cucina austriaca

Frittatensuppe

Frittatensuppe
Frittatensuppe

Frittatensuppe

La frittatensuppe è un piatto di origine austriaca che, in realtà, non è altro che una

crespella tagliata a striscioline e immersa nel brodo di carne (di pollo o di manzo o

vegetale, in base alle vostre preferenze).

In Austria viene servita come antipasto, e io l’ho mangiata proprio a Vienna, la

notte di Capodanno, facendo seguire da un abbondante secondo piatto composto

da ribs di maiale e patatine fritte.

In Austria, la tradizione vuole che il Natale si festeggi la sera del 24 dicembre con

una grande cena che inizia sempre con una buona zuppa (la frittatensuppe va

per la maggiore, ma è molto gettonata anche la zuppa di gnocchetti e/o la zuppa

di canederli), prosegue con la portata principale (oca farcita o carpa servita con

verdure) e termine con biscotti di Natale e fette di torta Sacher.

Dite la verità: state pensando di trascorrere il 24 dicembre a Vienna e poi tornare

in Italia il 25 mattina, vero?!?!
Stasera ho voluto preparare questa frittatensuppe qui a casa, per riportare alla

mente quei giorni magici a cavallo del nuovo anno…

E voi? La preparate con me? Vi consiglio di non consumarla come

antipasto ma mangiarla direttamente come secondo piatto, accompagnandola

con una dose abbondante di crostini da inzuppare nel brodo.

 

(altro…)

Patate in padella

Patate in padella
Patate in padella

Patate in padella

Le patate in padella sono un tipico contorno tirolese (chiamate per l’appunto bratkartoffeln), molto diffuse in Trentino Alto Adige, perfette per accompagnare secondi piatti di carne come bistecche, cotolette, hamburger.

Una ricetta facile che prevede prima la bollitura e poi la rosolatura in padella delle patate, insieme a cipolla (o erba cipollina), burro, olio e sale.

Se volete accentuare il gusto (ma anche le calorie) del vostro contorno, vi consiglio di aggiungere alle patate in padella qualche fetta di bacon, cubetti di pancetta affumicata o wurstel tagliati a rondelle.

Per un risultato ottimale, vi consiglio di usare le patate rosse perché più sode e meno farinose rispetto alle più classiche patate gialle.

 

Ingredienti per una porzione:

250 gr di patate (preferibilmente rosse)

½ cipolla

Una noce di burro

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

Sale

 

 

Procedimento:

Lavare bene le patate sotto l’acqua corrente.

Riempire una pentola d’acqua e portarla a bollore.

Quando l’acqua comincerà a bollire, tuffarvi le patate e cuocere per 20 minuti. Le patate vanno lessate con tutta la buccia.

Trascorso il tempo, scolare le patate e lasciarle intiepidire.

Una volta fredde, sbucciare e tagliare le patate fredde a fettine non troppo sottili.

Tagliare la cipolla a rondelle.

In una padella, rosolare la cipolla a rondelle con due cucchiai di olio, poi aggiungere le patate a fette e rosolare.

Quando le patate saranno dorate, abbassare la fiamma e continuare la cottura per 10-15 minuti, fino a quando sulle patate non si sarà formata una crosticina croccante.

Durante la cottura, mescolare di tanto in tanto per evitare che le patate si attacchino alla padella.

Quando le patate saranno quasi cotte, aggiungere una noce di burro e una spolverata di sale, quindi cuocere per altri 2-3 minuti.

Servire le patate calde, magari accompagnandole con generose cucchiaiate di salse (ketchup, maionese, senape, salsa yogurt).

 

Insalata di patate viennesi

Insalata di patate viennesi
Insalata di patate viennesi

Insalata di patate viennesi

L’insalata di patate è un piatto tipico della cucina tedesca e austriaca (la cd. kartoffelsalat), un contorno ricco, fresco e colorato, che solitamente viene servita come accompagnamento alla gigantesca cotoletta viennese (cd. schnitzel). Si tratta di una ricetta semplice ma ricca di gusto, non molto nota in Italia, e quindi perfetta per essere servita ai vostri ospiti mettendo in scena così un menù dal sapore internazionale. La ciliegina sulla torta?? Una buona birra tedesca per innaffiare il tutto!
Io solitamente mangio questa insalata in accompagnamento a piatti di carne, come hamburger e bistecche, e la trovo favolosa perché si può realizzare con largo anticipo e quindi gustarla poi anche quando si ha poco tempo a disposizione per mettersi ai fornelli.

 

 

Ingredienti per una porzione:

2 patate medie

1/2 cipolla

Qualche foglia di prezzemolo

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 cucchiaio di aceto di vino bianco

Il succo di mezzo limone

Sale, pepe, erba cipollina

 

 

Procedimento:

Pelare le patate e lessarle intere in una pentola con acqua bollente per circa 30 minuti.

Nel frattempo, tritare finemente la cipolla con un coltello da cucina.

In una ciotola, unire olio extravergine di oliva, aceto di vino bianco, succo di limone e mescolare per creare un’emulsione.

Scolare le patate e farle raffreddare a temperatura ambiente (o sotto il getto dell’acqua corrente, se avete fretta).

Tagliare le patate e adagiarle in un piatto insieme alla cipolla tritata.

Condire le patate con l’emulsione preparata, un pizzico di sale, una spolverata di pepe nero macinato, una di erba cipollina e qualche foglia di prezzemolo fresco.

Lasciare riposare l’insalata almeno 30 minuti, in frigorifero o a temperatura ambiente, in modo che le patate si insaporiscano bene.

Servire l’Insalata di patate viennesi in accompagnamento a un secondo piatto di carne, come una cotoletta, un hamburger di chianina o una bistecca.

