rum

Martinimisù

Martinimisù
Martinimisù

Martinimisù

Avete ancora del pandoro/panettone avanzato e non sapete come smaltirlo?!? Avete già fatto il classico pandoro farcito (con crema pasticcera o crema chantilly), avete mangiato il pandoro persino a colazione inzuppato nel latte (e a merenda nel the), avete usato il pandoro come base delle torte al posto del pan di Spagna?!? Se avete già fatto tutte queste ricettine, allora vi manca il “Martinimisu'”: dadini di pandoro/panettone immersi in una crema al tiramisù (preparata con mascarpone, uova, zucchero, caff e rum) e serviti nei bicchieri da Martini… Geniali, no?!?

Ingredienti per 4 porzioni:
Pandoro/panettone avanzato (io ho usato il pandoro classico ma voi potete usare anche il panettone con canditi e/o uvetta, in base a ciò che avete a disposizione)
250 gr di mascarpone
60 gr di zucchero di canna (o semolato, come preferite)
2 uova
2 tazzine di caffè
1 cucchiaio di rum
Cacao amaro in polvere e scaglie di cioccolato q.b.

Procedimento:
Iniziare preparando la crema del tiramisù.
Separare i tuorli dagli albumi mettendoli in due ciotole diverse.
Sbattere i tuorli con lo zucchero, per ottenere un composto chiaro e senza grumi.
Aggiungere poi il mascarpone e continuare a mescolare.
Montare gli albumi a neve ben ferma, poi incorporarli al composto di uova e mascarpone mescolando delicatamente dal basso verso l’alto, per evitare che gli albumi di smontino. Il risultato dovrà essere una crema densa e soda.
Ora tagliare il pandoro/panettone a cubetti e inzuppare ogni cubetto nel caffè freddo.
Sistemare i cubetti di pandoro/panettone sul fondo del bicchiere da Martini, poi ricoprire con uno strato di crema di tiramisù, aggiungere qualche altro cubetto di pandoro/panettone e infine ultimare con uno strato abbondante di crema.
Mettere i dessert in frigorifero per almeno 3 ore, in modo da far rassodare la crema.
Prima di servire il Martinimisù, decorare con una spolverata di cacao amaro e le scaglie di cioccolato.

La caprese di Coco

La caprese di Coco
La caprese di Coco

La caprese di Coco

Qualche sera fa sono andata a cena con i colleghi in un famoso ristorante romano dove ci hanno servito un dessert a far poco spettacolare: torta caprese con volata di salsa all’inglese.

Una vera delizia: l’amaro del cioccolato è esaltato alla perfezione e dal gusto rustico delle mandorle e dalla salsa calda.

Esaltata da questo trionfo di sapori, ho pensato subito di prepararla a casa mia in occasione di una cena tra amici e, devo dire la verità: non ne è rimasto neanche un pezzettino da mangiare il giorno dopo a colazione. Maledetti!!!!

E dunque, vi presento ora La caprese di Coco, un dessert prelibato che richiede un’unica accortezza: preparare la salsa proprio prima di servire, in modo da ottenere un dessert che si scioglie in bocca.

Ingredienti per la torta caprese (per uno stampo rotondo):

200 gr di farina
250 gr di zucchero
250 gr di burro
100 gr di mandorle
2 tavolette di cioccolato fondente
5 uova
1 bustina di vanillina
1 bicchierino di rum

Ingredienti per la salsa all’inglese:
200 ml di latte
1 uovo
80 gr di zucchero
1 cucchiaio di farina
1 fialetta di aroma alla vaniglia
un cucchiaino di rum

Procedimento:

Iniziare con la preparazione della torta.

Sciogliere le due tavolette di cioccolato fondente in un pentolino a bagnomaria.

Tritare le mandorle con un robot o con un coltello da cucina.

Una volta che il cioccolato sarà sciolto, spegnere il fuoco e aggiungere il burro, mescolando bene per amalgamare gli ingredienti.

In una ciotola sbattere le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso.

Aggiungere la farina setacciata, il cioccolato e il burro intiepiditi, le mandorle tritate, la vanillina e il rum, mescolando bene con una spatola per ottenere un composto omogeneo e orino di grumi.

Preriscaldare il forno a 180 gradi e rivestire una teglia di carta forno.

Versare l’impasto bella teglia rivestita distribuendolo uniformemente.

Cuocere la torta in forno caldo a 180 gradi per 35 minuti.

Sfornare la torta e lasciarla intiepidire.

Nel frattempo, dedicarsi alla preparazione della salsa all’inglese.

Versare il latte, il rum e l’aroma di vaniglia in un pentolino e portarlo a ebollizione.

In una ciotola, sbattere l’uovo con lo zucchero e la farina.

Versare ora l’uovo sbattuto nel pentolino con il latte e Cuocere per 3-4 minuti a fuoco basso, mescolando di continuo con una frusta.

La salsa all’inglese è pronta.

Servire il dessert disponendo sul piatto un quadratino di torta caprese ricoperto da una colata di crema all’inglese e una spolverata di zucchero a velo o topping al cioccolato (facoltativo).

Zuppa inglese al cioccolato

Zuppa inglese al cioccolato
Zuppa inglese al cioccolato

Zuppa inglese al cioccolato

 

Un dessert gustoso e di facile realizzazione: tre strati di pan di spagna bagnati al rum e all’alchermes, farciti con crema pasticcera fatta in casa e ricoperto di glassa di cioccolato fondente.

Io ho preparato il pan di spagna seguendo la ricetta di mia nonna (uova, farina e zucchero) ma voi, se avete poco tempo a disposizione, potete usare tranquillamente il pan di spagna confezionato.

