Crea sito

panna

Gnocchi alla parigina

Gnocchi alla parigina
Gnocchi alla parigina

GNOCCHI ALLA PARIGINA

Per la serie “giovedì gnocchi”, oggi gnocchi alla parigina, un piatto molto in voga negli anni ’60, conditi con una saporita besciamella fatta in casa (con latte, burro, farina e parmigiano grattugiato) e cotti al microonde per farli diventare dorati e croccanti.

Un primo piatto succulento e che conquisterà il vostro palato al primo assaggio, provare per credere!!!

 

 

INGREDIENTI PER GLI GNOCCHI:

200 gr di patate

50 gr di farina 00

Sale

Per il condimento:

1 bicchiere di latte

2 cucchiai di farina

1 noce di burro

1 cucchiaio di parmigiano grattugiato

Sale, pepe

 

 

PROCEDIMENTO:

Lavare le patate e lessarle con tutta la buccia in una pentola piena di acqua.

Una volta cotte, scolare le patate e pelarle.

Schiacciare le patate con i rebbi di una forchetta o con un passa verdure.

Distribuire una manciata di farina sulla spianatoia.

Incorporare le patate schiacciate con i 50 gr di farina 00 e impastare cercando di ottenere un impasto elastico e consistente.

Prendere un pezzetto dell’impasto, arrotolarlo come un vermicello e tagliarlo in pezzetti con un coltello, per ottenere gli gnocchi.

Nel frattempo, riempire una pentola con acqua salata per cuocervi gli gnocchi.

Quando l’acqua avrà raggiunto il bollore, buttarvi gli gnocchi e cuocerli fino a quando non torneranno a galla, poi scolarli.

Mentre si attende che l’acqua arrivi a bollore per cuocervi gli gnocchi, preparare salsa per il condimento.

In un pentolino versare un bicchiere di latte caldo, 1 noce di burro e due cucchiai di farina, poi metterlo sul fuoco e mescolare con un cucchiaio di legno per ottenere una crema densa.

Aggiungere un cucchiaio di parmigiano grattugiato e mescolare.

Salare e pepare.

Quando la salsa sarà abbastanza densa e cremosa, spegnere il fuoco e lasciarla riposare.

Scolati gli gnocchi, versarli in una pirofila adatta al microonde e ricoprirli con la salsa preparata.

Cuocere al microonde per 5 minuti (dovranno essere dorati) funzione combi grill alla max potenza.

Sfornare gli Gnocchi alla parigina e servire subito.

Gelato al biscotto

Gelato al biscotto
Gelato al biscotto

Gelato al biscotto

Un gelato squisito, cremoso, perfetto da gustare con l’arrivo della bella stagione.

Io ho usato i biscotti Plasmon ma voi potete usare quelli che più preferite, come i Galletti, gli Oreo, i Pan di Stelle, gli Abbracci, ecc. personalizzando così il vostro dessert.

Non usando la gelatiera, la preparazione del gelato richiede un intero pomeriggio ma fidatevi, rimarrete soddisfatti e i vostri sforzi saranno valsi il risultato finale. Parola mia!

Il tocco in più? Servire il gelato con ciuffi di panna fresca montata o un topping al caramello, alla vaniglia o al cioccolato. Mmmm che bontà! Ma come si può rinunciare al gelato d’estate?!?

 

Ingredienti:

350 ml di latte fresco

250 ml di panna fresca

100 gr di biscotti

2 cucchiai di zucchero

 

Procedimento:

Versare il latte, la panna e lo zucchero in un pentolino e portare a bollore.

Quando il latte comincerà a bollire, spegnere la fiamma e aggiungere i biscotti leggermente sminuzzati con le mani.

Sciogliere i biscotti con l’aiuto di un cucchiaio di legno, poi trasferire il tutto nel boccale del mixer e frullare per ottenere un composto liscio ed omogeneo.

Versare il composto ottenuto in una ciotola e, una volta freddo, coprire la ciotola con la pellicola e lasciarla riposare in frigorifero per 2 ore.

Trascorse le due ore, riprendere la ciotola, mescolare la crema con un cucchiaio di legno e rimettere il tutto in freezer per 30 minuti.

Trascorsi 30 minuti, riprendere la ciotola dal freezer e mescolare con un cucchiaio di legno (o con un frullatore), in modo da rompere tutti i cristalli di ghiaccio formatisi durante il periodo di riposo in freezer.
Rimettere il composto in freezer e, dopo 30 minuti, ripetere di nuovo l’operazione precedente.
Questo passaggio andrà ripetuto 5-6 volte a intervalli regolari di 30 minuti, in modo da ottenere un risultato finale cremoso.
Servire il gelato da solo oppure accompagnato da cialde, gocce di cioccolato bianco, topping al cioccolato, ecc.

