pranzo

Fettuccine alla papalina

Fettuccine alla papalina
Fettuccine alla papalina

Fettuccine alla papalina

Come poteva un cuoco degli anni ’50 rifiutarsi di preparare per il Papa Pio XII una “carbonara più delicata” e non chiamarla “alla papalina”?!?

Ecco la storia di questo piatto, fettuccine con prosciutto crudo, parmigiano grattugiato e tuorlo d’uovo, ma che molti realizzano aggiungendo panna, funghi champignon, formaggio pecorino, prosciutto cotto e piselli primavera (come ho fatto io).
Vi consiglio di utilizzare la pasta fresca all’uovo, tanto per rimanere fedeli alla ricetta originale, ma, in mancanza delle fettuccine, potere usare tonnarelli o tagliatelle, purché all’uovo!
Un primo piatto sfizioso, economico e raffinato poiché degno della bocca di un Papa, ideale per un pranzo fugace o da servire ai vostri ospiti insieme ad un bel calice di vino bianco secco.

Ingredienti per una porzione:

70 gr di fettuccine all’uovo
2 fette di prosciutto crudo
20 gr di burro a temperatura ambiente
40 gr di piselli primavera surgelati
1/4 cipolla
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
1 uovo
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
Sale, pepe nero

Procedimento:

Tritare finemente la cipolla.
Tagliare le fette di prosciutto crudo a striscioline.
In una padella, rosolare la cipolla tritata con un cucchiaio di olio extravergine di oliva e il burro, poi aggiungere i piselli primavera.
Salare, mescolare e cuocere a fiamma bassa, coprendo la padella con il coperchio.
Quando i piselli saranno morbidi, aggiungere le striscioline di prosciutto crudo, mescolare e far saltare per qualche minuto, fino a quando il prosciutto sarà leggermente croccante.
In una ciotola, sbattere l’uovo con il parmigiano grattugiato, un pizzico di sale e una spolverata di pepe nero.
Riempire una pentola d’acqua e portarla a ebollizione per cuocervi la pasta.
Scolare le fettuccine al dente e versarle in padella per saltarle insieme al condimento.
Spegnere la fiamma, versare l’uovo sbattuto sulle fettuccine e mescolare bene per amalgamare gli ingredienti.
Servire le fettuccine ben calde, magari aggiungendo un ulteriore spolverata di parmigiano.

Lasagna

Lasagna
Lasagna

Lasagna

La lasagna è il piatto forte della cucina emiliana, protagonista indiscusso dei pranzi domenicali di tutte le famiglie italiane.

Si tratta di una ricetta facile ed economica, realizzata con pasta sfoglia, ottimo ragù di maiale, besciamella e mozzarella.

Io ho usato la pasta sfoglia già pronta ma voi potete prepararla tranquillamente a casa vostra, aumentando però così il tempo di preparazione.

Vi consiglio vivamente di non elemosinare sul condimento altrimenti rischiereste di compromettere la perfetta riuscita del piatto stesso.

 

 

Ingredienti per due porzioni:

250 gr di pasta all’uovo

200 ml di besciamella

1 mozzarella

5-6 cucchiai di parmigiano grattugiato

Per il ragù di maiale:

100 gr di carne di maiale macinata (o due salsicce, in base alle vostre disponibilità)

1/2 cipolla

1 tazza di salsa di pomodoro

uno spicchio d’aglio

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

Sale, pepe

 

 

Procedimento:

Iniziamo con il realizzare il ragù di maiale.

Tritare finemente la cipolla.

In una padella, rosolare uno spicchio d’aglio e la cipolla tritata con un filo di olio extravergine di oliva.

Quando la cipolla comincerà a dorare, aggiungere la carne macinata e farla rosolare.

Aggiungere anche la salsa di pomodoro e cuocere mescolando di tanto in tanto.

Cuocere per una ventina di minuti, mescolando di tanto in tanto.

