Crea sito

Risotto all’arancia

Il risotto all’arancia (o più in generale agli agrumi) è una delle specialità della mia mamma che ho leggermente rivisitato in occasione del Natale, aggiungendo alla fine anche delle scorzette di arancia caramellata. Questo primo piatto dal sapore idealmente invernale per la presenza dell’arancia, in realtà è piacevole in tutte le stagioni, anche d’estate, perché gli agrumi conferiscono al riso una nota di freschezza.

risotto all'arancia
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti Risotto all’arancia (o agli agrumi)

dose per 4 persone
  • 1limone
  • 3arance da spremuta
  • 1arancia buccia edibile
  • 400 gRiso Carnaroli (Riso Carnaroli Rizzotti su Ortofood Online Shop)
  • 1cipolla bianca
  • 1 bicchiereVino bianco secco
  • 1 lbrodo vegetale
  • Olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe nero a piacere
  • 2 cucchiaiburro

Preparazione Risotto all’Arancia (o agli agrumi)

Questo risotto è di difficoltà media, ma non impossibile! La cosa più complessa è il giusto bilanciamento del sapore aspro conferito dagli agrumi.
  1. Anzitutto far tostare il riso in una casseruola ampia (possibilmente di rame), a secco, girandolo continuamente con un mestolo di legno finchè i chicchi assumeranno il classico colore trasparente. A questo punto sfumare con il vino bianco, aggiungere la cipolla bianca tritata finissima in modo che venga completamente sciolta nel risotto e allungare con del brodo vegetale per avviare la cottura.

  2. Spremere tre arance e mezzo limone in modo da ottenere un bel bicchiere abbondante di spremuta filtrata.
    Continuare la cottura del riso aggiungendo oltre al brodo il primo terzo di spremuta. Girare il riso in modo da far amalgamare bene i liquidi e farli assorbire. Il risotto non deve mai bollire nel brodo, ma deve cuocere pian piano assorbendo i liquidi progressivamente. A metà cottura aggiungere ancora spremuta e procedere ancora girando per farla assorbire. Completare l’aggiunta del resto della spremuta alla fine, poco prima di spegnere la fiamma. Aggiustare di sale.
    A fiamma spenta mantecare con due noci di burro e con dei tocchetti di arance tagliate a vivo.

  3. arancia caramellata

    A piacere, decorare aggiungendo delle scorze di arancia e limone tagliate a julienne finissima e fatte caramellare. A tal fine scaldare in una padella antiaderente per qualche minuto dello zucchero a canna. Quando è bel caldo aggiungere un cucchiaino d’acqua ed una punta di burro per non far bruciare lo zucchero durante la fase di caramellatura. Aggiungere le scorzette e girarle continuamente finchè non saranno imbrunite e caramellate. Attenzione a non esagerare perché in un attimo potrebbero bruciarsi!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da unamanageraifornelli

Questa sono io: di formazione un Fisico, di mestiere una Manager, ai Fornelli per passione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.