di acqua. Coprite l’impasto con un piatto e lasciate riposare mezz’ora.

Intanto preparate il condimento: pulite i funghi e tagliateli a pezzetti. Fateli rosolare in padella con l’olio extravergine d’oliva e uno spicchio d’aglio tritato. Salate e cospargete di prezzemolo a fine cottura.

Togliete la crosta al pane e sbriciolate la mollica, quindi fatela soffriggere in olio abbondante già caldo, rigirando spesso per evitare che si bruci. Attenti: non cedete alla tentazione di toccare o assaggiare il pane fritto bollente, è tra le cose più ustionanti che esistono. Una volta che le briciole sono diventate dorate e croccanti, unite lo zafaran e spegnete subito il fuoco. Mescolate e tenete da parte, senza coprire se no diventa molliccio.

Mettete a bollire l’acqua per la pasta.

Tirate la sfoglia sottile con un matterello o con la macchinetta per la pasta, quindi tagliatela della larghezza che preferite. Cuocetela al dente in acqua bollente salata, quindi fatela saltare nel tegame coi funghi.

Servite il piatto ben caldo, cospargendo di mollica fritta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.