Dado Vegetale fatto in casa, ideale per Brodo

I dadi industriali saranno anche molto comodi da usare ma non fanno per niente bene. Mio figlio mangerebbe sempre la pastina e non posso di certo mettermi a fare il brodo tutti i giorni, per questo motivo, molto tempo fa, ho iniziato a preparare il dado vegetale. La classica versione del mio dado (che trovate QUI) va benissimo da usare direttamente in padella per insaporire le verdure, la carne o il pesce. Se invece quello che vi serve è un ottimo brodo vegetale, ad esempio per preparare risotti o pastine, vi consiglio di provare questa versione del dado con meno sale. Io mi trovo benissimo perché lo metto in barattoli di vetro e lo congelo. Non ghiaccia del tutto ma rimane cremoso grazie al contenuto di sale, quando mi serve lo prendo con un cucchiaino e rimetto il barattolo in freezer. Se invece volete un dado con ancora meno sale provate la mia ricetta del Dado vegetale con poco sale in crema.
Potete mettere le verdure e gli aromi che preferite, io stavolta l’ho preparato cosi, spero che la mia ricetta vi piaccia!

INGREDIENTI:

1 kg di verdure già pulite tra cui:
Carote
Sedano
Cipolla rossa
Zucchine
Zucca
1 spicchio d’aglio
Prezzemolo

250 gr di sale grosso

PREPARAZIONE:

Lavate e pulite tutte le verdure, tagliatele a pezzi e pesatele. Mettetele in una pentola ed aggiungete il sale e gli aromi. Cuocete, mescolando ogni tanto, per circa 1 ora, tritate tutto con un frullatore a immersione e fate raffreddare. Versate il dado vegetale in vasetti, chiudeteli e metteteli in freezer.

Il dado, grazie al contenuto di sale, non ghiaccerà del tutto ma rimarrà cremoso, quindi potrete prendere la dose che vi serve con un cucchiaino e rimettere il resto in freezer.

Con questa ricetta partecipo (fuori concorso) al contest: MEAT FREE CONTEST ideato da Una mamma che cucina ed ospitato dal blog Una mamma che cucina.

3 Risposte a “Dado Vegetale fatto in casa, ideale per Brodo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.