cioccolato Venchi

Dolci per la calza della Befana

Dolci per la calza della BefanaDolci per la calza della Befana

L’Epifania chiuse le festività del Natale ed è una buona occasione per fare scorta di dolciumi amati da grandi e piccini.

Se siete pigri, non vi resta che acquistare le calze confezionate in vendita in tutti i supermercati, contenenti cioccolatini, caramelle, liquirizie, snack dolci e tanto altro.

Se invece volete preparare una calza “artigianale”, allora vi suggerisco delle idee molto carine pensate in base a chi riceverà la calza.

 

Per gli amanti del cioccolato…

Preparate una ricca calza contenente cioccolatini, tavolette di cioccolato, merendine e, infine, gli introvabili Nutella biscuits.

In mancanza dei Nutella biscuits, sostituiteli con un barattolo di Nutella e un pacco di Macine Mulino Bianco: sarà un dono super gradito!

Se siete a Roma, vi consiglio i cioccolatini artigianali di Said (a San Lorenzo) oppure di Grezzo (all’Esquilino) mentre, se preferite marche meno di nicchia, allora affidatevi a Venchi e andrete sul sicuro.

Infine, se i destinatari della calza saranno i bambini, allora fate scorta di cioccolatini Kinder e saranno strafelici.

 

Per chi è già alla ricerca della dieta post abbuffate natalizie…

riempite la calza della Befana con frutta fresca (mandarini, mele, pere), frutta secca (mandorle, noci, anacardi) e, perchè no? Anche un finocchio e una manciata di carote.

Infine, aggiungete un piccolo snack dolce come una tavoletta di cioccolato fondente, qualche cioccolatino oppure barrette di cereali.

Se volete arricchire la calza con dolci fatti in casa, allora optate per dolci privi di burro e zucchero, preferendo dolcificanti come il fruttosio o la stevia.

 

Per chi non ama i dolci…

Per chi al dolce preferisce il salato, allora preparate una calza della befana con patatine, taralli, frutta secca, crackers sfiziosi e grissini.

Se volete preparare qualcosa con le vostre mani, vi suggerisco delle pizzette o dei rustici di pasta sfoglia, da preparare il giorno prima ed imbustare in un sacchetto colorato.

A questo, potete aggiungere anche delle piccole confezioni di olive in salamoia oppure di sottaceti fatti in casa o comprati.

 

Per gli amanti del caffè

I coffe lovers gradiranno sicuramente ricevere una calza della Befana con una confezione di caffè macinato di alta qualità oppure una miscela particolare e ricercata.

In alternativa, potrebbero essere gradite anche le cialde e le capsule per le macchine automatiche, magari aromatizzate.

Al caffè potreste aggiungere delle bustine monodose di zucchero (bianco o di canna) oppure i mitici cucchiaini di cioccolato, una vera chicca.

Cesti di Natale: dove acquistarli a Roma?

Cesti di Natale: dove acquistarli a Roma?
Cesti di Natale: dove acquistarli a Roma?

Cesti di Natale: dove acquistarli a Roma?

Passano gli anni ma, che che se ne dica, a Natale il cesto gastronomico è sempre il regalo più gradito.

Forse perché contiene prodotti artigianali e di qualità che solitamente non includiamo nella spesa quotidiana, forse perché siamo italiani e ci piace il buon cibo…

Cesti dolci o salati, piccoli o grandi, purché contengano i classici dolci del Natale italiano: pandoro o panettone, torrone e una bella bottiglia di spumante.

Dunque, se siete in cerca di cesti gastronomici da regalare ai vostri amici e parenti per Natale, ecco a voi i suggerimenti su dove acquistare i migliori nella capitale romana.

 

 

 

Castroni (4 sedi: Via Flaminia, Via Frattina, Via Cola di Rienzo, Viale Marconi)

Una delle drogherie più famose di Roma, forse la più amata dai romani, anche dopo l’arrivo di Eataly.

Da Castroni potrete trovare i migliori prodotti italiani ma anche sapori d’oltreoceano, come tè pregiati, spezie indiane, cioccolato di prima scelta, noodles asiatici, biscotti danesi, ecc.

A Natale, Castroni viene preso d’assalto da chi vuole regalare specialità alimentari ai propri amici e parenti, ma anche da chi deve fare regali aziendali.

