Crea sito

Insalata

Steak and side

Steak and side
Steak and side

Steak and side

Amo la carne, soprattutto le bistecche e gli hamburger.

Oggi vi propongo una semplice ma gustosissima bistecca di scottona, accompagnata con una semplice insalatina di lattuga e pomodori e delle carote cotte al forno.

Io ho cotto la bistecca in una padella di ghisa, ma voi potete usare una griglia elettrica, il barbecue o addirittura la brace, ottenendo un risultato di certo più gustoso.

 

Ingredienti:

Una bistecca di scottona

Lattuga q.b. (o insalata misticanza, in base alle vostre preferenze)

1 pomodoro grande (o una manciata di pomodori pachino)

3-4 carote

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

salse di accompagnamento (es. ketchup, senape, maionese) facoltative

Sale, pepe

 

Procedimento:

Iniziamo preparando le carote.

Riscaldare il forno a 180 gradi.

Pelare e tagliare le carote.

Rivestire una teglia di carta forno e adagiarvi le carote.

Condire le carote con un filo di olio extravergine di oliva, un pizzico di sale e una spolverata di pepe poi cuocere in forno caldo per 40 minuti a 180 gradi.

Mentre le carote sono in forno, preparare la bistecca.

Scaldare sul fuoco una padella in ghisa o in metallo (ideali per la cottura della carne) e, quando la superficie sarà ben calda, adagiarvi la bistecca.

Durante la cottura, salare e pepare a piacere entrambi i lati della bistecca.

Cuocere la bistecca prima da un lato poi dall’altro, a fuoco alto (in modo da far imbrunire l’esterno della bistecca ma mantenere morbido l’interno) ed evitando di punzecchiare la bistecca con la forchetta (perché si disperderebbero i succhi).

A fine cottura, adagiare la bistecca su un piatto e coprirla con la carta alluminio per farla riposare un paio di minuti, giusto il tempo di far redistribuire i succhi della cottura su tutta la bistecca.

Nel frattempo, lavare la lattuga e affettare il pomodoro.

Sfornare le carote e adagiarle vicino all’insalata.

Infine, servire la bistecca ben calda, con le verdure per contorno e le salse di accompagnamento (opzionali).

Girelle di pancarrè

Girelle di pancarrè
Girelle di pancarrè

Girelle di pancarrè

Un’idea strepitosa per un aperitivo sfizioso da servire ai vostri ospiti: morbide girelle di pan carré farcite con rucola, prosciutto crudo, formaggio Philadelphia e maionese. Io ho usato questi ingredienti ma voi potete usarne altri, in base ai vostri gusti e/o alla disponibilità in dispensa (es. salmone, salame, ricotta, ecc.).

Nonostante il nome (che induce a ipotizzare origini francesi), il Pancarrè ha natali italiani e, più precisamente, nella città di Torino, dove i cittadini servivano il pane “capovolto” al boia in segno di scortesia e disprezzo.

I boia, in segno di protesta, chiesero all’amministrazione cittadina di emanare un’ordinanza per vietare tale pratica ma, i panettieri, trovarono comunque il modo di aggirare tale norma inventando un tipo di pane dalla forma simile a quella di un mattone, uguale su entrambi i lati, che poteva così essere servito capovolto al boia senza che quest’ultimo potesse aversene a male.

Questa volta, i torinesi ne hanno saputa una più del diavolo, quasi come i napoletani…

Queste girelle di pancarrè costituiscono una ricetta facile, veloce, che richiede pochi e semplici ingredienti, senza cottura, perfetta per le serate estive, quelle in cui si invitano gli amici a casa per un aperitivo in terrazza, dopo una giornata trascorsa al mare tra tuffi e passeggiate sul bagnasciuga.

Ingredienti:

4 fette lunghe di pane per tramezzini

120 gr di prosciutto crudo

100 gr di maionese

100 gr di formaggio Philadelphia

Una manciata di foglie di rucola

Sale, pepe nero

 

 

 

Procedimento:

In una ciotola, mescolare il formaggio Philadelphia con la maionese, un pizzico di sale e una spolverata di pepe nero.

Appiattire le fette di pan carré con un matterello e spalmare su ognuna uno strato di crema di maionese e Philadelphia.

Lavare la rucola e distribuirla sullo strato di crema.

Stendere ora le fette di prosciutto crudo sullo strato di rucola e, infine, ultimare con uno strato di crema di Philadelphia e maionese.

Arrotolare il pan carré su se stesso partendo dal lato corto, per ottenere dei cilindri.

