gelato fiordilatte

Gelato al biscotto

Gelato al biscotto
Gelato al biscotto

Gelato al biscotto

Un gelato squisito, cremoso, perfetto da gustare con l’arrivo della bella stagione.

Io ho usato i biscotti Plasmon ma voi potete usare quelli che più preferite, come i Galletti, gli Oreo, i Pan di Stelle, gli Abbracci, ecc. personalizzando così il vostro dessert.

Non usando la gelatiera, la preparazione del gelato richiede un intero pomeriggio ma fidatevi, rimarrete soddisfatti e i vostri sforzi saranno valsi il risultato finale. Parola mia!

Il tocco in più? Servire il gelato con ciuffi di panna fresca montata o un topping al caramello, alla vaniglia o al cioccolato. Mmmm che bontà! Ma come si può rinunciare al gelato d’estate?!?

 

Ingredienti:

350 ml di latte fresco

250 ml di panna fresca

100 gr di biscotti

2 cucchiai di zucchero

 

Procedimento:

Versare il latte, la panna e lo zucchero in un pentolino e portare a bollore.

Quando il latte comincerà a bollire, spegnere la fiamma e aggiungere i biscotti leggermente sminuzzati con le mani.

Sciogliere i biscotti con l’aiuto di un cucchiaio di legno, poi trasferire il tutto nel boccale del mixer e frullare per ottenere un composto liscio ed omogeneo.

Versare il composto ottenuto in una ciotola e, una volta freddo, coprire la ciotola con la pellicola e lasciarla riposare in frigorifero per 2 ore.

Trascorse le due ore, riprendere la ciotola, mescolare la crema con un cucchiaio di legno e rimettere il tutto in freezer per 30 minuti.

Trascorsi 30 minuti, riprendere la ciotola dal freezer e mescolare con un cucchiaio di legno (o con un frullatore), in modo da rompere tutti i cristalli di ghiaccio formatisi durante il periodo di riposo in freezer.
Rimettere il composto in freezer e, dopo 30 minuti, ripetere di nuovo l’operazione precedente.
Questo passaggio andrà ripetuto 5-6 volte a intervalli regolari di 30 minuti, in modo da ottenere un risultato finale cremoso.
Servire il gelato da solo oppure accompagnato da cialde, gocce di cioccolato bianco, topping al cioccolato, ecc.

Torta nera

Torta nera
Torta nera

TORTA NERA

La torta nera all’apparenza sembra un brownies (per via della forma e del colore) ma poi, al primo morso, ci si accorge che ha un sapore più forte e deciso, grazie alla presenza del rhum e del cioccolato fondente.

Da sempre, l’abbinamento rhum & cioccolato è particolarmente raffinato, sinonimo di prestigio ed esclusività, pertanto vi consiglio caldamente di non omettere questo liquore dalla ricetta.

Una torta facile da fare, economica e che potete servire ai vostri ospiti accompagnata da gelato, frutta secca e frutti di bosco (come ho fatto io), oppure da una pallina di panna montata o di crema pasticciera.

Per un gusto più particolare, vi consiglio di usare una tavoletta di cioccolato fondente e una di cioccolato al peperoncino… Mmmm… Fatemi sapere cosa ne pensate!!!

 

 

Ingredienti:

2 tavolette di cioccolato fondente (io ho usato il fondente al 75%)

3 cucchiai di farina 00

2 cucchiai di rhum

100 gr di margarina

3 uova

100 gr di zucchero di canna

Per accompagnare: gelato alla stracciatella, mandorle pelate, frutti di bosco e topping al caramello

 

 

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 180 gradi e rivestire una teglia di carta forno.

Sciogliere il cioccolato fondente e il burro in un pentolino a bagnomaria (o nel microode per 1 minuto alla max potenza).

In una ciotola, sbattere le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso.

Aggiungere la farina setacciata e mescolare per ottenere una crema priva di grumi.

Aggiungere ora il cioccolato fondente e il burro sciolti e mescolare.

Versare due cucchiai di rhum nella ciotola con le farine e il cioccolato, e mescolare per amalgamare bene il tutto.

Versare l’impatto nella teglia rivestita e livellare bene.

Cuocere la torta in forno caldo a 180 gradi per 20-25 minuti.

Sfornare e lasciar raffreddare.

Servire la Torta nera tagliata a quadrotti, accompagnata una pallina di gelato alla stracciatella, mandorle pelate, frutti di bosco e topping al caramello.

Gelato al pistacchio Bimby

Gelato al pistacchio Bimby
Gelato al pistacchio Bimby

Gelato al pistacchio Bimby

Questo gelato è fenomenale, si prepara in 10 minuti ma deve riposare quasi 12 ore, pertanto non vi aspettate di prepararlo e gustarlo subito!

Per la preparazione ho usato il mitico Bimby TM31 ma, se non l’avete a disposizione, potete usare un normale mixer e poi cuocere la crema in un pentolino a fiamma bassa, mescolando di continuo per evitare che la crema si attacchi al fondo del tegame.