Oltre a panettoni, pandori e torroni, il negozio offre specialità natalizie di ogni regione italiana, come il Pangiallo romano, le scorze agli agrumi siciliane, marron glacés, ecc.

Potrete ordinare cesti già confezionati (con prodotti dolci e/o salati), oppure scegliere voi stessi cosa mettere nel vostro cesto e richiedere il confezionamento.

Il prezzo, chiaramente, dipende dai prodotti scelti: i panettoni vanno dai 13 ai 20 euro (a seconda della marca), i torroni si aggirano sui 10€.

 

 

 

Eataly (2 sedi: Piazzale XII Ottobre e Piazza della Repubblica)

Da Eataly il cesto di Natale è italiano al 100%: panettone di Tommaso Muzzi, lenticchie di Altamura, tartufi, spumante Fontanafredda, cioccolato Baratti e Milano, pasta di Gragnano.

Il negozio propone cesti “già pronti” con prezzi accessibili a tutti: da 19,99€ a 399,90€, a seconda del contenuto.

Degno di nota è il cesto “biologico” con taralli alla curcuma, olio evo da 500 ml, castagne cotte al naturale, pomodorini, pasta, aceto balsamico, olive, peperoncino e vino Nebbiolo delle Langhe.

Da Eataly avrete solo l’imbarazzo della scelta e, se proprio non riuscirete a trovare qualcosa che vi soddisfa, potrete sempre acquistare prodotti singoli e farli confezionare appositamente.

 

 

 

La cannoleria siciliana (2 sedi: Piazza dei Re di Roma e Corso Trieste)

Una famosa pasticceria siciliana molto amata dai romani per la bontà dei prodotti elaborati e la freschezza delle materie prime usate.

Nel periodo natalizio, la pasticceria offre panettoni di produzione propria, classici o farciti, nonché pandori “vuoti” o ripieni di ricotta e pistacchio. Una vera bontà!

Se volete fare un regalo “siculo” ad amici e parenti, potete ordinare cesti natalizi con prodotti scelti da voi, confezionati elegantemente e persino consegnati a domicilio!

Quali prodotti scegliere? Scorze di frutta candita ricoperta di cioccolato, vini, confetture e marmellate, torroni ecc.

Non aspettate l’ultimo minuto e ordinate subito il vostro cesto dalla Cannoleria!

 

 

 

Roscioli (Via dei Chiavari)

Durante il periodo natalizio, l’Antico Forno Roscioli propone non solo i famosi dolci di Natale fatti a mano, ma anche eleganti confezioni regalo già pronte o da riempire con prodotti a vostra scelta.

Alcuni esempi? La combinazione “panettone Roscioli e Moscato d’Asti”, per un regalo al 100% Made in Italy.

In alternativa, scegliete il caffè Gianni Frasi, il Parmigiano Reggiano, l’olio Oliva De Carlo, la salsa di pomodoro Campisi, la crema di nocciole Mauro Moranda, i biscotti Antonio Mattei ecc.

I prezzi? Da 20€ in su, a seconda dei prodotti che scegliere di inserire nel vostro cesto gastronomico.

 

 

Lo zio d’America (Via Ugo Ojetti)

Un locale aperto sin dalle prime ore del mattino a tarda notte, dove è possibile fare colazione con cornetti freschi ma anche fermarsi per cena o per un aperitivo.

Nel periodo natalizio, Lo Zio d’America propone cesti gastronomici già pronti o da comporre con prodotti a vostra scelta, tutti rigorosamente made in Italy e di prima qualità.

Alcuni esempi? Panettone Flamigni e Fiasconaro, praline e gianduiotti Venchi, marron glacés, confetture e marmellate Fiasconaro, spumante Ferrari, pasta Cav. G. Cocco, ecc.

 

Enoteca Guerrini (Viale Regina Margherita)

Nel quartiere nomentano, l’Enoteca Guerrini propone un’attenta selezione di specialità, vini, distillati, bollicine, dolci, cioccolata e cesti natalizi con prelibatezze di impareggiabile qualità.

I cesti natalizi sono preparati su ordinazione e partono da un minimo di 15€ per il sacco in juta contenente panettone Tre Marie, spumante rosè millesimato 2018 Cantine Cav. Ceste, gianduiotti Baratti Milano e una scatola di pasticcini La Sassellese.

