Crea sito

torta senza lattosio

Torta miele e mandorle

Torta miele e mandorle
Torta miele e mandorle

TORTA MIELE E MANDORLE

Una torta profumata e deliziosa, ideale da mangiare a colazione o a merenda, magari accompagnata da una bella tazza di the alla vaniglia o all’arancia.

Il miele è un alimento antichissimo, usato già dagli antichi egizi per dolcificare le pietanze (cosa che accade anche oggigiorno), per conservarle (in particolare, era usato per conservare la frutta fresca come le mele e le pere), come alimento per i neonati (insieme al latte) ma anche come prodotto di estetica, usato per la produzione di profumi, olii. Insomma, un alimento dal valore inestimabile!

Una ricetta facile veloce, pochi e semplici ingredienti che si combinano tra loro per dar vita ad una torta soffice e gustosa; io ho usato il miele millefiori ma voi potete usare il miele che più preferite, come quello al timo, all’arancia, ecc.

Se amate il gusto del miele, vi consiglio di provare anche la torta miele e yogurt che trovate al seguente link TORTA MIELE E YOGURT , e il ciambellone alla camomilla che trovate al link Ciambellone alla camomilla .

 

 

Ingredienti:
350 gr di miele millefiori
300 gr di farina 00
50 gr di burro
4 uova
200 ml di latte
20 gr di mandorle a scaglie
1 bustina di lievito in polvere per dolci

 

 

Preparazione:
Preriscaldare il forno a 180 gradi e rivestire una teglia di carta forno.
In una ciotola, lavorare le uova con una frusta per ottenere un composto spumoso.
Aggiungere il miele, il burro tagliato a cubetti, il latte e continuare a mescolare con l’aiuto di una frusta o un cucchiaio di legno.
Aggiungere la farina setacciata e il lievito in polvere per dolci continuando a mescolare.
Versare il composto ottenuto nella teglia rivestita e decorare la superficie con le scaglie di mandorle.
Cuocere in forno caldo a 180 gradi per circa 30 minuti.
Sfornare e far raffreddare.
Prima di servire, spolverare con lo zucchero a velo.

Torta al limone e cocco

Torta al limone e coccoTorta al limone e cocco

Questa Torta al limone e cocco è fantastica da mangiare a merenda, magari accompagnata da una tazza di tè speziato.

Una torta soffice, morbida, che durante la cottura riempirà la vostra cucina del profumo di agrumi, una vera delizia!

Farina, uova, zucchero, lievito, olio di semi e limoni fanno di questa torta un piccolo assaggio di paradiso.

L’assenza di burro e latte, inoltre, rende questo dolce perfetto per gli intolleranti al lattosio.

Per l’aroma, io ho usato solo la scorza di limone e il limoncello ma, se preferite, potete aggiungere una bustina di vanillina o una fialetta di aroma al limone.

 

 

Ingredienti:

200 gr di farina 00

50 gr di farina di riso

4 uova

200 gr di zucchero di canna (o semolato, come preferite)

100 ml di olio di semi di girasole

1 bicchierino di limoncello (facoltativo)

100 ml di acqua

1 limone

1 bustina di lievito per dolci

scaglie di cocco grattugiato q.b.

 

 

 

Procedimento:

In una ciotola, sbattere le uova con lo zucchero di canna usando una frusta elettrica o una forchetta.

Lavare il limone e grattugiarne la scorza.

Nella ciotola con le uova, aggiungere la scorza grattugiata del limone, l’acqua, il limoncello, l’olio di semi di girasole e continuare a mescolare.

Aggiungere la farina setacciata e mescolare.

L’obiettivo è ottenere un composto omogeneo, privo di grumi solitamente dovuti alla farina.

Come ultimo ingrediente, aggiungere il lievito in polvere e mescolare.

Preriscaldare il forno a 180 gradi.

Rivestire uno teglia di carta forno e versarvi il composto.

Cuocere la torta in forno caldo per circa 40 minuti, fino a doratura.

Prima di sfornare la torta, fare la “prova dello stuzzicadenti”: infilare lo stuzzicadenti nella torta e spegnere il forno solo se lo stuzzicadenti sarà perfettamente pulito.

Altrimenti, lasciare cuocere la torta per qualche altro minuto.

Una volta pronta, sfornare la torta e lasciarla raffreddare a temperatura ambiente.

Prima di servire la Torta al limone e cocco, spolverare la superficie con scaglie di cocco grattugiato.

