fritto

Crocchette di salmone

Crocchette di salmone
Crocchette di salmone

CROCCHETTE DI SALMONE

Ho assaggiato queste crocchette al buffet del matrimonio di un amico e me ne sono subito innamorata; all’apparenza sembravano olive all’ascolana o crocchette di riso farcite ma poi, al primo assaggio, si sono sciolte in bocca, morbide e profumate e per niente unte.

Inutile dire che ho immediatamente fatto una seconda capatina al buffet per prenderne un’altra porzione 😉😉😉
Una ricetta facilissima da servire come antipasto finger food, che ricorda vagamente gli arancini al salmone ma sicuramente più leggera e sfiziosa.

Io ho fritto le crocchette ma si possono cuocere anche in forno o al microonde, ottenendo un risultato più leggero ma altrettanto buono.

INGREDIENTI:

200 gr di filetto di salmone fresco (in mancanza, potete anche usare il salmone confezionato al naturale o all’olio di oliva)
1 uovo
1 limone
2 cucchiai di pangrattato
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
Qualche foglia di prezzemolo fresco
Sale, pepe

PROCEDIMENTO:

Privare il salmone della pelle praticando dei tagli alle estremità del salmone (se usate il salmone confezionato, dovrete saltare questo passaggio e procedere direttamente a frullarlo con il minipimer).

Creare un’emulsione con il succo di un limone, qualche foglia di prezzemolo fresco, una spolverata di pepe nero macinato e un pizzico di sale, e lasciarvi a marinare il salmone per almeno 1 ora.

Trascorso il tempo, scolare il salmone dalla marinatura e frullarlo con un minipimer.

In una ciotola, unire il salmone ridotto in purea, la scorza grattugiata di mezzo limone, l’uovo, il pangrattato e impastare tutto con le mani, come quando di preparano le polpette.

Con l’impasto ottenuto, creare delle morbide polpette non troppo grandi.

Riempire una padella di olio di semi e, quando sarà caldo, friggervi le crocchette di salmone.

Scolare le crocchette e adagiarle su un foglio di carta assorbente per asciugare l’olio in eccesso.

Servire le Crocchette di salmone subito, accompagnandole con cucchiai di maionese o salsa yogurt.

Corn dogs

Corn dogs
Corn dogs

CORN DOGS

I corn dogs sono uno dei piatti più famosi dello street food americano: un würstel in pastella, fritto e servito infilzato in uno spiedino, perfetto da mangiare accompagnato da generose cucchiaiate di ketchup, senape e maionese.
Questi corn dogs sono perfetti da servire ai vostri ospiti come aperitivo, o come stuzzichino da mangiare davanti alla TV, magari in quelle serate solitarie in cui ci si vuole abbuffare di schifezze per non sentirsi troppo soli, e ci si butta sempre sul cioccolato (un classico intramontabile) o sul fritto (perché come si dice, qualsiasi cosa fritta e’ strabuona!).
E voi che ne dite? Vi ho convinto?

 

 

Ingredienti per 5 corn dogs:

5 würstel (io ho usato wurstel di pollo ma voi potete usare quelli di tacchino o di suino, in base ai vostri gusti)
150 gr di farina di mais
30 gr di farina 00
1 uovo
150 ml di latte (intero o parzialmente scremato)
1 bustina di lievito istantaneo
1 cucchiaio di zucchero semolato
5 spiedini di bambù
Un pizzico di sale
Salse varie per servire (facoltativo)

 

 

 

Procedimento:

Preparare la pastella mescolando, in una ciotola, la farina di mais, la farina 00, il lievito istantaneo in polvere e un pizzico di sale.
Aggiungere un cucchiaio di zucchero semolato, l’uovo sbattuto, il latte a filo, e continuare a mescolare per ottenere una pastella densa e omogenea (cercate di ottenere una pastella priva di grumi, spesso causati dalla farina. Vi suggerisco di usare una frusta manuale o elettrica).
Passare ogni würstel nella pastella e rigirarlo su entrambi i lati.
Riempire una padella di olio di arachidi e, quando sarà bollente, friggervi i würstel pastellati fino a doratura, girandoli più volte in modo da farli cuocere uniformemente.
Scolare i corn dogs e adagiarli su un foglio di carta assorbente.
Infilare ogni würstel nello spiedino di legno e servirli subito, accompagnati rigorosamente dalle tipiche salse americane (ketchup, senape, maionese).

Calzone

Calzone
Calzone

Calzone

Mia nonna, ogni volta che fa la pizza, mette sempre da parte una piccola palla di impasto per prepararmi il calzone con prosciutto cotto e mozzarella, una vera goduria!!

Tuttavia, quando vado a cena in pizzeria, non mi piace mai ordinare il calzone perché sono piuttosto titubante dell’impasto (chi lo fa troppo spesso, chi troppo sottile, chi poco croccante) e quindi mi butto sempre su una classica pizza o, se disponibile, la mitica Pinsa. E voi?


Ingredienti per un calzone:

150 gr di farina
1/2 panetto di lievito
1/2 tazza di acqua calda
Sale q.b.
4 fette di prosciutto cotto
1/2 mozzarella
4-5 cucchiai di salsa di pomodoro

 

Procedimento:

In un recipiente, versare la farina e scavare un buco al centro.
Sciogliere 1/2 cubetto di lievito di birra e un pizzico di sale in 100 ml di acqua calda, poi versarlo nel buco fatto nella farina e cominciare a impastare.
L’obiettivo è quello di ottenere una bella palla elastica.
Sistemare l’impasto in una ciotola coperta con uno strofinaccio e metterla a lievitare in un luogo caldo (io di solito la metto nel forno spento o vicino al termosifone, in inverno).
Dopo 3-4 ore l’impasto sarà lievitato quindi lavorarlo su una spianatoia infarinata e stenderlo a forma di cerchio.