Se preferite il pandoro, allo stesso prezzo c’è la formula pandoro Tre Marie, cantuccini L’Albereto, torrone tenero alle mandorle I Siciliani e spumante rosè millesimato 2018 Cantine Cav. Ceste.

Salendo di prezzo, sono disponibili anche cesti con pezzi di parmigiano reggiano, trancio di lardo del Salumificio Gonella, farina per polenta e altre specialità salate.

 

Cioccolata calda

Cioccolata calda
Cioccolata calda

Cioccolata calda

Per Natale mia zia, conoscendo bene i miei gusti e le mie passioni, mi ha regalato una cioccolatiera: eh si, un’idea molto apprezzata, soprattutto perché accompagnata da due belle sfoglie di cioccolato pregiato, pronte per finire in tazza! Del resto, chi non ama il cioccolato?? Per me è una droga, il modo perfetto per risollevare il morale dopo una faticosa giornata di lavoro o nei momenti difficili.

Oggi avevo voglia di una merenda “lussuriosa”, pronta a mettere alla prova le dure ore di allenamento in palestra, e ho deciso di testarla. Il risultato?!? Un dessert peccaminoso e decisamente romantico, perfetto per questa giornata uggiosa!

Io ho aggiunto un pizzico di cannella in polvere ma voi potete ometterla o sostituirla con un pizzico di peperoncino piccante o di anice stellata (se usate il cioccolato bianco, potreste aromatizzarlo con frutta secca tritata, come pistacchi e mandorle). Che ne dite? Mi fate compagnia??

Vi consiglio di accompagnare la cioccolata calda con ciuffi di panna fresca montata (come si fa nelle cioccolaterie e/o caffetterie) e biscottini al burro, perfetti da inzuppare nella bevanda.

Ingredienti per 1 tazza:
1 tavoletta di cioccolato (io ho usato il fondente al 70% ma voi potete usare quello più di vostro gusto, ad esempio al latte, bianco)
1 cucchiaio di zucchero di canna (opzionale)
Un pizzico di cannella in polvere (opzionale)

Cioccolata calda
Cioccolata calda

Procedimento:
Tagliare il cioccolato a pezzetti non troppo piccoli e metterli nella cioccolatiera.
Accendere la candela e aspettare che il cioccolato cominci a sciogliersi, mescolando di tanto in tanto per velocizzare il processo.
Quando il cioccolato sarà completamente sciolto, spegnere la candela e versare il cioccolato nella tazza.
Aggiungere un cucchiaio di zucchero di canna e un pizzico di cannella in polvere e mescolare bene per amalgamare gli ingredienti.
Servire subito, magari insieme a dei biscottini al burro o al cioccolato.

Torta paradiso al cacao

Torta paradiso al cacao
Torta paradiso al cacao

Torta paradiso al cacao

Chi di voi non conosce la torta paradiso? Ma si, quella torta preparata sempre dalla nonna per farvi fare merenda da bambini!

Semplice, economica, soffice e squisita, perfetta da mangiare da sola oppure inzuppata nel latte o nel the.

La sua invenzione si deve al pasticcere Enrico Vigoni di Pavia, che nel 1878 diede vita ad una torta semplice, simile alla torta margherita ma con una dose di burro in più.

Ancor’oggi, a Pavia, la torta paradiso è nota come “Torta Vigoni”.

E voi, cosa ne direste se alla ricetta tradizionale aggiungessimo una manciata di cacao? Mmm divina!

E, per di più, se usassimo ingredienti adatti agli intolleranti così da ottenere una torta gluten free? Super divina!

Beh, allora mettetevi all’opera e preparate questa bontà insieme a me!

Quanto agli ingredienti, io ho scelto la farina di riso de “Le farine magiche”, reperibile in qualsiasi supermercato, e l’amido di mais che, contrariamente a quello che pensano tutti, non serve solo per addensare le creme ma anche per conferire leggerezza e sofficità alle torte.

 

 

 

Ingredienti:

170 gr di farina di riso

50 gr di amido di mais

150 gr di zucchero di canna fino

150 gr di burro (io ho usato il burro Meggle, senza lattosio e senza glutine)

3 uova grandi (possibilmente, fresche)

200 gr di cioccolato fondente gluten free (io Venchi)

1 bustina di lievito per dolci per celiaci

zucchero a velo q.b.

