Cucinare senza sprechi

È possibile cucinare piatti buonissimi senza sprechi e a costo zero utilizzando gambi, foglie e bucce, l’importante è iniziare a vedere queste parti di scarto come veri e propri ingredienti. In molti mi avete chiesto di approfondire l’argomento degli scarti alimentari, per ridurre gli sprechi in cucina, creando ottimi piatti con le parti meno pregiate degli alimenti che portiamo in tavola ogni giorno. Ormai lo sapete, non mi piace per niente sprecare, soprattutto in cucina. Alcuni alimenti hanno una percentuale di scarto molto alta, e io cerco sempre di utilizzare queste parti, meno pregiate ma non per questo meno buone, per creare un piatto diverso. Via libera alla fantasia!

Per questo motivo vi lascio le mie ricette testate e qualche idea da provare presa dal web. Ricette buone, economiche ed ecologiche.

Questa pagina è in continuo aggiornamento, torna a trovarmi!

 

FOGLIE DI SEDANO, CAROTE, CAVOLFIORE E RAVANELLI:

Per iniziare a cucinare senza sprechi secondo me bisogna iniziare dalle foglie di questi ortaggi che solitamente buttiamo, che sono circa il 20% dell’alimento. Non buttarle, sono buonissime nei risotti e nelle frittate!

          

Ecco alcune ricette per utilizzarle al meglio:

 

– Frittata di foglie di Carote

 
 
 
 
 
 
 
– Frittata di foglie di ravanelli:
Taglia a pezzettini le foglie dei ravanelli e saltale in padella con un filo d’olio per un paio di minuti. Aggiungile alle uova sbattute con sale e pepe e cuoci la frittata.
 
– Risotto con foglie di carote:
Taglia a listarelle le foglie di carote ed aggiungile al risotto a metà cottura.
 

GAMBI E BUCCE DI VERDURE:

 

I gambi di alcuni ortaggi, come quelli di cavolfiori e broccoli si possono tritare per farne creme e polpette. I gambi delle biete invece sono buoni per il pesto mentre quelli grossi delle coste sono favolosi gratinati.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
– Torta con bucce di carote:
Tritate le bucce e saltatele in padella con un po’ di burro, zucchero, frutta secca tritata e uvetta. aggiungete la cannella, fate raffreddare ed unitele all’impasto della torta margherita.
Chips di bucce di patate:
 
– Bucce di patate alla paprika:
Tagliate le bucce a stiscioline, fatele friggere in olio bollente, aggiungete sale, pepe, paprika e servite subito.
 
– Salsa di gambi di carciofi:
Cuocete in poca acqua i gambi e le foglie esterne dei carciofi. Scolateli e frullateli con qualche noce, uno spicchio d’aglio e un filo di olio. Servite con dei crostini di pane.

 

– Pesto di bucce di carote:
Frullate le bucce delle carote con qualche mandorla, uno spicchio di aglio, un filo di olio e un pizzico di sale. Aggiungete del curry o della senape e servite il pesto con dei crostini di pane.

 

BACCELLI DI FAVE O PISELLI:

– Crema di baccelli di fave o piselli:
Sbollentate i baccelli per 15 minuti, scolateli e frullateli con uno spicchio d’aglio, un filo d’olio, sale e pepe. Aggiungete della paprika affumicata o del peperoncino e servite la crema con dei crostini.

 

INSALATA VECCHIA:

– Bruschette di verdure:
Saltate in padella con un filo d’olio mezza cipolla affettata per due minuti. Spegnete il fuoco e aggiungete l’insalata vecchia, qualche oliva e un’acciuga a pezzi. Servitele con del pane vecchio tostato.

 

ACQUA DI POMODORO:

 
– Pizza di pane:
Tagliate a fette il pane raffermo e bagnatelo nel latte. Disponetelo in una teglia senza lasciare spazi e conditelo con passata di pomodoro, origano e mozzarella. Cuocete in forno per 20 minuti.

 

SEMI DI ZUCCA:

 

AVANZI PI PASTA:

 
Cucinare senza sprechi a casa mia vuol dire anche riutilizzare la pasta. Capita spesso che avanzi perché magari torno tardi dal lavoro, rimane asciutta e non mi va di mangiarla, quindi una bella e buona frittata di pasta è il modo migliore per renderla più gustosa!
 
 
 
 

SCARTI DI PESCE E CROSTACEI:

 
– Brodo di crostacei:
Mettete in una pentola i gusci e le teste dei gamberoni, aggiungete un filo d’olio, uno scalogno e un pezzo di carota. cuocete un paio di minuti ed aggiungete acqua e un pizzico di sale. Cuocete per 30 minuti, filtrate ed usate il brodo per un risotto.- Brodo di pesce con scarti:Mettete la pelle, la lisca e la testa dei pesci in acqua fredda e fateli bollire con un pizzico di sale, una carota e un gambo di sedano per 30 minuti. Filtrate il brodo e usatelo in un risotto.
 

BUCCE E SCARTI DI FRUTTA:

Banane troppo mature, bucce di anguria, mela e scarti di estratti o centrifughe:

 

 
– Biscotti con bucce di mela:
Quando preparate i biscotti aggiungete le bucce di mela tagliate a striscioline sottili  all’impasto dei biscotti.
 

AVANZI DI PANETTONE E PANDORO:

Per cucinare senza sprechi bisogna anche riciclare prodotti non più freschissimi, come un pezzo di panettone o pandoro aperto da un po, che magari non è più soffice come il primo giorno. Ecco come :

 

 
 
 
 

AVANZI DI TORRONE, FRUTTA SECCA E CIOCCOLATO:

 

ESUBERO DI LIEVITO MADRE:

Cucinare senza sprechi vuol dire anche non buttare il lievito madre che si accumula nei vari rinfreschi:

 

– Grissini arrotolati con esubero di Lievito Madre

– Grissini con esubero di Lievito Madre

 

Un’altra buona idea per ridurre gli sprechi in cucina è quella di utilizzare gli scarti di un prodotto alimentare in maniera alternativa, per utilizzi non alimentari, come i fondi di caffè:

 
– Possono essere utilizzati come deodorante per il frigorifero. Lasciati asciugare e messi in un piccolo contenitore, come un bicchierino di plastica, riposti in frigo per un paio di giorni assorbono gli odori sgradevoli.
 
– Dopo aver tagliato cipolla e aglio per togliere dalle mani l’odore sgradevole potete strofinarle con i fondi di caffè e sciacquarle sotto l’acqua.
 
– Per rimuovere lo sporco ostinato dal lavello e dalle pentole si possono mischiare i fondi di caffè con un po’ di detersivo per piatti per ottenere una crema abrasiva.
 
Per queste ricette ho preso spunto dalla mia fantasia, dai consigli delle amiche, dal web e da alcuni libri con delle ricette per “salvare il pianeta”.

Una risposta a “Cucinare senza sprechi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.