pancetta affumicata

Vol au vent del bosco

Vol au vent del bosco
Vol au vent del bosco

Vol au vent del bosco

Un’idea insolita per un aperitivo sfizioso, realizzata, dico la verità, con il condimento avanzato della pasta alla boscaiola (ma che resti un segreto tra noi!).

I miei ospiti li hanno divorati uno dopo l’altro, un successo strepitoso!!

I vol au vent sono dei piccoli canestrini di pasta sfoglia, originari della cucina francese, vuoti all’interno e che possono essere riempiti con verdure (funghi, piselli, sottaceti), pollo, creme salate (es. mousse di tonno, crema di gamberetti) e creme dolci (es. crema pasticcera, crema al cioccolato, crema chantilly, ecc.).

Il nome “vol au vent” deriva dal fatto che sono canestrini talmente leggeri da poter essere “portati via dal vento” ma, in realtà, sono ricchi di burro e dunque estremamente poco calorici e nemici della dieta.

 

 

Ingredienti per 10 vol au vent:

10 vol au vent (io ho usato quelli già confezionati)

100 gr di piselli primavera surgelati (o in scatola, come preferite)

1 confezione di funghi trifolati sott’olio

1 fetta di pancetta fresca (o una confezione di pancetta dolce/affumicata a cubetti)

1 spicchio d’aglio

1/2 bicchiere di vino bianco secco

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

sale, pepe nero q.b.

 

 

Procedimento:

Tagliare la fetta di pancetta a cubetti (in alternativa, usate la pancetta già a cubetti confezionata).

Rosolare in una padella uno spicchio di aglio con un filo di olio extravergine di oliva.

Quando l’aglio comincerà a sfrigolare, aggiungere i piselli primavera, i funghi trifolati e la pancetta tagliata a cubetti.

Sfumare con il vino bianco e cuocere per una ventina di minuti a fuoco medio.

Salare e pepare.

Mescolare di tanto in tanto con un cucchiaio di legno, per evitare che i piselli si attacchino al fondo della padella.

Quando i piselli saranno cotti, spegnere il fuoco e lasciar intiepidire.

Riempire i vol au vent con il condimento realizzato e servire subito, oppure lasciare riposare in frigorifero fino al momento di servire.

Pasta carciofi e pancetta

Pasta carciofi e pancetta
Pasta carciofi e pancetta

Pasta carciofi e pancetta

Un primo piatto semplice che coniuga il sapore delicato dei carciofi a quello più deciso della pancetta saltata in padella.

Per questa ricetta io ho usato le tagliatelle fresche ma voi potete usare qualsiasi tipo di pasta lunga a vostra disposizione, come le linguine, i bucatini, le fettuccine, ecc.

Avendo poco tempo a disposizione, ho usato i carciofi surgelati, ma voi, se avete deciso di destreggiarvi in cucina e volete ottenere un risultato finale più “genuino”, potete usare i carciofi freschi, procedendo a pulirli, affettarli e lasciarli in ammollo in un emulsione di acqua e succo di limone per almeno 30 minuti.

Una ricetta facile e veloce, ideale da servire ai vostri ospiti o per una cena solitaria, magari preceduta da un antipasto a base di salumi tipici, crostini e/o tartine con paté di olive nere.

 

INGREDIENTI PER UNA PORZIONE:

100 gr di pasta (io ho usato le tagliatelle)

60 gr di carciofi surgelati

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 spicchio di aglio

1/2 bicchiere di vino bianco secco

Qualche foglia di basilico

50 gr di pancetta dolce (o affumicata, in base ai vostri gusti) a cubetti

2 cucchiai di parmigiano grattugiato

Sale, pepe

 

 

PROCEDIMENTO:

In una padella, rosolare uno spicchio d’aglio con due cucchiai di olio extravergine di oliva, poi aggiungere i carciofi e lasciar insaporire per 3-4 minuti.

Sfumare con il vino bianco e proseguire la cottura per 25-30 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Aggiungere una spolverata di pepe nero macinato e un pizzico di sale.

Aggiungere la pancetta a cubetti e continuare la cottura.

Nel frattempo, riempire una pentola d’acqua e portarla a ebollizione per cuocere la pasta.

Scolare la pasta al dente e saltarla in padella con il condimento di carciofi e pancetta.

Servire la pasta ben calda, con una bella spolverata di parmigiano grattugiato e qualche foglia di basilico fresco.

Risotto alla carbonara

Risotto alla carbonara
Risotto alla carbonara

Risotto alla carbonara

La pasta alla carbonara è una delle ricette più famose della cucina romana ma, avreste

mai pensato di mangiarla nella versione “risotto”??? Neanche io! E pensare che, in

fondo, in fondo, ciò che cambia è solo il formato di pasta!

Un risotto cremoso, gustoso e saporito, che costituisce un crocevia tra la cucina

romana (patria della carbonara) e la cucina milanese (amante del risotto).

 

Ingredienti per 1 porzione:

80 gr di riso (Carnaroli, Arborio, Vialone, Roma)

50 gr di guanciale o di pancetta a cubetti (affumicata o dolce, in base ai vostri gusti)

1 uovo

1 scalogno

olio extravergine di oliva q.b.

2 tazze di acqua (potete anche usare il brodo vegetale, se preferite)

2 cucchiai di formaggio grattugiato (io ho usato il pecorino abruzzese)

1 cucchiaio di latte

sale, pepe

 

 

 

Procedimento:

In un tegame, rosolare lo scalogno con un filo di olio extravergine di oliva.