Al centro del cerchio disporre il prosciutto cotto a strisce, la mozzarella e un cucchiaio di salsa di pomodoro.

Richiudere formando una mezzaluna e adagiarla su una teglia da forno precedentemente unta con un filo di olio.
Chiudere bene il calzone aiutandovi con la forchetta, in modo che non si apra durante la cottura facendo fuoriuscire il gustoso ripieno.
Preriscaldare il forno a 220 gradi.
Spennellare la superficie del calzone con un cucchiaio di salsa di pomodoro, quindi infornare e cuocere in forno caldo a 220 gradi per 30 minuti, girando il calzone a metà cottura per una doratura uniforme.
Infine, sfornare e servire ben caldo.

Onion rings

Onion rings
Onion rings

Onion rings

Gli onion rings sono gli aperitivi finger food per eccellenza: una ricetta proveniente direttamente dalle cucine americane a base di croccanti anelli di cipolla in pastella, fritti e solitamente accompagnati con salsa ketchup o salsa guacamole: una vera droga!

Sono letteralmente uno tira l’altro!

Non sono mai andata pazza per gli onion rings, forse perché quando li mangiavo nei pub erano sempre fatti con prodotti surgelati dove la panatura si staccava spesso e volentieri dagli anelli di cipolla (un po’ come succede spesso anche con la frittura di calamari); poi, un giorno, mia zia li ha serviti come antipasto per una cena a casa sua e ne sono rimasta innamorata!!

Erano completamente diversi da quelli consumati nei locali, più croccanti e saporiti, meno unti e con la panatura perfettamente intatta!

Così, mi sono fatta dare la ricetta e da allora li preparo molto spesso, soprattutto quando invito la mia migliore amica a casa per un aperitivo a base di birra e fritti misti (i perfetti alleati del cuore e del colesterolo).

 

Ingredienti per 2 porzioni:

1 cipolla (io ho usato la cipolla rossa di Tropea, dal gusto più dolce rispetto a quella bianca o quella dorata)

50 gr di farina 00

2-3 cucchiai di pangrattato

Acqua gassata q.b.

Sale

 

 

Procedimento:

In una ciotola, mescolare la farina con l’acqua gassata e un pizzico di sale per creare una pastella.

Pulire la cipolla con un coltellino affilato, eliminando le radici e la pellicola esterna.

Tagliare la cipolla a fettine di medio spessore, non troppo sottili (altrimenti rischierebbero di bruciare durante la cottura) e non troppo spessi (altrimenti rimarrebbero crudi all’interno).

Una volta tagliati, passare gli anelli prima nella pastella di acqua e farina e poi nel pangrattato.

Riempire una padella di olio e, quando sarà bollente, friggervi gli onion rings fino a doratura.

Scolare gli onion rings e adagiarli su un foglio di carta assorbente.

Servire gli Onion rings caldi.

Gnocco fritto

Gnocco fritto
Gnocco fritto

Gnocco fritto

Lo gnocco fritto è una prelibatezza tipica dell’Emilia Romagna, un finger food ideale da servire come aperitivo o come antipasto.

Qualche anno fa sono stata a Bologna a trovare degli amici e una sera siamo usciti per l’happy hour, ci siamo seduti in un locale in centro e abbiamo ordinato 4 Spritz (per me, rigorosamente con l’Aperol!)), che abbiamo accompagnato con gli gnocchi fritti e dei salumi vari (culatello, prosciutto crudo, mortadella): mmm che bontà!!! Sono peggio delle focacce calde: uno tira l’altro!! E proprio vero il detto “Bologna la grassa” 🙂

Una ricetta facile e veloce per un aperitivo finger food da servire ai vostri amici insieme a un bel cocktail o una semplice birretta fresca.

Se siete alla ricerca di aperitivi finger food, vi consiglio di provare anche i panzerotti pugliesi (https://blog.giallozafferano.it/unacucinadasingle/panzerotti-pugliesi/

 

 

Ingredienti per 4-5 persone:

500 gr di farina
25 ml di olio di semi
1 cubetto di lievito di birra
125 ml di latte
125 ml di acqua
Un pizzico di sale

 

 

Procedimento:

Versare la farina a fontana su una spianatoia e fare un buco al centro.
Versare l’acqua e il latte in un pentolino e scaldare a fuoco basso.
Sciogliere il cubetto di lievito di birra nell’acqua e latte e poi versar il tutto all’interno del buco praticato nella farina e cominciare ad impastare con le mani.
Aggiungere l’olio e il sale e continuare a impastare fino ad ottenere una palla morbida ed elastica.
Coprire l’impasto con un canovaccio e lasciarlo lievitare in luogo caldo per 1 ora (io di solito lo metto nel forno spento, oppure vicino al termosifone).
Trascorso il tempo della lievitazione, stendere l’impatto sulla spianatoia con l’aiuto di un mattarello e tagliare dei rombi.
Scaldare l’olio di semi in una padella e, quando sarà bollente, friggervi i rombi.
Scolare gli gnocchi e adagiarli su carta assorbente.
Servire subito!!