Avvolgere ogni cilindro nella pellicola trasparente e farli riposare in frigorifero per almeno 1 ora.

Trascorso il tempo di riposo, togliere la pellicola e tagliare i rotoli a fettine, ottenendo delle girelle.

Infine, adagiare le girelle su un vassoio e servirle.

Straccetti di manzo con verdure

Straccetti di manzo con verdure
Straccetti di manzo con verdure

Straccetti di manzo con verdure

Una ricetta facile per un secondo piatto sfizioso ed di rapida esecuzione: morbidi straccetti

di manzo marinati per 2-3 ore in un emulsione di vino bianco e salsa Worcestershire,

rosolati in padella e infine serviti con funghi champignon, pomodori pachino, rucola e spinaci

freschi (NB. Io ho usato rucola e spinaci freschi, ma voi potete usare lattuga, radicchio

e ogni altro tipo di verdura più in linea con i vostri gusti).

Inoltre, la carne di manzo è generalmente molto più grassa rispetto alle carne bianche (come

pollo e tacchino) e al vitello, ma in compenso è una delle più buone da gustare alla griglia

o alla brace.

In conclusione, si tratta di un piatto semplice ma perfetto anche da servire ai vostri ospiti,

magari preceduto da un antipastino a base di salumi e bruschette, oppure tartine con patè.

 

 

Ingredienti:

Mezzo bicchiere di vino bianco
una fettina di manzo
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
1 cipolla
150 gr di funghi freschi (io ho usato gli champignon)
1 cucchiaio di salsa Worcestershire
1 spicchio d’aglio
Una manciata di pomodori pachino
Qualche foglia di insalata (io ho usato rucola e spinaci freschi)
Sale, pepe

 

 

Procedimento:

In primo luogo, tagliare la cipolla a dadini.
Lavare e tagliare i funghi e i pomodori pachino.
In un piatto fondo, unire mezzo bicchiere di vino bianco e un cucchiaio di salsa Worcestershire per creare una marinata.
Immergere la fettina di manzo nella marinata e lasciarla a riposare in frigo per 2-3 ore.
Trascorso il tempo, tagliare la fettina a straccetti.
In una padella, rosolare la cipolla e lo spicchio d’aglio con un filo d’olio poi aggiungere i funghi e mescolare per circa 10 minuti.
Aggiungere gli straccetti di manzo, sale e pepe, e continuare la cottura fino a quando la carne non sarà morbida e cotta, mescolando di tanto in tanto.
Servire gli straccetti di manzo con verdure subito, prima che la carne diventi stopposa.

Salmone marinato con uvetta

Salmone marinato con uvetta
Salmone marinato con uvetta

Salmone marinato con uvetta

Una ricetta per un secondo piatto particolare, che unisce il sapore deciso del salmone al dolce dell’uvetta sultanina. La marinatura conferisce al salmone un sapore agrumato (grazie alle scorze grattugiate del limone e dell’arancia), trasformando una ricetta semplicissima, che non richiede neanche l’uso di fornelli, in un piatto sfizioso e in grado di soddisfare anche i palati più sofisticati, perfetto se accompagnato con un calice di vino bianco.

Per la ricetta, ho usato il salmone a fette norvegese, ma voi potete usare anche quello affumicato, in base alle vostre preferenze, o addirittura usare il trancio di salmone.

Ingredienti per una porzione:

3-4 fette di salmone (affumicato o non, in base ai vostri gusti)

Il succo di mezzo limone

la buccia grattugiata di 1 limone

la buccia grattugiata di 1 arancia

1/2 bicchiere di aceto di vino bianco

Pepe rosa in grani q.b.

Erbe aromatiche q.b. (finocchietto, aneto, menta, erba cipollina, rosmarino)

Una manciata di uvetta sultanina

Qualche foglia di insalata

Sale grosso q.b.

 

 

Procedimento:

Versare in un mixer la scorza grattugiata del limone e dell’arancia, qualche grano di pepe rosa e un qualche grano di sale grosso (non troppo), quindi tritare il tutto per ottenere una consistenza simile alla polvere.

Cospargere le fette di salmone con la polvere di agrumi ottenuta.

In un contenitore, unire il succo di mezzo limone, il vino bianco e una spolverata di erbe aromatiche, quindi mescolare per ottenere una bella marinata omogenea.

Immergere il salmone nella marinatura e lasciarlo riposare per almeno 4 ore in frigorifero.

Trascorso il tempo di marinatura, lavare le fette di salmone sotto acqua corrente e asciugarle con un foglio di carta assorbente.

Adagiare le fette di salmone su un piatto da portata.