Una ricetta semplice per un gelato denso e cremoso, a base di pistacchi di Bronte, latte (io ho usato il latte di soia aromatizzato alla vaniglia ma va bene anche il latte intero o scremato, come preferite), panna fresca per dolci, zucchero e tuorlo d’uovo.

 

 

 

Ingredienti:

100 gr di pistacchi sgusciati

300 ml di latte (intero o scremato, come preferite. Io ho usato il latte di soia aromatizzato alla vaniglia)

250 ml di panna fresca per dolci

100 gr di zucchero semolato

1 uovo

un pizzico di sale

 

 

 

Procedimento:

Versare i pistacchi sgusciati nel boccale e tritarli a vel. 8-9 per 10-15 secondi.

Trasferire i pistacchi tritati in un piatto fondo e sciacquare il boccale.

Versare ora nel boccale il latte, la panna fresca per dolci, lo zucchero semolato, un pizzico di sale e un tuorlo  d’uovo.

Cuocere per 7 minuti a 90°, velocità 4.

Aggiungere i pistacchi tritati e mescolare per 20 secondi a velocità 3.

Trasferire la crema ottenuta in un contenitore di plastica e riporre in freezer per 3 ore.

Dopo 3 ore, estrarre il contenitore, versare il gelato nel boccale del Bimby e mantecare per 15 secondi a velocità 6-7.

Versare il gelato nel contenitore di plastica e riporre in freezer per altre 3 ore.

Ripetere questa operazione per 4-5 volte, al fine di rendere il gelato denso e cremoso.

Prima di servire il gelato, mantecarlo un’ultima volta per 15 secondi a velocità 6-7.

Servire il Gelato al pistacchio Bimby con una manciata di granella di pistacchi e qualche ciuffo di panna montata fresca.

 

Profiteroles

Profiteroles
Profiteroles

Profiteroles

Il Profiteroles è un dessert raffinato della cucina francese: croccanti bignè di pasta choux ripieni di crema pasticcera (o al cioccolato), ricoperti da una colata di cioccolato fondente.

Questi profiteroles però sono speciali, pensati per essere serviti al termine delle calde cene estive: al posto della crema pasticcera, ho farcito i bignè con gelato fiordilatte (fatto in casa da me, con la gelatiera) e li ho ricoperti con glassa al cioccolato fondente al 75%, una vera bontà!!

Il gusto fresco del gelato dona leggerezza a questo dessert notoriamente sostanzioso, al quale i vostri ospiti non sapranno proprio resistere!

Gli ingredienti necessari? Bignè (io ho usato quelli confezionati ma voi potete prepararli direttamente nella vostra cucina), gelato per la farcitura (o crema pasticcera/chantilly, in base ai vostri gusti) e una montagna di cioccolato da sciogliere a bagnomaria e distribuire sulla montagna finale di bignè.

Vi consiglio di realizzare questi bignè durante la cena perché dovranno riposare in freezer per non più di 30 minuti.

Ingredienti per 2 porzioni:
4-6 bignè confezionati
4-5 cucchiai di gelato al fiordilatte (o altro gusto a vostra scelta)
1 tavoletta di cioccolato fondente (io ho usato il fondente al 75%)
2 cucchiai di burro
Zucchero a velo q.b.

 

 

Procedimento:

Tagliare i bignè a metà e riempirli con il gelato al fiordilatte.

Richiudere le due metà dei bignè (come si fa con i macarons o con i sandwich).

Disporre i bignè in un piatto e riporli in freezer (non più di 30 minuti, altrimenti la pasta dei bignè si congelerà perdendo la croccantezza).

Nel frattempo, sciogliere il cioccolato e il burro in un pentolino a bagnomaria.

Mescolare con un cucchiaio di legno per ottenere una salsa corposa e densa.

Quando il cioccolato sarà ben sciolto, estrarre i bignè dal freezer e distribuirvi sopra la colata di cioccolato.

Ultimare con una spolverata di zucchero a velo e servire.

I gelati più buoni di Roma

I gelati più buoni di Roma
I gelati più buoni di Roma

I gelati più buoni di Roma

Se siete fan del gelato in qualsiasi stagione dell’anno, allora state leggendo il post che fa per voi!

E’ difficile dire quale sia il gelato più buono di Roma perché in ogni quartiere e, in alcuni casi, in ogni strada, c’è una gelateria degna di essere testata.

Dopo tante riflessioni e tentennamenti, ecco a voi I gelati più buoni di Roma !

 

 

I gelati più buoni di Roma

 

Gelateria dei Gracchi (4 sedi)

Storica gelateria romana nata nel 1999 dalla passione di Alberto e Vittorio Manasei, due fratelli sardi innamorati del gelato.

Il gelato è fatto con prodotti naturali, senza conservanti, coloranti e grassi idrogenati.

I gusti da assaggiare assolutamente sono il pistacchio di Bronte, cioccolato fondente integrale, ricotta e pere, crema ai pinoli e riso al miele.

I gusti alla frutta sono preparati con frutta bio e di stagione, e tutti i gusti sono pensati anche per gli intolleranti al glutine e al lattosio.

