Le frittelle di mele e limone, un dolce che profuma di casa e di genuino!

“Un uomo che rifiuta le frittelle di mele non può avere un’anima pura.
(Charles Lamb)”

E si, come si può resistere alle frittelle di mele? Io non mi fiderei di chi non ne mangia! 😛

Scherzi a parte, credo che siano tra i dolci più irresistibili, con la crosticina soffice e croccante, il ripieno dolcissimo di frutta e tanto zucchero a velo!

Se amate i dolci con le mele come me, date un’occhiata a queste ricette:

Torta di mele e cannella

Torta di mele ricetta classica

Torta di mele e mirtilli

Treccia di brioche alle mele

Crostata farcita con mele e cannella

E comunque vi basterà digitare la parola “mele” nello spazio “cerca” contrassegnato dalla lente d’ingrandimento sulla home page per leggere tutte le ricette con questo frutto.

  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Farina 00 130 g
  • Zucchero semolato 75 g
  • Mele 5
  • Latte 1 tazza
  • Uova 2
  • Olio di semi q.b.
  • Scorza di limone (grattugiata) 1
  • Lievito in polvere per dolci 1 bustina
  • Sale 1 pizzico
  • Zucchero a velo (per decorare) q.b.

Preparazione

  1. Lavate le mele, sbucciatele lasciandole intere. Eliminate il torsolo con l’apposito attrezzino e tagliatele a fette spesse circa mezzo centimetro. Irroratele col succo del limone per non farle annerire e nel frattempo preparate la pastella.

  2. Sbattete i tuorli con il latte, aggiungete la farina setacciata col lievito, il pizzico di sale e la scorza del limone grattugiata.

     

  3. Montate gli albumi a neve ferma e incorporateli delicatamente al composto, mescolando dal basso verso l’alto.

    La pastella deve essere liscia e fluida.

     

  4. Mettete a scaldare l’olio per friggere e, quando sarà ben caldo, immergete le fette di mele nella pastella e fatele cuocere da entrambi i lati finchè non saranno ben dorate.

  5. Cospargete di zucchero a velo e servite ben calde!

Eh già!

Ho trovato l’altra metà della mela
e l’ho riconosciuta perché era bacata nello stesso identico punto
dove ero bacato anche io.
(Anonimo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.