Buona merenda!

 

 

 

 

Ciambellone alla camomilla

Ciambellone alla camomilla
Ciambellone alla camomilla

CIAMBELLONE ALLA CAMOMILLA

Avreste mai pensato di preparare un dolce con la camomilla, la bevanda usata solitamente per “placare gli animi” dei più piccoli?? Io no, e infatti, quando ho trovato la ricetta su un sito web di cucina ho pensato subito di rifarla!

Il risultato??

Un dolce soffice e profumato, una torta ideale da gustare a colazione o a merenda, magari accompagnato da una bella tazza di the; una ricetta facile, adatta agli intolleranti al glutine e a chi è attento alla linea, poiché priva di burro e zucchero (sostituito con il dolcificante Stevia).

Se siete attenti alla linea ma non volete rinunciare al gusto, vi consiglio di provare anche il ciambellone leggero, descritto al seguente link Ciambellone leggero

 

 

Ingredienti:

230 gr di farina di kamut

200 gr di dolcificante (io ho usato la Stevia)

4 cucchiai di miele millefiori

150 gr di yogurt bianco (o yogurt greco, in base alle vostre preferenze)

90 ml di olio extravergine di oliva

Una bustina di camomilla solubile

1 bustina di lievito in polvere per dolci

1 bustina di vanillina

zucchero a velo q.b. (facoltativo)

 

 

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 180 gradi.

In una ciotola, unire il dolcificante, la farina di kamut, la vanillina e il lievito in polvere per dolci.

In un’altra ciotola, unire lo yogurt, il miele, l’olio extravergine di oliva e la camomilla solubile, quindi mescolare bene per amalgamare gli ingredienti.

Versare la ciotola con gli ingredienti “liquidi” in quella con gli ingredienti “solidi” e mescolare il tutto per ottenere un composto liscio, omogeneo e privo di grumi (aiutatevi con una frusta, in modo da evitare la formazione di grumi antipatici causati dalla farina).

Versare il composto ottenuto in uno stampo in silicone (o in una teglia foderata di carta forno) e cuocere in forno caldo a 180 gradi per 45 minuti.

Sfornare e far raffreddare prima di servire. A piacere, aggiungere una spolverata di zucchero a velo.

Torta ricotta e cioccolato

Torta ricotta e cioccolato
Torta ricotta e cioccolato

Torta ricotta e cioccolato

Un dolce soffice per la prima colazione, una Torta ricotta e cioccolato, in grado di soddisfare i palati di grandi e piccini; una torta che vi riporterà con la mente a quelle che, da piccoli, ci preparavano le nostre nonne dicendo che era “meglio una fetta di torta che una merendina“.

Per l’esattezza, nella “playlist” di mia nonna c’erano la crostata con la marmellata, la torta di mele e la torta ricotta e cioccolato, dolci che preparava a rotazione, di settimana in settimana. Ah, bei ricordi!

Per la preparazione della torta, ho usato il cacao amaro in polvere ma voi, se desiderate un risultato più “ghiotto” (e calorico), potete sostituire il cacao con una tavoletta di cioccolato fondente sciolta in un pentolino a bagnomaria… mmm che bontà!

Ingredienti:

350 gr di farina 00
150 gr di dolcificante (io ho usato la Stevia ma voi potete usare lo zucchero semolato o lo zucchero di canna, in base alle vostre preferenze)
250 gr di ricotta fresca
50 gr di burro
3 cucchiai di cacao amaro in polvere
150 ml di latte
1 bustina di lievito per dolci in polvere
Un pizzico di sale
Zucchero a velo (opzionale)

 

 

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 180 gradi.
In una ciotola, unire il dolcificante, il burro a temperatura ambiente e la ricotta, mescolando bene per creare una sorta di crema.
Aggiungere la farina setacciata, il latte, il lievito in polvere per dolci, un pizzico di sale e il cacao amaro.
Mescolare bene (magari aiutandovi con una frusta, in modo da evitare la formazione di grumi) per ottenere un composto omogeneo.
Versare il composto in uno stampo in silicone (o in una teglia rivestita di carta forno) e cuocere in forno caldo a 180 gradi per 50 minuti.
Sfornare e far raffreddare.
Prima di servire, decorare la Torta ricotta e cioccolato con lo zucchero a velo.