 

Ingredienti:

per la crema pasticcera:

6 tuorli

170 gr di zucchero semolato

40 gr di farina 00

500 ml di latte (intero o scremato, come preferite)

1 limone

per il pan di spagna:

100 gr di farina

3 uova

100 gr di zucchero semolato

per la zuppa inglese:

alchermes q.b.

rum q.b.

2 tavolette di cioccolato fondente

40 gr di burro

 

 

 

Procedimento:

Cominciare preparando il pan di spagna.

Rompere le uova e sbatterle in una ciotola insieme allo zucchero semolato (aiutatevi con una frusta elettrica o manuale).

Montare bene le uova per cercare di ottenere un composto chiaro e spumoso.

Non inserendo il lievito nella ricetta, sarà fondamentale montare bene le uova per dare morbidezza al pan di spagna.

Una volta montate le uova, aggiungere la farina setacciata, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto con un cucchiaio di legno, per evitare di smontare le uova.

Preriscaldare il forno a 180 gradi e rivestire una tortiera di carta forno.

Versare il composto nella tortiera rivestita e livellarlo.

Cuocere il pan di spagna in forno caldo a 180 gradi per 20-25 minuti, fino a doratura.

Sfornare e lasciar raffreddare il pan di spagna a temperatura inglese.

Nel frattempo, preparare la crema pasticcera.

Lavare un limone e grattugiarlo per ottenere la scorza.

Rompere le uova e sbatterle in una ciotola insieme allo zucchero semolato.

Aggiungere la farina setacciata e continuare a mescolare per amalgamare il composto.

Scaldare il latte in un pentolino sul fuoco o nel microonde per 2-3 minuti alla max temperatura.

Versare il latte caldo a filo nella ciotola con le uova e la farina, mescolando di continuo.

Aggiungere la scorza grattugiata di un limone e continuare a mescolare.

Trasferire la crema ottenuta in un pentolino e cuocere a fuoco basso per 4-5 minuti, mescolando di continuo con un cucchiaio di legno per evitare che la crema si attacchi al fondo del pentolino.

Una volta pronta, spegnere il fuoco e far raffreddare la crema a temperatura ambiente.

Versare l’alchermes in un piatto fondo e allungarlo con un po’ d’acqua.

In un’altro piatto, versare il rum diluito con un po’ d’acqua.

Tagliare a fette il pan di Spagna e bagnarlo prima con l’alchermes poi con il rum.

Adagiare la base del pan di spagna su un piatto da portata.

Distribuire uno strato di crema pasticcera sulla base del pan di spagna.

Ricoprire con un altro strato di pan di spagna bagnato di rum e alchermes.

Spalmare la crema pasticcera sullo strato di pan di spagna e proseguire in questo modo fino a esaurire gli ingredienti.

Mettere la torta preparata in frigorifero a riposare per almeno 1 ora, in modo che la crema si rassodi.

Preparare la copertura della Zuppa inglese.

Tagliare il cioccolato fondente a cubotti.

In un pentolino, sciogliere a fuoco basso il cioccolato fondente e il burro, mescolando di continuo per ottenere una glassa densa e corposa.

Ricoprire la torta con la glassa di cioccolato e lasciare riposare la torta in frigorifero per almeno 30 minuti.

Servire la Zuppa inglese al cioccolato fredda, tagliata a fette, decorando con salsa topping al cioccolato o ciuffi di panna montata fresca, a vostro piacimento.

Eggnog

Eggnog
Eggnog

Eggnog

L’ Eggnog, anche noto come “latte di gallina”, è una bevanda inventata nel 1700 da un barista londinese è diffusa tra l’aristocrazia del tempo. Oggi, durante il periodo natalizio, è abitudine consumare questa bevanda soprattutto in Gran Bretagna, Stati Uniti, Canada e Lussemburgo. Si prepara con pochi ingredienti (latte, uova, zucchero, brandy, rum, panna per dolci e cannella in polvere) e viene servito freddo, o a temperatura ambiente, se preferite. Non siate scettici per la presenza delle uova servite crude: questo drink non ha mai ammazzato nessuno, anzi!! Vi svelo un segreto: io, contrariamente a quanto consiglia la ricetta (“servire freddo”), ho riscaldato l’eggnog per un minuto e mezzo al microonde e poi l’ho gustato davanti una serie TV, inzuppando biscotti al latte nella mia bevanda. Il risultato?!?! E che ve lo dici a fa!!! Anzi, la prossima volta sostituirò il latte intero con il latte di soia aromatizzato alla vaniglia… che ne dite?!? Potrebbe essere una buona idea??

Ingredienti per 2 porzioni:
250 ml di latte intero o scremato, in base ai vostri gusti
2 uova
60 gr di zucchero
60 ml di brandy
60 ml di rum
75 ml di panna per dolci
cannella in polvere q.b.

Procedimento:
Separate i tuorli dagli albumi.
In una ciotola, sbattere i tuorli con lo zucchero per ottenere un composto spumoso (aiutatevi con una frusta da cucina o uno sbattitore elettrico) e privo di grumi.
Aggiungere il rum, il brandy, la panna per dolci e il latte e continuare a mescolare per amalgamare bene gli ingredienti.
Montare gli albumi a neve ben ferma (aiutandovi con uno sbattitore manuale o elettrico).
Incorporare gli albumi al composto con le uova, mescolando delicatamente con una spatola, dal basso verso l’alto, per evitare di smontare gli albumi.
Dividere la crema ottenuta in due tazze e lasciarle riposare in frigorifero per almeno 2 ore.
Prima di servire, decorare le eggnog con una spolverata di cannella.