 

 

 

 

Procedimento:

In una ciotola unire la farina di riso e l’amido di mais.

Tagliare la tavoletta di cioccolato a cubetti con un coltello da cucina.

Sciogliere il cioccolato e il burro in un pentolino a bagno maria.

Mescolare con un cucchiaio di legno per evitare che il cioccolato si attacchi ai bordi del pentolino.

Rompere le uova separando i tuorli dagli albumi.

Con una frusta elettrica, montare gli albumi a neve ben ferma, aggiungendo un pizzico di sale.

Versare lo zucchero di canna nella ciotola con i tuorli.

Con una forchetta (o uno sbattitore), sbattere le uova con lo zucchero per ottenere una spuma soffice.

Nella ciotola con i tuorli, aggiungere il cioccolato fuso, la farina di riso, l’amido di mais e il lievito per celiaci, mescolando bene con un cucchiaio di legno.

L’obiettivo è impedire la formazione di grumi della farina e amalgamare bene gli ingredienti.

In ultimo, aggiungere gli albumi a neve, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto per evitare che si smontino.

Preriscaldare il forno a 180 gradi.

Rivestire una teglia rotonda di carta forno e versarvi l’impasto, cercando di distribuirlo uniformemente.

Cuocere la torta in forno caldo a 180 gradi per 35-40 minuti.

Prima di sfornare la torta, fare la prova dello “stuzzicadenti” per verificare la cottura.

Mi raccomando, estraete la torta dal forno solo se lo stuzzicadenti sarà perfettamente pulito!

Sfornare la torta e lasciarla raffreddare a temperatura ambiente.

Servire la Torta paradiso al cacao con una leggera spolverata di zucchero a velo sulla superficie.

 

Torta pere e cioccolato

Torta pere e cioccolato
Torta pere e cioccolato

Torta pere e cioccolato

D’estate, anche se fa caldo, non si rifiuta mai un dolce al cioccolato, specie se una torta gustosa perfetta da mangiare a merenda o a colazione.

La Torta pere e cioccolato è un dolce dal sapore delicato, che coniuga il sapore fondente del cioccolato al dolciastro delle pere.. un abbinamento perfetto!

Gli ingredienti sono pochi ed economici: pere, cioccolato fondente, zucchero, olio, farina, uova e lievito in polvere.

Che ne dite? La provate? Ecco a voi la ricetta e buon appetito!

 

 

Ingredienti:

4 pere

120 gr cioccolato fondente (io Perugina)

80 gr zucchero (io di canna, ma va bene anche il semolato)

5 cucchiai di olio extravergine di oliva

50 gr farina 00

3 uova

1 bustina di lievito in polvere per dolci

zucchero a velo q.b.

 

 

 

Procedimento:

Sbucciare le pere e tagliarle a fette sottili.

Preriscaldare il forno a 180 gradi.

Sciogliere il cioccolato fondente in un pentolino a bagnomaria o nel microonde (1 minuto alla max potenza).

Lasciare raffreddare il cioccolato fuso a temperatura ambiente.

Nel frattempo, in una ciotola, sbattere le uova con lo zucchero sino ad ottenere un composto spumoso (aiutatevi con una frusta da cucina elettrica o manuale).

Aggiungere il cioccolato fuso e l’olio extravergine di oliva e mescolare.

Aggiungere anche la farina setacciata e il lievito in polvere per dolci e mescolare per evitare la formazione di grumi.

Da ultimo, aggiungere le pere affettate.

Rivestire una teglia di carta forno e versarvi l’impasto cercando di livellarlo bene.

Cuocere la Torta pere e cioccolato in forno caldo per 40-45 minuti.

Prima di estrarre la torta, fare la prova stuzzicadenti: la torta è pronta solo se estrarrete lo stuzzicadenti perfettamente pulito, altrimenti dovrà cuocere ancora qualche minuto.

Servire la Torta pere e cioccolato fredda, tagliata a fette e con una generosa spolverata di zucchero a velo sulla superficie.

Mattonella al cioccolato fondente

Mattonella al cioccolato fondente

Mattonella al cioccolato fondente

La Mattonella al cioccolato fondente è un dessert semplicemente peccaminoso, morbido, perfetto da servire come dolce di fine pasto.