Lavare le foglie di insalata sotto acqua corrente e usarle per decorare il piatto.

Prima di servire, aggiungere una manciata di uvetta sultanina sulle fette di salmone.

Servire subito.

 

Insalata norvegese

Insalata norvegese
Insalata norvegese

Insalata norvegese

Un’insalata ideale da consumare per un pranzo veloce o una cena dopo un allenamento in palestra.

Un piatto veloce (si prepara in meno di 5 minuti!), sano, che non richiede l’utilizzo dei fornelli (eccetto per la tostatura delle fette di pan carrè), non eccessivamente calorico ma ricco di gusto.

Per questa ricetta ho usato il salmone norvegese affumicato, il più diffuso in circolazione, dal sapore elegante e delicato, tenero e morbido al palato.

Tuttavia potete optare anche per quello scozzese o irlandese, a vostro piacimento.

La differente denominazione “salmone norvegese” e “salmone scozzese” non indica una diversa specie di salmone ma solo il luogo di allevamento e produzione.

Inoltre, il salmone scozzese proviene dalle acque del Mar Atlantico, considerate ricche di ossigeno e dunque migliori per la crescita e la bontà del pesce.

A me piacciono da morire le insalatone perché rappresentano un piatto creativo, nel quale gli ingredienti possono variare di volta in volta, creando sempre dei nuovi abbinamenti.

Questa ricetta deve il suo nome alla presenza del salmone affumicato, proveniente dal Mare del Nord e, per l’appunto, dalla Norvegia.

 

 

 

 

Ingredienti per una porzione:

3 fette di salmone affumicato norvegese
2 fette di pan carré (o pane secco)
Pomodori pachino q.b.
Insalata mista q.b.
Noci sgusciate q.b.
Il succo di mezzo limone
Sale, olio extravergine di oliva q.b.

 

 

 

Procedimento:

Lavare i pomodori e tagliarli a metà.
Lavare l’insalata e versarla in un piatto capiente (meglio se in una ciotola).
Tostare le fette di pan carré oppure scaldarle per 2 minuti al microonde alla max potenza.
Versare in un piatto l’insalata, i pomodori, le noci sgusciate e tritate, e condire con un filo di olio extravergine di oliva, il succo di mezzo limone e un pizzico di sale.
Aggiungere anche le fette di salmone affumicato e le fette di pan carré tostato e servire subito.

Sandwich ghiotto

Sandwich ghiotto
Sandwich ghiotto

Sandwich ghiotto

Un sandwich goloso, perfetto da gustare in ufficio per pranzo o a cena, quando si vuole mangiare davanti a un bel film o una serie TV, o addirittura da mangiare per un pranzo al mare (in quest’ultimo caso, conservate il panino nella borsa frigo altrimenti lo yogurt greco andrà a male).

Questo sandwich si può realizzare anche in versione mini, creano dei perfetti e simpatici finger food per i vostri aperitivi.

Che ne pensate?

Io adoro cenare seduta sul divano guardando una serie tv, preparandomi una sorta di “tavolino” improvvisato con un piatto di sandwich e una bella Coca Cola (o una birretta fresca)… 😉😉

Io ho farcito il sandwich con yogurt greco, salmone e olive, ma voi potete aggiungere altri ingredienti come fette di pomodoro, cetrioli a rondelle, zucchine grigliate, sottaceti, ecc.

Vi consiglio caldamente di non usare il pan carrè “bianco” per il sandwich ma preferire pan carrè integrale o ai cinque cereali, tanto per dare più sapore al vostro panino.

Se siete in cerca di altri ingredienti per il vostro sandwich, potete provare la ricetta descritta nel seguente link sandwich tonno, lattuga, pomodoro https://blog.giallozafferano.it/unacucinadasingle/sandwich-tonno-lattuga-pomodoro/

 

Ingredienti per 1 sandwich:

2 fette di pan carré integrale

2 cucchiai di yogurt greco (o formaggio spalmabile/ricotta/robiola, in base alle vostre preferenze)

erba cipollina q.b.

2 fette di salmone affumicato

una manciata di olive verdi denocciolate

 

 

Procedimento:

In una ciotola, unire lo yogurt greco con una spolverata di erba cipollina e mescolare bene.

Sciacquare le olive verdi denocciolate sotto acqua corrente e tagliarle a rondelle.

Creare il vostro sandwich spalmando su una fetta di pan carré uno strato di yogurt greco, olive, poi le fette di salmone, altre olive e infine la fetta di pan carré.

Gustate il sandwich davanti a un film, accompagnato da una birra fresca o da un calice di vino bianco.

