crocchette di patate, zucchine e mortadella

Un secondo sfizioso per la gioia di grandi e piccini: le crocchette di patate, zucchine e mortadella!

La solita crocchetta di patate? Ci piace pure, ma oggi avevo questa zucchina che giaceva solitaria nel frigo… e come sollevarla da questa solitudine? Accompagnandola ad una patata, lessa e sola pure lei e da una fettona di mortadella. Cucina degli avanzi si chiama, io la adoro perchè spesso dà vita a squisitezze come questa, che sanno tanto di cucina della nonna e salvano da una triste solitudine ortaggi non tenuti in considerazione dal proprietario del frigo. 😛 😀

Allora, con queste dosi sono venute fuori 15 crocchette, ci starebbe bene anche un cubetto di formaggio filante all’interno, se vi piace. Non le ho passate nell’uovo e poi nel pangrattato come molti usano fare, secondo me la crosticina del pane è più che sufficiente, ma se volete una crosta più croccante, fate pure.

Ecco invece come le ho preparate io!

Ingredienti:

200 grammi di patate
100 grammi di zucchine
50 grammi di mortadella a fette
2 pugni di parmigiano grattugiato
un uovo
prezzemolo
sale
aglio (facoltativo)
pangrattato q.b.
olio per friggere

crocchette di patate, zucchine e mortadella 2

Lessate le patate con la buccia, quindi lasciatele raffreddare, togliete la buccia e riducetele in purea con un passaverdure.

Grattugiate le zucchine e strizzatele per eliminare l’acqua in eccesso.

In una ciotola capiente versate patate e zucchine, unite l’uovo, il parmigiano grattugiato, il prezzemolo e l’aglio tritati e una presa di sale. Tagliate la mortadella a fettine sottili e mescolatela col resto degli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Bagnandovi le mani con poca acqua, formate delle crocchette che andrete a passare nel pangrattato fino a coprirle bene da tutti i lati. Friggete le crocchette in olio alto e ben caldo, quindi mettetele ad asciugare su carta assorbente e servitele calde, magari accompagnate da una buona insalata verde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.