Ora prepariamo le lasagne.

Riempire una pentola d’acqua salata e sbollentarvi le sfoglie per circa un minuto, poi, scolarle e adagiarle su un canovaccio pulito per farle asciugare.

Tagliare la mozzarella a cubetti.

In una teglia, spalmare sul fondo uno strato di besciamella, poi uno di lasagne, uno di ragù, uno di mozzarella, poi uno di besciamella.

Continuare così fino ad esaurire tutti gli ingredienti e, infine, sull’ultimo strato, spolverare una dose abbondante di parmigiano grattugiato per far si che gratini durante la cottura in forno.

Cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per 20 minuti, poi sfornare e far raffreddare prima di servire.

Anellini alla pecorara

Anellini alla pecorara
Anellini alla pecorara

ANELLINI ALLA PECORARA

Gli anellini alla Pecorara sono una ricetta tipica della cucina abruzzese, un piatto della tradizione contadina e pastorale a base di ricotta e ortaggi.
Per alquanto riguarda la pasta, gli anellini, è facile reperirla nei negozi abruzzesi mentre è raro trovarla in altre regioni, ma può comunque essere sostituita con un qualsiasi tipo di pasta fresca corta come i tagliolini e le orecchiette.
Mia nonna, da brava abruzzese, prepara gli anellini con le sue manine ingegnose e poi li congela per averne sempre di scorta.
Si tratta di una ricetta semplice, di facile realizzazione e ricca di gusto, ideale per gli amanti delle verdure.

 

 

Ingredienti per una porzione:
80 gr di anellini (o di qualsiasi altro tipo di pasta fresca corta come i tagliolini o le orecchiette)
40 gr di ricotta fresca di pecora
1/2 peperone
1/2 zucchina
1/4 di melanzana
1/2 tazza di salsa di pomodoro
1/2 cipolla
1-2 cucchiai di formaggio pecorino grattugiato
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
Sale

 

 

Procedimento:

Tritare la cipolla finemente.

Versare un filo di olio in una padella e, quando comincerà a sfrigolare, rosolarvi la cipolla tritata fino a doratura.

Aggiungere la salsa di pomodoro e cuocere a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto per evitare che il sugo si attacchi ai bordi della padella.

Nel frattempo, lavare le verdure e tagliarle a dadini.

Aggiungere le verdure in padella e cuocerle insieme alla salsa.

Salare e continuare la cottura a fuoco basso, per circa dieci minuti, giusto il tempo di far ammorbidire le verdure e insaporire il sugo.

Nel frattempo, riempire una pentola d’acqua, portarla a ebollizione e cuocervi la pasta.

Scolare la pasta al dente poi riversarla in padella insieme alle verdure per farla saltare a fuoco vivace.

Prima di servire, cospargere la pasta con ricotta fresca grattugiata e qualche cucchiaio di formaggio pecorino grattugiato.

Pasta al forno

Pasta al forno
Pasta al forno

Pasta al forno

Un piatto facile da fare, ideale da gustare la domenica a pranzo o da servire ai vostri ospiti per essere sicuri di non lasciarli a pancia vuota.

chi non ama la croccantezza della pasta unita alla mozzarella filante e il ragù?!?

Nonostante possa sembrare un piatto semplice, esistono però dei “trucchi” per fare una Pasta al forno perfetta.

Uno di questi è cucinare tutto in anticipo, magari la sera prima, in modo tale che la pasta assorba tutto il sapore del sugo e della besciamella.

Un’altro trucco è quello di spennellare tutta la superficie della teglia con l’olio extravergine di oliva per evitare che la pasta si attacchi.

La pasta al forno, come le lasagne, non conviene mai prepararle in versione monoporzione, a meno che non abbiate del sugo e della besciamella avanzati.