Crema di caffè

Crema di caffè

Durante la stagione estiva, adoro sorseggiare la crema di caffè dopo pranzo, un dessert fresco, dolce e richiedente poco tempo per la preparazione.

Spulciando sul web, ho trovato diverse ricette per preparare la crema di caffè in casa (con il Bimby o senza, con le uova, con i cubetti di latte congelato, con la panna per dolci, ecc.) ma questa è speciale e vi permetterà di ottenere un risultato finale molto simile a quello della crema di caffè servita al bar.

Siete pronti? Servono pochi ingredienti (caffè solubile, latte, zucchero, cubetti di ghiaccio e cacao in polvere) e un frullatore (o il Bimby, nel mio caso). Partiamo??

Se volete arricchire il gusto della vostra Crema di caffè, vi consiglio di aggiungere un pizzico di vaniglia in polvere, cardamono, cannella e/o anice stellata.

 

 

Ingredienti per 500 ml di crema di caffè:

100 ml di latte freddo (intero o scremato, come preferite))

20 gr di caffè solubile (io ho usato il Nescafè)

150 gr di zucchero (semolato o di canna, come preferite)

250 gr di ghiaccio

cacao amaro in polvere q.b. (opzionale)

panna montata q.b. (opzionale)

 

 

Procedimento:

Versare lo zucchero, il caffè solubile e un cucchiaino di cacao amaro in polvere (opzionale) nel boccale del Bimby e polverizzare per 5 secondi a vel. Turbo.

Aggiungere il latte e i cubetti di ghiaccio, quindi tritare a vel. 5 per 5 minuti.

Al termine dei 5 minuti, se avrete ottenuto una crema spumosa, potete spegnere il Bimby, altrimenti, proseguite per un altro minuto.

Versare la crema nei bicchieri e servirla subito, decorando la superficie con una spolverata di cacao amaro, scaglie di cioccolato fondente o bianco, qualche ciuffo di panna montata e/o biscotti secchi.

La Crema deve essere preparata e consumata subito, non può essere conservata in frigorifero perché perderebbe l’effetto spumoso.

 

 

Lasagne al salmone

Lasagne al salmone
Lasagne al salmone

LASAGNE AL SALMONE

Le lasagne sono il piatto forte della “domenica italiana”, solitamente preparate con ragù di carne di maiale.

Queste lasagne, invece, sono preparate con un ripieno a base di salmone, robiola e ricotta, ottenendo un piatto finale più delicato rispetto alle lasagne tradizionali.
Io ho usato robiola e ricotta ma voi potete usare solo uno dei due ingredienti oppure usare altri formaggi cremosi come il Philadelphia, il mascarpone, ecc.

Un primo piatto perfetto da servire ai vostri ospiti anche a cena, magari preceduto da un cocktail di gamberi per antipasto o una semplice insalatina di mare, o, addirittura, qualche tartina a base di pancarrè e mousse di tonno o di salmone.
Che ne pensate? Ci provate?

INGREDIENTI PER 2 PORZIONI:

250 gr di pasta fresca per lasagne

200 gr di salmone fresco

100 gr di salmone affumicato

200 gr di ricotta

200 gr di robiola

100 ml di panna da cucina

Sale, erba cipollina

PROCEDIMENTO:

Privare il trancio di salmone delle lische e della pelle, poi tagliarlo a straccetti.

In una ciotola, unire il salmone fresco a straccetti, la robiola, la ricotta, 50 gr di salmone affumicato spezzettato una spolverata di erba cipollina e un pizzico di sale.

Riempire una pentola d’acqua e portarla a ebollizione per sbollentarvi le sfoglie di pasta.

Adagiare le sfoglie di pasta sbollentate su un canovaccio per farle asciugare.

Ora cominciare ad assemblare la lasagna.

In una teglia adagiare uno strato di pasta, poi ricoprirlo con il ripieno di salmone e formaggi, poi un altro strato di pasta, uno di ripieno e infine l’ultimo strato di pasta.

Ricoprire l’ultimo strato con qualche cucchiaio di panna e le fettine di salmone affumicato avanzate.