Torta Sacher

Torta Sacher
Torta Sacher

Torta Sacher

La Torta Sacher è uno dei miei dolci preferiti della cucina austriaca: una soffice torta al cioccolato farcita con marmellata di albicocche e ricoperta con glassa al cioccolato, mmm una vera bontà!!! Due famose pasticcerie viennesi si contendono la “paternità” della sacher: il famoso Caffé Sacher e la Pasticceria Demel. Fortunatamente, durante una vacanza nella capitale austriaca, ho avuto l’opportunità di assaggiare ambedue le versioni, entrambe accompagnate da ciuffi di panna fresca e una tazza di the e, posso sentenziare che la migliore è quella del Caffè Sacher, più soffice e dal retrogusto meno amaro.

La ricetta di seguito vi permetterà di ottenere una torta soffice, spumosa, che al primo assaggio vi riporterà ai fasti dell’impero austro-ungarico, facendovi immaginare di essere l’Imperatrice Sissi durante il the pomeridiano.

 

Ingredienti:

63 gr di farina 00

63 gr di burro

3 uova

75 gr di zucchero (di canna o semolato, come preferite)

75 gr di cioccolato fondente (io ho usato il fondente al 75%)

100 gr di marmellata di albicocche

20 gr di zucchero a velo

Per la glassa:

1 tavoletta di cioccolato fondente

100 gr di zucchero

3 cucchiai di acqua

 

 

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 160° e rivestire una tortiera di carta forno.

In una ciotola, unire il burro con lo zucchero, aiutandovi con una frusta elettrica o manuale.

Separare i tuorli dagli albumi.

Aggiungere i tuorli e continuare a mescolare per amalgamare gli ingredienti.

Tagliare il cioccolato fondente a quadrotti e scioglierlo in un pentolino a bagnomaria.

Aggiungere il cioccolato fuso nella ciotola con i tuorli e mescolare bene con una frusta da cucina.

Aggiungere anche la farina setacciata e mescolare bene per ottenere un composto omogeneo e senza grumi.

Montare gli albumi a neve ben ferma con uno sbattitore elettrico e aggiungerli al composto con il cioccolato, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto con una spatola, per non rischiare di smontare gli albumi.

Versare il composto ottenuto nella tortiera rivestita e cuocere in forno caldo a 160° per 45-55 minuti.

Sfornare la torta e lasciarla raffreddare a temperatura ambiente.

Una volta fredda, rimuovere la parte superiore della superficie della torta, poi tagliarla a metà ottenendo due strati della stessa altezza.

Distribuire la marmellata di albicocche sul primo strato della torta, poi richiuderla come fosse un sandwich.

Distribuire uno strato di marmellata anche sulla superficie del secondo strato della torta.

Ora preparare la glassa al cioccolato.

Tagliare il cioccolato a cubotti e scioglierlo in un pentolino a bagnomaria, insieme allo zucchero e a tre cucchiai di acqua.

Mescolare di continuo con un cucchiaio di legno, per ottenere uno sciroppo denso.

Quando la salsa sarà sufficientemente densa, spegnere il fuoco e versarla a filo sulla superficie della torta, cercando di ricoprirla tutta (senza lasciare buchi). La salsa dovrà essere versata dall’esterno verso l’interno, forando onde concentriche.

Lasciare raffreddare la torta ricoperta di salsa al cioccolato in frigorifero per 3-4 ore, in modo che la salsa si solidifichi.

Servire la Torta Sacher intera o tagliata a fette, magari accompagnata da qualche ciuffo di panna montata.

 

Linzertorte

Linzertorte
Linzertorte

Linzertorte

La Linzerorte è una delle torte più antiche al mondo, creata in Austria, nella città di Linz per l’esattezza, e famosa già nel XVII secolo. Una ricetta semplice, a base di farina, burro, uova, cannella, nocciole e marmellata (preferibilmente scura), una sorta di crostata italiana ma con la base più alta e con le nocciole nell’impasto.
Una torta adatta da mangiare a colazione, a merenda, accompagnata da una tazza di the o come dessert al termine di una cena.

 


Ingredienti
:
350 gr di farina integrale
250 gr di nocciole
1 bustina di lievito per dolci
150 gr di burro
2 uova
150 gr di marmellata di fragole (o di ciliegie)
50 gr di zucchero di canna
2 cucchiai di miele millefiori
1 cucchiaio di cannella in polvere

 


Preparazione
:
Versare le nocciole nel bicchiere del mixer e frullarle per ridurle in polvere.
In una ciotola, unire le nocciole in polvere, la farina integrale, il lievito per dolci, il burro a temperatura ambiente e tagliato a pezzettini, un cucchiaio di cannella in polvere e lo zucchero di canna.
Mescolare il tutto con le mani, per ottenere un composto “sbricioloso”.
Aggiungere ora le uova e il miele, continuare a impastare per ottenere una palla elastica e soda.
Avvolgere la palla di impasto nella pellicola e farla riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
Trascorso il tempo di riposo, rivestire una tortiera di carta forno e preriscaldare il forno a 180 gradi.
Stendere l’impasto su una spianatoia infarinata con l’aiuto di un matterello (non create una sfoglia troppo sottile ma cercate di farle rimanere i bordi alti) e poi adagiarlo all’interno della tortiera, lasciandone un po da parte per formare le “strisce” della torta.
Spalmare la marmellata di fragole al centro della torta.
Con l’impasto tenuto da parte, realizzare delle strisce da mettere sulla marmellata per formare una griglia.
Cuocere la torta in forno caldo a 180 gradi per 30 minuti.
Sfornare e far raffreddare prima di servire.