La bontà di questo dolce risiede sicuramente nella qualità di cioccolato usato: non usate marche da discount ma scegliete il cioccolato Venchi o Perugina e, soprattutto, scegliete il fondente perché il cioccolato al latte darebbe vita a un dolce quasi stucchevole.

Se non amate il cioccolato fondente, usate il cioccolato bianco in uguali dosi e servendo il dolce con una glassa di cioccolato fondente per contrastare il dolce del cioccolato bianco.

Non aggiungete assolutamente lo zucchero alla ricetta, per evitare un risultato stucchevole.

Solo 4 ingredienti (cioccolato fondente, uova, latte condensato e burro) e pochi passaggi nella preparazione vi permetteranno di realizzare un dolce di sicuro successo.

Provare per credere!

 

Ingredienti:

150 gr di cioccolato fondente (io extra 70%)

3 uova

120 gr di latte condensato

100 gr di burro

 

 

Procedimento:

Spezzettare il cioccolato fondente.

Sciogliere il cioccolato fondente a bagno maria, insieme al burro e al latte condensato (se preferite, potete usare il microonde).

Rompere le uova e separare i tuorli dagli albumi.

Sbattere i tuorli con una frusta manuale (o elettrica) e unirli al cioccolato fuso.

Montare gli albumi a neve ben ferma (usare una frusta elettrica e aggiungere un pizzico di sale).

Aggiungere gli albumi a neve al composto di uova e cioccolato, mescolando delicatamente con un cucchiaio da cucina dal basso verso l’altro, per evitare di smontare gli albumi.

Rivestire uno stampo da plumcake con la pellicola trasparente e versarvi il composto.

Congelare il tutto per almeno 4 ore.

Estrarre la Mattonella al cioccolato fondente dal freezer almeno 10 minuti prima di servirla.

Servire la Mattonella al cioccolato fondente tagliata a fette, guarnendola con della frutta fresca o una colata di glassa al cioccolato e una spolverata di zucchero a velo.

 

 

Biscotti black and white

Biscotti black and white
Biscotti black and white

Biscotti black and white

Questa ricetta è perfetta per fare gossip a pancia piena: deliziosi biscottini di pasta frolla ricoperti di cioccolato fondente, da gustare seduti sul divano, insieme a qualche amica ed una bella tazza di the.

Dopo tante perplessità, ho voluto sperimentare la ricetta di una pasta frolla light (senza burro ma con olio extravergine di oliva) scovata sul web, adatta anche a chi segue una dieta vegana per via dell’assenza di prodotti di origine animale. Pochi ingredienti (farina, olio, zucchero, lievito) per preparare una pasta frolla molto buona, friabile, morbida, ideale per preparare non solo biscotti ma anche torte e crostate.

Per la copertura ho optato per una glassa al cioccolato fondente al 70% ma voi potete usare il cioccolato al latte o addirittura il cioccolato bianco; per una ricetta vegana al 100%, vi consiglio di usare il cioccolato fondente Venchi.

 

INGREDIENTI:

100 gr di farina 00

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

1 cucchiaio di zucchero di canna

1 cucchiaio di lievito in polvere

Sale

100 gr di cioccolato fondente (io ho usato la tavoletta fondente al 75%)

 

PROCEDIMENTO:

Versare la farina a fontana su una spianatoia poi aggiungere tutti gli ingredienti e infine l’acqua, amalgamando tutti per ottenere un impasto morbido.

Ricoprire l’impasto con la pellicola e farlo riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.

Stendere l’impasto col mattarello e ritagliare dei dischetti con un tagliabiscotti o con una tazzina da caffè.

Rivestire una teglia di carta forno, sistemarvi i dischetti e cuocere in forno caldo a 180 gradi per 10-12 minuti, fino a doratura.

Sfornare i biscotti e farli raffreddare su una gratella.

Sciogliere il cioccolato in un pentolino a bagnomaria.

Immergere i biscotti solo per metà nel cioccolato fuso poi adagiare i biscotti sulla carta forno.

Una volta terminata l’operazione per tutti i biscotti, lasciar asciugare i biscotti per almeno un’ora a temperatura ambiente.

Servire i Biscotti black and white e conservarli in un contenitore ermetico per 2-3 giorni.