Cuocere la lasagna in forno caldo a 190 gradi per 35-40 minuti, attivando la funzione gril per gli ultimi 5 minuti di cottura, in modo da formare una crosticina sulla superficie della lasagna.

Sfornare e servire le Lasagne al salmone calde.

Macine

Macine
Macine

MACINE

Questa non è altro che la ricetta per realizzare le famose Macine del Mulino Bianco a casa, nella vostra amata cucina.

Adoro i biscotti Mulino Bianco e mangiarli riporta sempre la mia mente all’infanzia, quando la nonna me li dava a merenda con il succo di frutta all’albicocca… Ah, bei ricordi!!

Una ricetta semplicissima ed economica (farina, burro, uova, olio e panna) per dei biscotti perfetti da inzuppare nel latte, oppure da mangiare cosparsi da un velo di marmellata 😍😍

INGREDIENTI PER 10-12 BISCOTTI:

125 gr di farina 00
35 gr di zucchero a velo
20 gr di burro
20 ml di olio extravergine di oliva
1 uovo
2 cucchiai di panna fresca
1 bustina di lievito vanigliato istantaneo per dolci

PROCEDIMENTO:

In un pentolino, scaldare il burro e l’olio, mescolando per creare un composto molto liquido.

Quando il burro si sarà sciolto completamente, spegnere il gas e lasciare raffreddare.

In una ciotola, unire la farina e la crema di olio e burro, quindi mescolare per ottenere un composto grumoso.

Aggiungere lo zucchero a velo, il lievito in polvere, l’uovo e un pizzico di sale, quindi mescolare per far amalgamare il tutto.

Aggiungere anche la panna e cominciare a impastare con le mani per ottenere un panetto morbido ed elastico.

Infarinare una spianatoia e stendervi l’impasto con l’aiuto di un matterello.

La sfoglia non deve essere troppo sottile altrimenti i biscotti rimarranno “bassi” e sembreranno degli “occhi di bue”: lo spessore consigliato e’ 6-7 mm.

Con un tagliapasta rotondo, ritagliare i biscotti (potete tagliarli della forma che più preferite, tanto è il gusto che conta! 😉😉)

Rivestire una teglia di carta forno e riscaldare il forno a 170 gradi.

Adagiare i biscotti sulla teglia rivestita e metterli a riposare in frigo 15 minuti.

Infornare i biscotti a 170° per 15 minuti, fino a doratura.

Sfornare e far raffreddare su una gratella, poi servirli.

Le Macine si conservano in un contenitore ermetico per 2-3 giorni.

Eggnog

Eggnog
Eggnog

Eggnog

L’ Eggnog, anche noto come “latte di gallina”, è una bevanda inventata nel 1700 da un barista londinese è diffusa tra l’aristocrazia del tempo. Oggi, durante il periodo natalizio, è abitudine consumare questa bevanda soprattutto in Gran Bretagna, Stati Uniti, Canada e Lussemburgo. Si prepara con pochi ingredienti (latte, uova, zucchero, brandy, rum, panna per dolci e cannella in polvere) e viene servito freddo, o a temperatura ambiente, se preferite. Non siate scettici per la presenza delle uova servite crude: questo drink non ha mai ammazzato nessuno, anzi!! Vi svelo un segreto: io, contrariamente a quanto consiglia la ricetta (“servire freddo”), ho riscaldato l’eggnog per un minuto e mezzo al microonde e poi l’ho gustato davanti una serie TV, inzuppando biscotti al latte nella mia bevanda. Il risultato?!?! E che ve lo dici a fa!!! Anzi, la prossima volta sostituirò il latte intero con il latte di soia aromatizzato alla vaniglia… che ne dite?!? Potrebbe essere una buona idea??

Ingredienti per 2 porzioni:
250 ml di latte intero o scremato, in base ai vostri gusti
2 uova
60 gr di zucchero
60 ml di brandy
60 ml di rum
75 ml di panna per dolci
cannella in polvere q.b.

Procedimento:
Separate i tuorli dagli albumi.
In una ciotola, sbattere i tuorli con lo zucchero per ottenere un composto spumoso (aiutatevi con una frusta da cucina o uno sbattitore elettrico) e privo di grumi.
Aggiungere il rum, il brandy, la panna per dolci e il latte e continuare a mescolare per amalgamare bene gli ingredienti.
Montare gli albumi a neve ben ferma (aiutandovi con uno sbattitore manuale o elettrico).
Incorporare gli albumi al composto con le uova, mescolando delicatamente con una spatola, dal basso verso l’alto, per evitare di smontare gli albumi.
Dividere la crema ottenuta in due tazze e lasciarle riposare in frigorifero per almeno 2 ore.
Prima di servire, decorare le eggnog con una spolverata di cannella.