Torta al grano saraceno e marmellata

Torta al grano saraceno e marmellata
Torta al grano saraceno e marmellata

Torta al grano saraceno e marmellata

La Torta al grano saraceno e marmellata è un dolce della tradizione trentina, perfetto da mangiare a merenda o a colazione.

La farina di grano saraceno è una farina senza glutine, ricca di ferro e sali minerali; quanto al gusto, si sposa molto bene con le marmellate scure (come quella di mirtilli, ad esempio) ma anche con quelle rosse (come fragole e lamponi).

Oltre alla farina di grano saraceno, ho usato quella di mandorle, anch’essa senza glutine, ricca di magnesio e sali minerali, perfetta per dolci morbidi e profumati.

 

 

Ingredienti:

400 gr di farina (200 gr di grano saraceno e 200 gr di mandorle)

5 uova

200 gr di zucchero di canna

200 gr di burro

1 bustina di vanillina

1 vasetto di marmellata (io ho usato la marmellata di fragole)

zucchero a velo q.b.

 

 

Procedimento:

Tagliare il burro a dadini.

In una ciotola, lavorare il burro con lo zucchero di canna, fino ad ottenere un composto spumoso.

Rompere le uova separando i tuorli dagli albumi.

Montare gli albumi a neve ben ferma con una frusta elettrica.

Aggiungere i tuorli al composto di burro e zucchero, mescolando con una frusta.

Quando tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati, aggiungere prima la vanillina e poi la farina di grano saraceno e la farina di mandorle, mescolando sempre delicatamente.

Mescolare per qualche minuto cercando di evitare la formazione di grumi dovuti alla farina.

Aggiungere ora gli albumi montati a neve, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto per evitare di smontarli.

Rivestire una tortiera di carta forno e preriscaldare il forno a 180°.

Versare il composto nella teglia e cuocere in forno caldo a 180° per 40-45 minuti.

Prima di estrarre la torta, fare la prova dello stecchino: la torta sarà pronta solo quando lo stecchino verrà estratto completamente asciutto.

Sfornare la torta e lasciarla raffreddare a temperatura ambiente.

Una volta fredda, tagliare la torta a metà e farcirla con la marmellata, quindi richiudere.

Servire la Torta al grano saraceno e marmellata intera o tagliata a fette, con una spolverata di zucchero a velo sulla superficie.

 

Mini cake al cioccolato

Mini cake al cioccolato
Mini cake al cioccolato

MINI CAKE AL CIOCCOLATO

È quasi l’ora della merenda e voi avete voglia di un dolcino morbido, cioccolatoso ma che non mandi all’aria le dure sessioni di allenamento in palestra?!?

Ho io la soluzione che fa per voi: una mini tortina al cioccolato, senza grassi (poiché senza uova, burro e olio), ipocalorica (poiché preparata con lo zucchero di canna), perfetta da consumare insieme ad una tazza di the speziato o un caffè americano. Io ho preparato questa mini tortina usando il cacao amaro in polvere ma voi, se volete renderla più leggera, potete sostituire il cacao con la scorza grattugiata di un limone o di un’arancia, ottenendo così una tortina dal sapore agrumato.

Io, avendo due amiche ospiti, ho preparato tre tortini, ma voi potete realizzarne solo uno oppure, addirittura, prepararne 4-5 e mangiarli con più volte (avendo cura di conservare i tortini in un’alzatina per torte o in un contenitore di latta, in modo che non si secchino eccessivamente).

 

 

Ingredienti per 3 tortini:

250 gr di farina

125 ml di yogurt bianco

100 ml di latte di soia

3 cucchiai di cacao amaro in polvere

120 gr di zucchero di canna

1 bustina di lievito per dolci

1 bustina di vanillina

1/2 tavoletta di cioccolato fondente

 

 

Procedimento:

In una ciotola, sbattere le uova con lo zucchero di canna.

Aggiungere lo yogurt, il latte di soia, la farina setacciata, il lievito, la vanillina e mescolare vene per ottenere un composto liscio e senza grumi.

In ultimo, aggiungere il cacao amaro in polvere e mescolare.

Versare il composto negli stampini in silicone, riempiendoli per 3/4.

Cuocere in forno caldo a 180 gradi per 40 minuti.

Sfornare e far raffreddare.

Nel frattempo, sciogliere la tavoletta di cioccolato fondente in un pentolino a bagnomaria.

Quando il cioccolato sarà fuso, distribuirlo sui tortini e riporli in frigorifero per almeno 30 minuti, in modo da far solidificare il cioccolato, poi servire.