Cibo da strada tipico della tradizione laziale, i supplì al telefono con ragù di carne sono davvero una irresistibile tentazione.

Il guscio croccante svela un cuore tenero di riso e mozzarella filante… ho l’acquolina in bocca solo a dirvelo. Purtroppo però i supplì sono già finiti da un pezzo, dopo che la mia amica Antonella del blog Noce moscata mi ha dato la sua ricetta perfetta! Fatevi un giro sul suo blog, troverete delle ricette buonissime corredate da foto fantastiche! 😉

  • Difficoltà:
    Media
  • Porzioni:
    15/20 pezzi
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Riso Arborio 500 g
  • Carne bovina tritata 300 g
  • Passata di pomodoro 700 g
  • Brodo di carne mezzo l
  • Cipolla 1
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Vino bianco mezzo bicchiere
  • Burro 2 cucchiai
  • Parmigiano reggiano (grattugiato) 50 g
  • Sale e pepe q.b.
  • mozzarella (fiordilatte) 200 g

Per friggere:

  • Uova medie 3
  • Pangrattato q.b.
  • Olio di semi di arachide 2 l

Preparazione

  1. Fate appassire dolcemente la cipolla in una casseruola capiente, quindi unite la carne tritata e fatela rosolare. Salate e pepate, bagnate col vino e lasciate evaporare.

    Unite quindi la passata di pomodoro e fate cuocere a fiamma bassa per un’ora, controllando spesso che il sugo non si asciughi troppo.

    Versatevi il riso e fatelo cuocere come un risotto, aggiungendo un mestolo di brodo per volta.

    Toglietelo dal fuoco quando sarà al dente e abbastanza asciutto. Unite il parmigiano, il burro e le uova e mescolate per bene.

    Stendete il riso su di una placca per farlo raffreddare velocemente.

    Quando sarà raffreddato, prendete un bel pugno di risotto e formate una grossa crocchetta ovale, al centro della quale metterete una listarella di mozzarella ben strizzata in modo che perda l’acqua in eccesso.

    Chiudete per bene e continuate a formare altri supplì fino ad esaurimento degli ingredienti.

    Una volta che saranno tutti formati, passateli nelle uova sbattute e nel pane grattugiato. Disponeteli in un vassoio e lasciateli riposare qualche ora in frigo. (Io li ho preparati la sera prima)

     

    I supplì vanno fritti, un paio per volta, in una casseruola con olio profondo, questo passaggio è fondamentale per ottenere un fritto asciutto e croccante. Quindi no a padelle, i supplì devono immergersi completamente nell’olio.

    Una volta ben dorati da tutti i lati, mettete i supplì su carta assorbente e mangiateli ben caldi!

     

  2. Fate appassire dolcemente la cipolla in una casseruola capiente, quindi unite la carne tritata e fatela rosolare. Salate e pepate, bagnate col vino e lasciate evaporare.

    Unite quindi la passata di pomodoro e fate cuocere a fiamma bassa per un’ora, controllando spesso che il sugo non si asciughi troppo.

    Versatevi il riso e fatelo cuocere come un risotto, aggiungendo un mestolo di brodo per volta.

    Toglietelo dal fuoco quando sarà al dente e abbastanza asciutto. Unite il parmigiano, il burro e le uova e mescolate per bene.

    Stendete il riso su di una placca per farlo raffreddare velocemente.

    Quando sarà raffreddato, prendete un bel pugno di risotto e formate una grossa crocchetta ovale, al centro della quale metterete una listarella di mozzarella ben strizzata in modo che perda l’acqua in eccesso.

    Chiudete per bene e continuate a formare altri supplì fino ad esaurimento degli ingredienti.

    Una volta che saranno tutti formati, passateli nelle uova sbattute e nel pane grattugiato. Disponeteli in un vassoio e lasciateli riposare qualche ora in frigo. (Io li ho preparati la sera prima)

     

    I supplì vanno fritti, un paio per volta, in una casseruola con olio profondo, questo passaggio è fondamentale per ottenere un fritto asciutto e croccante. Quindi no a padelle, i supplì devono immergersi completamente nell’olio.

    Una volta ben dorati da tutti i lati, mettete i supplì su carta assorbente e mangiateli ben caldi!

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.