Nel caso delle lasagne, potete realizzarne 4 porzioni, mangiarne una e congelare e altre 3, oppure, se volete evitare l’operazione di congelamento, potete fare due belle porzioni abbondanti e mangiarne una subito e l’altra il giorno dopo, riscaldandola per qualche minuto al microonde.

In questa ricetta, come potete vedere, ho realizzato due porzioni di pasta al forno, e in questo modo ho già pronto il pranzo per domani, semplice e veloce!
E voi, che ne pensate?


Ingredienti per 2 porzioni:

180 gr di pasta (io ho usato i tortiglioni)
150 gr di carne di maiale macinata
1/2 cipolla
400 ml di salsa di pomodoro
1 spicchio di aglio
1 cucchiaio di olio
250 ml di besciamella
Sale, pepe, basilico tritato

 


Procedimento
:

Iniziamo realizzando il ragù di maiale.

Tritare finemente la cipolla.

In una padella, rosolare uno spicchio d’aglio e la cipolla con un filo di olio.

Aggiungere la carne macinata e farla rosolare.

Aggiungere anche la salsa di pomodoro e cuocere per una ventina di minuti, mescolando di tanto in tanto.

Riempire una pentola di acqua bollente e portarla a ebollizione per cuocervi la pasta.

Ungere una pirofila adatta al microonde con olio extravergine di oliva.

Scolare la pasta al dente e versarla nella pirofila.

Condire la pasta con il sugo, mescolando bene.

Versare la besciamella sulla superficie della pasta e spolverare con foglie di basilico tritate.

Cuocere in microonde per 6 minuti a 500 watt, funzione combi grill.

Se non avete il microonde, potete cuocere la pasta per 30 minuti nel forno tradizionale a 200 °C.

Sfornare e pappare.

Pasta e fagioli

Pasta e fagioli
Pasta e fagioli

Pasta e fagioli

Un classico primo piatto della tradizione italiana, molto diffuso nelle regioni del Nord della penisola, realizzato con pochi e semplici ingredienti: Pasta e fagioli.

Mia nonna, solitamente prepara la pasta fresca a mano, realizzando dei tagliolini, ma io, non avendo la sua dimestichezza, ho optato per la pasta secca (i tubetti), ottenendo un risultato buonissimo e molto cremoso (grazie ai fagioli che ho ridotto in purea proprio prima di ultimare la cottura).
Io ho usato i fagioli secchi ma voi potete usare anche quelli precotti: il risultato sarà sicuramente buonissimo.

Vi fidate?

 

Ingredienti per 2 porzioni:

200 gr di pasta corta
200 gr di fagioli borlotti secchi
100 gr di carne macinata
1 dado vegetale
1/2 cipolla
2 pomodori pachino
3 cucchiai di concentrato di pomodoro
Uno spicchio di aglio
2 cucchiai di olio
Sale

 

Procedimento:

Mettere i fagioli secchi a bagno in una ciotola per tutta la notte.
Preparare il brodo mettendo in un pentolino 500 ml di acqua e un dado vegetale per portare a ebollizione.
Nel frattempo, tritare finemente la cipolla.
In una padella, rosolare la cipolla e lo spicchio di aglio con due cucchiai di olio, poi unire la car macinata e cuocere a fuoco vivo.
Aggiungere ora 3 cucchiai di concentrato di pomodoro e due pomodori pachino lavati e tagliati a metà, e mescolare.
Aggiungere un cucchiaio di brodo e continuare a cuocere a fiamma dolce.
Ora aggiungere anche i fagioli (scolati dell’acqua) e il brodo e cuocere per 30-40 minuti.
Nel frattempo, riempire una pentola d’acqua e portarla a ebollizione per cuocervi la pasta.
A metà cottura, scolare la pasta e unirla in padella insieme al brodo e ai fagioli e mescolare bene per far insaporire il tutto.
Scolare 5 cucchiai di fagioli e schiacciarli con la forchetta per creare una sorta di crema, poi riversarli in padella e mescolare.
Quando la pasta sarà cotta, impiattare e servire caldo.