Un gelato cremoso e sostanzioso, dove ogni gusto ha una sua caratteristica e non c’è nulla di banale o “già assaggiato altrove”.

 

 

Il gelato tentatore (Via Appia Nuova 409)

Una minuscola gelateria proprio di fronte al centro commerciale Happio, che non passa inosservata a causa dell’enorme fila di gente in attesa fuori la porta.

Qui trovate, a mio parere, uno dei gelati più buoni dell’Appio Latino.

Ampia scelta anche di gusti pensati per celiaci e intolleranti al lattosio.

Alcuni esempi: il pistacchio preparato con latte di riso, il variegato alla nutella senza glutine, il fior di riso (senza glutine e senza lattosio), e poi i classici nocciola, zabaione, tiramisù ecc.

Se siete alla ricerca di un vero peccato di gola, lasciatevi tentare dalle brioches artigianali ripiene di gelato, le crepes o le monoporzioni di cheesecake, velvet cake, panna cotta, tiramisu ecc.

Il tocco in più? La panna, fresca e montata alla perfezione, disponibile, per i più golosi, anche nelle varianti allo zabaione e al caffè.

 

 

Cremeria Family (Largo Guglielmo Bilancioni 3/4)

In zona Monteverde, una piccola gelateria artigianale dove potrete assaggiare il gelato di una volta, cremoso e leggero.

Il gelato è preparato solo con ingredienti naturali, senza coloranti, conservanti, grassi idrogenati e monogliceridi.

Proprio come una volta, il gelato viene conservato nelle carapine che ne garantiscono la perfetta conservazione.

Tutti i gusti sono pensati per celiaci, intolleranti al lattosio e persino per vegani (quindi alla frutta e senza uova).

Tra i gusti imperdibili segnalo il sorbetto con basilico e lampone, croccante di amarena e zabaione, da gustare nel cono wafer al cioccolato o alla vaniglia.. gnammm!!!
Buonissime anche le monoporzioni di tiramisù, cheesecake, le torte fredde e le coppe gelato.

Un piccolo gioiello di quartiere da non perdere per nulla al mondo!

 

 

Sweet life (Corso Vittorio Emanuele II)

Una piccola gelateria artigianale nel pieno centro di Roma, dove il gelato si fa con soli 4 ingredienti: latte fresco, zucchero, panna fresca, frutta di stagione e paste varie.

Qui il gelato è cremoso, morbido e vellutato, perfetto per essere gustato nelle coppette o nei coni di cialda wafer super croccanti.

Agli amanti delle creme consiglio i gusti cremino, tiramisù e nocciola mentre, ai fanatici della frutta, consiglio mora e gelso, una delizia autentica che vi porterà in un attimo al caldo sole della Sicilia.

Se cercate qualcosa di insolito, provate i macaron ripieni di gelato, sublimi e perfetti da gustare passeggiando per le vie del centro.

 

 

Il cannolo siciliano (2 sedi)

Vincitore del Gelato Festival 2016, Il cannolo siciliano non offre solamente cannoli farciti sul momento, ma anche gelati, brioches e torte.

La chiave di un gelato così buono? Gli ingredienti scelti con cura e l’impegno messo in tutte le fasi della lavorazione, dalla pastorizzazione al riposo in congelatore.

Piuttosto che proporre mille gusti differenti ma dal sapore identico, quelli de Il cannolo siciliano preferiscono concentrarsi su pochi gusti (una ventina), spaziando tra i grandi classici (cioccolato, nocciola) ed i più innovativi.

Il mio preferito? Sicuramente il gusto Cannolo siciliano, una crema di ricotta condita con cialde di cannolo sbriciolate, gocce di cioccolato e pistacchi di Bronte, una vera delizia!

Chi non ama la ricotta può optare per il pistacchio di Bronte, la crema di mascarpone con pere williams cotte al forno, mela e cannella, mandarino tardivo, limone e basilico (perfetto per chi è attento alla linea).

 

 

Freddo (Piazza Tuscolo 7/8/9)

Nel quartiere San Giovanni, Freddo è una pasticceria e gelateria artigianale dove ogni giorno, nel laboratorio a vista, vengono preparati gelati naturali, senza emulsionanti, conservati, coloranti, aromi industriali e grassi idrogenati o raffinati.

Gli ingredienti sono scelti accuratamente puntando su frutta di stagione e prodotti di alta qualtà come il cioccolato Valhrona, le uova bio allevate a terra, i pistacchi di Bronte e le nocciole delle Langhe.

Gelati per tutti i palati: per celiaci, intolleranti al lattosio, vegani, diabetici e vegetariani.

Insomma, il posto giusto per tutti!

Il gelato è fantastico, cremoso e leggero, disponibile anche nei gusti più insoliti come il biscotto romano (con i biscotti Gentilini) e lo sfizioso arachide e croccante salato, una versa leccornia.

Gli ingordi potranno trovare soddisfazione nelle brioches riccamente farcite di gelato, coppe di tutte le dimensioni, waffles e crepes, torte fredde, frappè e frullati.