Gamberi fritti in pastella al limone e semi di papavero

gamberi-in-pastella-al-limone-e-semi-di-papavero-orizz-ok

Finger food sfizioso e raffinato, da servire ai vostri ospiti per una cena speciale: sono i gamberi fritti in pastella al limone e semi di papavero!

Mi hanno regalato dei bei gamberi grandi! Un pò li ho fritti insieme a calamari e trigliette, un pò li ho sgusciati per preparare un antipasto stuzzicante, con una pastella particolare e davvero deliziosa; ecco come nascono i miei gamberi fritti in pastella al limone e semi di papavero!

Prepararli è semplicissimo, ma farete davvero una bella figura soprattutto per una cena elegante o un aperitivo raffinato!

Ingredienti:
300 grammi di gamberi già sgusciati
4 cucchiai di semola di grano duro
un cucchiaio di semi di papavero
un limone
acqua fredda
olio per friggere
sale fino

gamberi-in-pastella-al-limone-e-semi-di-papavero-vert-ok

Preparate la pastella, mescolando la semola di grano duro con i semi di papavero e la scorza del limone grattugiato finemente. Ricordatevi di tenerne da parte una cucchiaiata tagliata a julienne per decorare. Se vi piace il gusto asprigno del limone, potete spremere anche un pochino di succo.

Aggiungete acqua fredda a filo, mescolando fino ad ottenere una pastella abbastanza densa, liscia ed omogenea.

Mettete a scaldare l’olio per friggere, quindi versate i gamberi nella patella, mescolate bene in modo da ricoprirli interamente.

Quando l’olio sarà ben caldo, prelevate un gambero per volta, fate cadere la pastella in eccesso nella ciotola che li contiene e friggeteli finchè non saranno ben dorati.

Servite i gamberi fritti in pastella al limone e semi di papavero ben caldi, cosparsi di buccia di limone a julienne, una spolverata di sale fino e accompagnati da una glassa alla soia.

“Esistono diverse varietà di papavero, da quello da oppio al papavero comune, detto rosolaccio. 
I semi di papavero possono essere bianchi o neri e sono, come tutti i semi oleosi, una ricca fonte di grassi e proteine.
Sono inoltre una preziosa riserva di manganese, calcio, acido linoleico (Omega 6) e vitamina E.” Dal sito Cure naturali.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.