Fettuccine al pesto di menta

Fettuccine al pesto di menta
Fettuccine al pesto di menta

FETTUCCINE AL PESTO DI MENTA

Una ricetta facile per un primo piatto dal gusto fresco, delicato, ideale da gustare per un pranzo estivo: saporite fettuccine condite con un pesto a base di menta, prezzemolo e pinoli, un piatto che riempirà di profumo tutta la vostra cucina!

Io ho usato le foglie di menta piccoline, che sono le più profumate, ma voi potete usare anche le foglie normali, senza porvi troppi problemi: il vostro pranzo sarà fantastico al 100%!!!

Vi consiglio caldamente di usare la pasta fresca (come le mie fettuccine, oppure le tagliatelle) e non rimediare sui classici spaghetti o bucatini perché rischiereste di sprofondare nella banalità, ottenendo un piatto dove la semplicità della pasta mal si sposa con la particolarità del condimento.

Il tocco in più? Un bel calice di vino bianco e qualche tartina di pancarrè con maionese o paté di olive… Ecco gli ingredienti per un pranzo non eccessivamente calorico, sfizioso e saporito… Cosa si può volere di più?!?

INGREDIENTI PER 1 PORZIONE:

90 gr di fettuccine (o qualsiasi altro tipo di pasta, purché fresca)
30 gr di foglie di menta
15 gr di foglie di prezzemolo
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai di pinoli
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
30 ml di olio extravergine di oliva
Sale

PROCEDIMENTO:

Riempire una pentola d’acqua e portarla a ebollizione per cuocervi la pasta.
Lavare le foglie di menta e di prezzemolo.
Nel boccale del frullatore a immersione, unire le foglie di menta e di prezzemolo, uno spicchio d’aglio, i pinoli, il parmigiano grattugiato e frullare tutto.
Aggiungere anche l’olio extravergine di oliva e un pizzico di sale e dare un’ultima frullata. L’obiettivo è ottenere un pesto cremoso, senza grumi e non troppo liquido.
Scolare le fettuccine al dente, versarle nel piatto e condirle con il pesto preparato.
Servire le Fettuccine al pesto di menta subito, magari aggiungendo un’ultima spolverata di parmigiano grattugiato.

Pasta alla carrettiera

Pasta alla carrettiera
Pasta alla carrettiera

PASTA ALLA CARRETTIERA

Una ricetta facile e veloce per un primo piatto saporito e piccantino, ideale per un pranzo leggero da gustare da soli o in compagnia.

Questa ricetta, originaria della Sicilia, deve il suo nome al fatto che, anticamente, veniva consumata dai carrettieri che la preparavano durante il viaggio, usando pochi e semplici ingredienti: pasta, ventresca di tonno, pomodori, aglio e peperoncino.
Io ho usato gli spaghetti ma voi potete usare bucatini, o qualsiasi altro tipo di pasta a vostra disposizione, purché lunga.

Come per tutte le ricette, esistono varianti rispetto alla versione tradizionale: alcune cuoche aggiungono pangrattato, altre formaggio pecorino grattugiato,  funghi, pancetta croccante, quindi a voi la scelta su quale versione seguire, l’importante è che siano presenti aglio, peperoncino e pomodori.

Qualunque versione prediligiate, vi consiglio caldamente di non omettere affatto il peperoncino perché, a mio avviso, è quell’ingrediente che dà al piatto un tocco “speciale”.

Ingredienti per 1 porzione:

100 gr di spaghetti (o qualsiasi altro tipo di pasta, purché lunga)
30 gr di ventresca di tonno
100 gr di pomodori pachino
1 spicchio di aglio
1 peperoncino piccante
un cucchiaio di olio extravergine di oliva
Qualche foglia di prezzemolo fresco
Sale

Procedimento:

Tagliare la ventresca a pezzetti.