Pasticcio di pollo

Pasticcio di pollo
Pasticcio di pollo

Pasticcio di pollo

Una ricetta facile e quasi “di riciclo” per un primo piatto perfetto da consumare per un pranzo veloce. Io ho preparato questo pasticcio per un pranzo con la mia migliore amica, in una giornata piovosa nella quale nessuna delle due aveva voglia di uscire per fare la spesa e ci siamo così ritrovate a setacciare la dispensa in cerca di qualcosa da mettere sotto i denti.

Abbiamo usato pasta corta, formaggio emmental, petto di pollo, panna da cucina e pangrattato, ma voi potete aggiungere altri ingredienti come cubetti di prosciutto cotto (o di pancetta), piselli novelli, funghi champignon, carciofini sott’olio, e ogni altro ingrediente a vostra disposizione.

Come al solito, la fantasia ha portato me e la mia amica a realizzare un piatto gustoso e saporito.

 

 

Ingredienti per 2 porzioni abbondanti:
200 gr di pasta corta (penne, rigatoni, mezze penne)
1/2 cipolla
100 gr di formaggio emmental
150 gr di petto di pollo
250 ml di panna da cucina
Pangrattato q.b.
Sale, origano

 

 

Procedimento:
Riempire una pentola d’acqua e portarla a ebollizione per cuocervi la pasta.
Tritare finemente la cipolla.
Tagliare il formaggio emmental a cubetti.
Tagliare il pollo a striscioline non troppo sottili (o a cubetti, in base ai vostri gusti)1313.
In una padella, rosolare la cipolla con un cucchiaio di olio, poi aggiungere il pollo e una spolverata di origano.
Mescolare e cuocere a fuoco basso.
Aggiungere anche la panna e far addensare, poi spegnere il fuoco.
Scolare la pasta al dente e versarla in una ciotola insieme al composto di panna, pollo e il formaggio emmental a cubetti.
Mescolare bene per amalgamare il tutto, poi versare in una pirofila e spolverare la superficie con del pangrattato.
Cuocere in microonde alla massima potenza, funzione combi grill, per 7-8 minuti, giusto il tempo di far formare la crosticina in superficie.
Sfornare e servire subito.

Pasta alla vodka

Pasta alla vodka
Pasta alla vodka

PASTA ALLA VODKA

Quando una mia amica all’università mi ha invitato a pranzo a casa sua proponendomi le “pennette alla vodka”, sono rimasta inizialmente un po’ perplessa: che sapore poteva avere una pasta condita con il liquore?? E poi, come al solito, il risultato finale mi ha conquistata al primo assaggio!

La pasta alla vodka era un piatto molto in voga negli anni ’70-’80, a base di vodka, panna, pancetta (io ho usato la pancetta a fette ma voi potete usare quella già tagliata a cubetti) e pomodoro. Io, come da tradizione, ho scelto le pennette come pasta, ma voi potete optare per qualsiasi altro tipo di pasta purché corta (es. farfalle, fusilli).

Una ricetta facile e veloce per un simpatico primo piatto che non si cucina tutti i giorni, e quindi perfetto da servire ai vostri ospiti per una cena vintage, magari accompagnata da un antipasto di salumi.

 

 

Ingredienti:
80 gr di pasta corta (pennette, farfalle, fusilli)
1/2 bicchiere di vodka
2 fette di pancetta dolce (o di pancetta dolce a cubetti confezionata)
100 ml di passata di pomodoro
100 ml di panna da cucina
1/2 cipolla
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
Sale, peperoncino macinato

 

 

Procedimento:
Riempire una pentola d’acqua e portarla a ebollizione per cuocervi la pasta.
Tagliare la pancetta a striscioline sottili (se usate la pancetta a cubetti, saltate questo passaggio).
Tritare finemente la cipolla e rosolarla in padella con un cucchiaio di olio extravergine di oliva.
Quando la cipolla comincerà a dorare, aggiungere la pancetta in padella e farla imbiondire.
Sfumare con la vodka.
Aggiungere la passata di pomodoro, la panna da cucina, un pizzico di sale e una spolverata di peperoncino, quindi mescolare con un cucchiaio di legno e cuocere per qualche minuto a fiamma media.
Scolare la pasta al dente e saltarla in padella con il sugo.
Servire subito.