 

 

Carpaccio di manzo

Carpaccio di manzo
Carpaccio di manzo

Carpaccio di manzo

Il carpaccio di manzo è una pietanza semplice ed indicata per un pranzo o una cena veloce e leggera, che non richiede l’uso di fornelli e quindi particolarmente adatta durante la stagione estiva.

Tra i carpacci di carne, i più noti sono quello di vitello e quello di manzo (raccontato in questa ricetta), ma sono altresì degni di nota il carpaccio di roast-beef, di carne salada, di bresaola, di petto d’oca.

Per quanto riguarda i condimenti, i più diffusi sono solitamente succo di limone, olio e aceto, ma è possibile sostituire il succo di limone con quello di arancia, ed aggiungere spezie, pepe, erbe aromatiche (es. prezzemolo, basilico, origano, maggiorana, menta, ecc.) e l’immancabile glassa di aceto balsamico.

Il carpaccio di manzo è un alimento ricco di proteine, vitamine e sali minerali, ma povero di carboidrati, quindi indicato per pasti leggeri ma non consigliato a chi soffre di colesterolo alto o alle donne in gravidanza (poiché si tratta di carne cruda).

Questa ricetta fu ideata da patron fondatore dell’Harry’s Bar di Venezia, Giuseppe Cipriani, che lo preparò per la prima volta nel 1950 in occasione di una mostra pittorica su Vittore Carpaccio per soddisfare le esigenze nutrizionali della contessa Amalia Nani Mocenigo che, per motivi di salute, non poteva assumere carne cotta.

Io ho preparato questo piatto usando solamente sottilissime fette di carpaccio di manzo e insalata mista, ma voi potete aggiungere anche scaglie di parmigiano reggiano e pomodorini pachino, arricchendo così il gusto del piatto.

 

Ingredienti per una porzione:

100 gr di carpaccio di manzo

Una manciata di foglie di insalata mista

Glassa di aceto balsamico q.b.

Il succo di mezzo limone

olio extravergine di oliva q.b.

sale

 

 

Procedimento:

Lavare e tagliare le foglie di insalata.

Adagiare le sottilissime fette di carpaccio su un piatto e disporvi accanto l’insalata.

Condire l’insalata con un filo di olio extravergine di oliva, il succo di mezzo limone e un pizzico di sale.

Aggiungere un velo di glassa di aceto balsamico e servire.

 

 

Salmone su letto di pesche e insalata

Salmone su letto di pesche e insalata
Salmone su letto di pesche e insalata

Salmone su letto di pesche e insalata

Un piatto facile e gustoso, ideale per un pranzo estivo o una cena non troppo calorica: filetto di salmone marinato su letto di un’insalata a base di verdure e pesche.

Un piatto ricco di colore, principi nutritivi e povero di grassi.

Per l’insalata, ho usato verdure fresche e di stagione (cetrioli, pomodori pachino, lattuga fresca), ma voi potete aggiungere anche le verdure grigliate (zucchine, melanzane, peperoni), in base ai vostri gusti.

Il tocco in più? Accompagnare il piatto con dei crostini o generose cucchiaiate di salsa yogurt, che bontà!

 

Ingredienti per una porzione:

1 filetto di salmone

2 pesche

1/2 cetriolo

5-6 pomodorini pachino

2 limoni

1/2 cipolla viola

una manciata di olive nere denocciolate

qualche foglia di lattuga

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

sale, rosmarino, erba cipollina

 

 

 

Procedimento:

Spremere un limone.

In una ciotola, unire il succo di un limone, un cucchiaio di olio extravergine di oliva, una spolverata di erba cipollina, un rametto di rosmarino, e mescolare bene per creare un’emulsione.

Adagiare il salmone nell’emulsione per farlo marinare e riporlo in frigorifero per almeno 1 ora.

Nel frattempo, lavare e tagliare le foglie di lattuga e i pomodori pachino.

Pelare e tagliare i cetrioli a rondelle.

Sbucciare e tagliare le pesche a spicchi.

In una ciotola, unire la lattuga, i pomodori, i cetrioli a rondelle, gli spicchi di pesche e le olive nere denocciolate.

Tritare finemente la cipolla viola ed unirla all’insalata.

Spremere il secondo limone.

Condire l’insalata con il succo del secondo limone, un cucchiaio di olio extravergine di oliva e una spolverata di sale.

Scaldare una piastra e, quando sarà rovente, cuocere il filetto di salmone su entrambi i lati (in alternativa, potete cuocere il salmone anche nel microonde per 10 minuti alla max potenza, funzione combi grill).