In una padella, rosolare uno spicchio di aglio con un cucchiaio di olio extravergine di oliva.

Quando l’aglio comincerà a sfrigolare, aggiungere il peperoncino e qualche foglia di prezzemolo tritata.

Aggiungere la ventresca a pezzetti, mescolare e cuocere per 4-5 minuti a fuoco basso.

Lavare e tagliare i pomodori pachino, quindi aggiungerli in padella.

Salare, pepare e cuocere per una quindicina di minuti, mescolando di tanto in tanto per evitare che il condimento realizzato si attacchi alla padella.

Nel frattempo, riempire una pentola d’acqua e portarla ad ebollizione per cuocervi la pasta.

Scolare la pasta al dente e saltarla in padella con il vostro condimento.

Servire la Pasta alla carrettiera calda.

Cottage pie

Cottage pie
Cottage pie

Cottage pie

Il cottage pie è uno dei piatti più famosi della cucina contadina inglese (da qui il nome “cottage“, a basso costo, economico) nata nel 1700: un pasticcio di carne macinata di manzo, purea di patate e piselli primavera, il tutto cotto in forno caldo per 30-35 minuti e servito come piatto unico.

Una ricetta deliziosa e perfetta da gustare a pranzo (o a cena) durante la stagione invernale.
Io ho usato pochi ingredienti ma voi potete aggiungere carote lesse, funghi champignon e anche una bella spolverata di parmigiano grattugiato, in base alle vostre preferenze!

Ingredienti per 2 porzioni:

350 gr di patate
150 ml di latte
1 uovo
200 gr di carne macinata (io di manzo, ma va bene anche il macinato di vitello o di pollo, in base ai vostri gusti)
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
1 tazza di brodo vegetale
80 gr di piselli primavera surgelati
Una noce di burro
Olio, sale

Procedimento:

Versare un filo di olio in un tegame e, quando comincerà a sfrigolare, aggiungere la carne macinata e far rosolare.
Aggiungere due cucchiai di concentrato di pomodoro, i piselli primavera e una tazza di brodo vegetale e far cuocere per 20-30 minuti, mescolando di tanto in tanto.
Nel frattempo, preparare il purè lessando le patate sbucciate e tagliate in 4 in una pentola con abbondante acqua bollente.
Quando le patate saranno cotte, scolarle dall’acqua e schiacciare in una ciotola con i rebbi di una forchetta.
Aggiungere una noce di burro, una spolverata di sale e una di noce moscata, il latte quindi mescolare per ottenere una crema densa ed omogenea.
Aggiungere un uovo e mescolare ancora.
Ungere una pirofila con un filo di olio e, sulla base, adagiare la carne macinata con i piselli, poi ricoprire il tutto con il purè di patate.
Cuocere in forno caldo a 200 gradi per 30-35 minuti, accendendo il grill negli ultimi minuti per far dorare la superficie del tortino.
Servire il cottage pie ben caldo.

Zuppa di mais

Zuppa di mais
Zuppa di mais

Zuppa di mais

Un po’ come i francesi, adoro le zuppe e mi piace mangiarle per pranzo o cena nei mesi freddi, per scaldarmi un po.

Ho conosciuto questa zuppa grazie al film “Il diavolo veste Prada”, dove la protagonista sceglie di mangiarla per pranzo e il suo collega le sottolinea che il mais sia il nemico della cellulite; io, a discapito di ciò, amo mangiarla anche accompagnata da crostini o bruschette, ma poi faccio pace con la coscienza dando anima e corpo in palestra!

Come si dice… Un buon compromesso, no??

Ulteriormente, alcune ricette prevedono l’aggiunta di porri, brodo (di pollo o vegetale), qualche cucchiaio di panna da cucina e un pizzico di noce moscata, ma io ho usato solamente latte,  patate, mais e cipolla, ottenendo una zuppa cremosa e dal gusto ricco e prelibato.

