saraghi-allacqua-pazza-orizz-ok

I saraghi all’acqua pazza sono un secondo piatto classico della tradizione culinaria italiana.

Mi ritrovo a scrivere dopo un bel pò di giorni… Col ritorno dell’inverno le attività si moltiplicano e trovare un pochino di tempo per dedicarmi alla cucina e soprattutto a riportare le ricette sul blog diventa difficile.

Oggi mio marito è tornato a casa con due bei saraghi e siccome non amo molto cucinare il pesce in maniera elaborata, l’ho preparato all’acqua pazza. Semplice e gustoso, non ne nasconde il sapore con un numero esagerato di ingredienti. Ecco la ricetta!

saraghi-allacqua-pazza-1-vert-ok

Ingredienti:
2 grossi saraghi
una decina di pomodorini maturi
una cipolla
uno spicchio d’aglio
vino bianco
olio extravergine d’oliva
sale e pepe
prezzemolo

Eviscerate i saraghi, togliete per bene le squame, sciacquateli rapidamente sotto il getto dell’acqua fresca e asciugateli tamponandoli.

Riempite la pancia con mezzo spicchio d’aglio e una presa di sale.

Mettete a rosolare a fuoco dolce la cipolla, affettata finemente, con un filo d’olio extravergine d’oliva. Quando sarà appassita unite i pomodorini lavati e tagliati a spicchi. Dopo due o tre minuti unite un pò di vino bianco e una tazzina d’acqua. Lasciate bollire per qualche minuto, quindi adagiatevi i saraghi.

Fateli cuocere per circa 15 minuti, dipende da quanto sono grossi, rigirandoli a metà cottura.
Cospargeteli quindi di prezzemolo tritato e una spolverata di pepe.

saraghi-allacqua-pazza-4-vert-ok

Il pesce all’acqua pazza non deve essere cotto in una quantità eccessiva di liquido, altrimenti risulterebbe un pesce bollito. Vi raccomando perciò di fare attenzione a questo particolare. Se avete paura che si asciughi troppo, tenete piuttosto a portata di mano un pochino di acqua bollente da aggiungere a piccole dosi solo se necessario.

Le origini di questo piatto sono dibattute. C’è chi lo fa risalire alla cucina partenopea, chi a quella di Ponza. Oggi è una preparazione diffusa in tutta Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.