Adagiare il salmone cotto sull’insalata e servire subito accompagnando con dei crostini o qualche cucchiaiata di salsa yogurt.

Chicken thai salad

Chicken thai salad
Chicken thai salad

Chicken thai salad

Chicken thai salad, un’insalata che deve il suo nome alla presenza nella ricetta di semi di sesamo e salsa di soia, in pieno stile thailandese!

La salsa di soia è il più famoso condimento della cucina giapponese, filippina, coreana e indiata, ottenuta dalla soia, grano tostato, acqua e sale.

Si tratta di una salsa ricca di antossidanti e sali minerali (fosforo e potassio, soprattutto) ma al contempo di sale e glutammato, qualificandosi quindi come sconsigliata nelle diete povere di sodio ma preziosa alleata nelle diete ipocaloriche (ha soli 66 kcal per 100 ml) e anticolesterolo (è priva di grassi e ricca di soia, che favorisce la produzione di HDL dal fegato).

Generalmente, la salsa di soia viene usata per condire carni, pesce, tofu, pasta, sushi, sashimi, ecc., nonché per preparare marinate e salse (es. la salsa Worcestershire).

Io adoro le insalate miste, mi piace mangiarle per cena o per pranzo, quando ho voglia di qualcosa di leggero e sfizioso ma realizzabile in poco tempo e, soprattutto, senza necessità di ingredienti particolari non presenti nella mia dispensa.

 

Ingredienti:

1 cetriolo

1 pomodoro oblungo

1 petto di pollo

1 spicchio d’aglio

1 peperoncino verde

succo di 1 limone

noci tritate q.b.

semi di sesamo q.b.

salsa di soia

sale, erba cipollina

 

Procedimento:

Marinare il pollo nel succo di limone per almeno mezz’ora.

Sbucciare il cetriolo, lavare il pomodoro e tagliare entrambi a rondelle.

Tritare lo spicchio d’aglio e il peperoncino in pezzi piccolissimi, quindi unirli ai pomodori e ai cetrioli, salare e spolverare con erba cipollina.

Nel frattempo, scaldare una piastra e, quando sarà rovente, cuocervi il petto di pollo su entrambi i lati.

Una volta cotto, adagiare il petto di pollo su un piatto e tagliarlo a strisce non troppo sottili.

Unire il tutto in un piatto, aggiungere i semi di sesamo e le noci rigate, quindi condire con la salsa di soia.

Buon appetito!

 

 

 

 

 

Insalata di legumi estiva

Insalata di legumi estiva
Insalata di legumi estiva

Insalata di legumi estiva

Una ricetta semplice e veloce per un primo piatto leggero o con contorno ricco di proteine e fibre grazie alla presenza dei fagioli.

Io ho usato legumi secchi e quindi li ho messi a bagno in acqua fredda per una notte intera, cuocendoli però poi tutti insieme nello stesso tegame (vi consiglio caldamente di non usare i legumi pre cotti perché, a mio avviso, per questa ricetta che va servita fredda, sono più indicati i legumi secchi perché rimangono leggermente più duri, anche dopo la cottura).
Un piatto che può essere realizzato con largo anticipo e consumato in più volte, diventando un’idea perfetta per un pranzo veloce in ufficio o una cena estiva.

Ingredienti per una porzione:

50 gr di ceci
50 gr di fagioli neri
50 gr di fagioli rossi
50 gr di fagioli cannellini
50 gr di pomodori pachino
1/2 cipolla rossa
1 costa di sedano
2 cucchiai di olio
Rosmarino, erba cipollina
Sale

 

Procedimento:

Mettere i ceci, i fagioli neri, i fagioli rossi e i fagioli cannellini in ammollo in acqua fredda, in  quattro ciotole separate, per una notte intera (almeno 12 ore).

Il giorno dopo, sciacquare i legumi sotto l’acqua corrente e cuocerli in un unico tegame dal fondo spesso, con un pizzico di sale.

Tritare finemente la cipolla e il sedano.

Lavare e tagliare i pomodori pachino.

Cuocere i legumi a fuoco basso per almeno 2 ore, mescolando di tanto in tanto per evitare che si attacchino alle pareti del tegame durante la cottura; quando i legumi saranno cotti, spegnere il fuoco e scolarli, quindi farli intiepidire.

Una volta freddi, unire in una ciotola unire i legumi, la cipolla e il sedano tritati, i pomodori pachino, e condire con un pizzico di sale, un filo di olio extravergine di oliva, un goccio di aceto di vino bianco (facoltativo), una spolverata di rosmarino e di erba cipollina.

1 2