Che ne dite, vi ho convinto?

Ingredienti per 1 porzione:

300 ml di latte (intero o scremato, in base a ciò che avete a disposizione)
200 gr di mais in scatola
1 bicchiere di acqua
1 patata media
1/2 cipolla
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
Sale, pepe

Procedimento:

Tritare finemente la cipolla.
Pelare e tagliare la patata a cubetti.
In una padella, rosolare la cipolla tritata con due cucchiai di olio extravergine di oliva, poi aggiungere la patata tagliata a cubetti e un bicchiere di acqua e far cuocere per un quarto d’ora, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.
Aggiungere il mais e il latte, mescolare e cuocere per altri 10 minuti, mescolando di tanto in tanto per evitare che il latte si ritiri eccessivamente.
Salare e pepare.
Trascorsi 10 minuti, spegnere il gas e versare il tutto nel bicchiere di un frullatore a immersione per ottenere una vellutata densa (in alternativa, potete usare anche un minipimer).
Servire la Zuppa di mais, magari accompagnata da crostini di pane, taralli secchi o grissini.

Rigatoni con sugo alla boscaiola

Rigatoni con sugo alla boscaiola
Rigatoni con sugo alla boscaiola

Rigatoni con sugo alla boscaiola

Ho sempre pensato che la pasta “alla boscaiola” fosse bianca, saltata in padella con un condimento a base di carne macinata e/o salsiccia, funghi e piselli. Poi un giorno, parlando con un’amica napoletana, è saltato fuori che dalle sue parti la boscaiola si fa con il sugo di pomodori, una vera novità per me!
Così oggi, avvalendomi del magico Bimby, ho deciso di proporvi questo sostanzioso primo piatto, a base di rigatoni conditi con sugo di carne macinata e piselli, serviti con una spolverata di parmigiano  grattugiato: una vera bontà!

 

Ingredienti per 2 porzioni:

180 gr di pasta (io ho usato i rigatoni ma voi potete usare qualsiasi altro formato o addirittura la pasta fresca all’uovo, come le fettuccine)

200 gr di carne macinata

150 gr di passata di pomodoro

80 gr di piselli (io  ho usato i piselli surgelati primavera)

40 gr di sedano (1/2 gambo)

1 carota

1/2 cipolla

3 cucchiai di olio extravergine di oliva

1/2 bicchiere di vino bianco secco

2-3 cucchiai di parmigiano grattugiato (per servire)

sale, pepe

 

 

 

Procedimento:

Lavare il sedano, tagliarlo a rondelle.

Pelare e tagliare la carota a rondelle.

Tagliare le cipolla.

Versare nel boccale del Bimby il sedano e la  carota a rondelle, la cipolla, quindi tritare tutto a velocità 7 per 5 secondi.

Aggiungere l’olio extravergine di oliva e la carne macinata, quindi cuocere a Varoma antiorario per 10 minuti, velocità soft.

Sfumare con il vino bianco secco e cuocere per altri 2 minuti a Varoma antiorario.

Aggiungere la passata di pomodoro e i piselli primavera, una spolverata di pepe nero macinato, un pizzico di sale e cuocere per 15 minuti a 100°, antiorario, velocità soft.

Versare il  sugo in una ciotola capiente e mettere da parte.

Nel frattempo, riempire una pentola d’acqua e portarla a ebollizione per cuocervi la pasta.

Quando l’acqua comincerà a bollire, tuffarvi la pasta e cuocere per il tempo di cottura indicato sulla confezione.

Scolare la pasta al dente e versarla nella ciotola con il sugo alla boscaiola.

Mescolare bene con un cucchiaio di legno per amalgamare la pasta e il condimento.

Servire i Rigatoni con sugo alla boscaiola ben caldi, con una spolverata di parmigiano grattugiato.

 

la cucina di marble - pura gola, vero amore

1 2 3 4