Quando lo scalogno comincerà a dorare, aggiungere la pancetta tagliata a striscioline o a cubetti e cuocere per 4-5 minuti a fuoco basso, coprendo il tegame con il coperchio.

Quando la pancetta sarà croccante, toglierla dal tegame e versarla in un piatto.

Nel tegame, aggiungere il riso e farlo tostare per 2-3 minuti.

Aggiungere una tazza di acqua e cuocere il riso mescolando fino al completo assorbimento dell’acqua, quindi aggiungere l’altra tazza e continuare la cottura.

Salare e pepare.

Nel frattempo, rompere l’uovo e sbattere il tuorlo in un piatto fondo insieme a due cucchiai di formaggio grattugiato, due cucchiai di latte e un pizzico di pepe. L’obiettivo è ottenere un composto omogeneo e abbastanza liquido.

Quando il riso sarà cotto, spegnere il fuoco e aggiungere nel tegame il composto di uova e formaggio e la pancetta a cubetti, quindi mescolare con un cucchiaio di legno per amalgamare bene gli ingredienti.

Servire il risotto alla carbonara caldo, magari con una spolverata finale di parmigiano.

 

 

 

Farfalle campagnole

Farfalle campagnole
Farfalle campagnole

Farfalle campagnole

Stamattina, passando davanti la gastronomia vicino casa, ho letto il cartello appeso alla vetrina che diceva: “Oggi Carnevale di pasta” così, incuriosita, sono entrata e ho visto che il banco non mostrava solamente la classica pasta all’uovo gialla ma anche altre prelibatezze, come i tagliolini al nero di seppia, le fettuccine rosse al pomodoro, i maltagliati fuxia alla rapa rossa, i ravioli al cioccolato e, infine, questi simpatiche farfalle verdi agli spinaci.

Che dire, ho immediatamente comprato una porzione e di farfalle, sono tornata a casa e mi sono messa all’opera, creando una ricetta facile e veloce per un primo piatto gustoso e saporito, ideale anche da servire ai vostri amici a pranzo perché di grande effetto scenico (l’accostamento del verde della pasta con il rosa della pancetta) e indubbia bontà.

Per il condimento, ho usato cubetti di pancetta dolce rosolata in padella e sfumata con il vino bianco, ma potete aggiungere anche dadolini di salsiccia di carne, carne macinata, funghi champignon e persino qualche cucchiaio di panna da cucina, giusto per esaltare il sapore del piatto finale.

Che ne dite, vi ho convinto??

 

Ingredienti:

1 porzione di farfalle verdi
1 fetta di pancetta (o pancetta dolce/affumicata già tagliata a cubetti, in base alle vostre disponibilità e preferenze)
1 spicchio di aglio
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
1/2 bicchiere di vino bianco
Sale, pepe

 

Procedimento:

Riempire una pentola di acqua bollente e portarla a ebollizione per cuocervi la pasta.
Tagliare la fetta di pancetta a striscioline non troppo sottili.
In una padella, rosolare uno spicchio di aglio con un cucchiaio di olio, poi aggiungere la pancetta e farla rosolare.
Sfumare con il vino bianco, salare, pepare e cuocere a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto.
Scolare la pasta al dente, versarla in padella insieme al condimento e farla saltare.
Servire le Farfalle campagnole calde, con una spolverata di parmigiano grattugiato (facoltativa).

Bacon, patate e cheddar

Bacon, patate e cheddar
Bacon, patate e cheddar

Bacon, patate e cheddar

Un contorno perfetto per accompagnare piatti di carne come hamburger e/o bistecche o, in alternativa, se realizzato in porzioni abbondanti, può costituire un valido piatto unico simile a uno sformato.

Io preparo spesso questo piatto perché richiede poco tempo per essere pronto (basta sbucciare le patate, sistemare tutti gli ingredienti nella pirofila e cuocere nel microonde o nel forno tradizionale) e non necessita di ingredienti “particolari” e costosi, anzi!

Tre soli ingredienti che, addirittura, possono essere sostituiti facilmente.

Eh si, perché il bacon può essere sostituito con wurstel tagliati a dadini o fette di prosciutto crudo nostrano e, allo stesso modo, il cheddar può essere rimpiazzato dalle sottilette filanti (sicuramente reperibili più facilmente al supermercato al posto del cheddar).

Un piatto che richiama i sapori americani poiché a base di patate, formaggio cheddar e bacon, e da servire rigorosamente con le mitiche salse made in USA, come ketchup, senape e salsa bbq.

 

Ingredienti per 2 porzioni:

4 patate di media dimensione

4 fette di bacon

3 fette di formaggio cheddar

Olio extravergine di oliva q.b.

sale, origano, erba cipollina

 

 

 

Procedimento:

Sbucciare le patate e tagliarle a rondelle.

Ungere una pirofila adatta alla cottura in microonde e disporvi le patate tagliate a rondelle.

Condire le patate con un filo di olio extravergine di oliva, una spolverata di origano, una di erba cipollina e un pizzico di sale.

Cuocere le patate al microonde per 10 minuti alla max potenza, funzione combi grill.

Sfornare, girare le patate dall’altro lato con una spatola e cuocere per altri 10 minuti.

Nel frattempo, tagliare le fette di bacon a strisce.

Sfornare le patate e aggiungere nella pirofila le fette di bacon e di formaggio cheddar.

Cuocere di nuovo per 3-4 minuti alla max potenza, giusto il tempo di far sciogliere il cheddar.

Sfornare e pappare subito.