Crea sito

cioccolato fondente lindt

Gelato alla stracciatella

Gelato alla stracciatella
Gelato alla stracciatella

Gelato alla stracciatella

Da piccola, il mio gelato preferito era il cono con cioccolato, stracciatella e panna montata: un classico!

Cioccolato a go go! Poi sono cresciuta e ho abbandonato la stracciatella per preferire altri gusti come il pistacchio, il variegato all’amarena, la vaniglia, ecc.

Oggi però, spulciando sul web alla ricerca di ricette per preparare gelati in casa, ho trovato questa del gelato alla stracciatella e non ho saputo resistere: cioccolato, latte, panna e zucchero.

Voi sareste in grado di rifiutare?!?

Il gelato alla stracciatella fu creato negli anni ’60 da Enrico Panattoni nella gelateria bergamasca “La Marianna”, a base di una crema di fiordilatte arricchita con pezzi di cioccolato fondente (Perugina nella versione originale) tagliati grossolanamente.

 

 

Ingredienti:

250 ml di panna fresca
450 ml di latte fresco
2 tavolette di cioccolato fondente (io ho usato il fondente all’80%)
130 gr di zucchero

 

 

Procedimento:

Riporre la ciotola che userete per il gelato in freezer per almeno 2 ore, in modo che sia ben fredda quando andrete a usarla.

Tagliare il cioccolato in scaglie, oppure tritarlo con un mixer, in base alla vostra comodità.

In una ciotola, mescolare lo zucchero con il latte e la panna.

Versare il composto in un pentolino e scaldarlo senza arrivare ad ebollizione.

Mescolare di continuo per ottenere un composto spumoso.

Quando il composto sarà ben caldo, spegnere la fiamma e farlo raffreddare a temperatura ambiente.

Quanto il composto sarà completamente freddo, trasferirlo bella ciotola messa precedentemente in freezer.

Riporre tutto in freezer per 30 minuti.

Dopo 30 minuti, riprendere il composto e mescolarlo con una spatola o con un frullatore, in modo da rompere tutti i cristalli di ghiaccio formatisi.

Aggiungere anche il cioccolato tritato poi rimettere la ciotola in freezer e, dopo 30 minuti, ripetere la stessa operazione.

Ripetere questo passaggio per 5-6 volte, fino ad ottenere un gelato cremoso.

Servire il gelato da solo oppure con delle cialde, ciuffi di panna fresca, topping al cio

Gelato al cioccolato fondente senza latte

Gelato al cioccolato fondente senza latte
Gelato al cioccolato fondente senza latte

Gelato al cioccolato fondente senza latte

Con l’arrivo dei primi caldi, impazza la voglia di dessert freschi, e cosa c’è di meglio di uno yogurt cremoso o un bel gelato??

Stavolta, ho scelto il gelato anzi, per la precisione, il Gelato al cioccolato fondente senza latte, preparato senza latte e uova, quindi una versione più light e con meno sensi di colpa.

Un dessert fresco, non particolarmente calorico, adatto a chi segue una dieta vegetariana e/o vegana, ma anche agli intolleranti al lattosio.

Per dare più sapore al gelato, ho aggiunto un bicchierino di rum ma voi potete ometterlo o sostituirlo con un altro liquore, come l’Amaretto Disaronno, ad esempio.

 

Ingredienti:

400 gr di cioccolato fondente (io ho usato il fondente al 80%)

675 gr di acqua calda

1 bicchierino di rum (opzionale)

180 gr di zucchero a velo

120 gr di cacao amaro in polvere

 

Procedimento:

Tagliare il cioccolato a cubotti.

Versare lo zucchero a velo e il cacao amaro in polvere in un pentolino dal fondo spesso e scioglierlo a fiamma bassa, versando l’acqua calda a filo.

Quando il composto comincerà a bollire, spegnere il fuoco e versare il composto in una ciotola.

Aggiungere il rum e il cioccolato fondente tagliato a cubotti e mescolare con un mixer ad immersione.

Mescolare con il mixer fino a quando la miscela sarà tiepida, poi riporre in frigorifero fino a raffreddamento completo.

Coprire la ciotola con la pellicola trasparente e trasferirla in freezer per 30-40 minuti.

Dopo 30-40 minuti, riprendere la ciotola e mescolare il composto con il mixer.

Riporre di nuovo la ciotola in freezer per 30-40 minuti, poi riprenderla e mescolare con il mixer.

Questa operazione va ripetuta per 6 volte, per far sì che il gelato congeli lentamente.

Al termine, il gelato dovrà avere una consistenza soffice e setosa.

Il Gelato al cioccolato fondente senza latte può essere consumato al termine della sesta ripetizione, oppure tenuto in congelatore e consumato nei giorni successivi.

 

 

Tartufi bianchi

Tartufi bianchi
Tartufi bianchi

Tartufi bianchi

I tartufi bianchi sono un dessert sfizioso da realizzare in poco tempo con cioccolato bianco, panna,  cocco e mandorle.

Oltre a questa versione con il cioccolato bianco, i tartufi possono essere realizzati anche con il fondente, aggiungendo però qualche cucchiaio di zucchero durante la preparazione.

Per via del loro sapore fresco, sono particolarmente adatti nei mesi caldi, ma a me piace mangiarli anche in inverno, come dessert dopo uno di quegli interminabili pranzi di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di cioccolato bianco

100 ml di panna per dolci

50 gr di farina di cocco

40 gr di burro

40 gr di granella di mandorle

 

 

Procedimento:

Tritare grossolanamente il cioccolato bianco con l’aiuto di un coltello da cucina.

Versare la panna in un pentolino.

Tagliare il burro a cubetti e unirlo alla panna nel pentolino.

Scaldare il burro e la panna a fuoco dolce, mescolando di continuo per ottenere una crema densa.

Quando il burro sarà sciolto, aggiungere anche il cioccolato tritato e continuare a mescolare per far sciogliere quest’ultimo.

Quando il cioccolato sarà completamente sciolto e si sarà formata una crema densa e omogenea, spegnere il fuoco e versare il composto in una ciotola e lasciare intiepidire.

Una volta freddo, coprire il composto nella ciotola con la pellicola trasparente e riporlo in frigorifero per almeno 30 minuti, in modo da farlo rassodare.

Trascorso il tempo di riposo, estrarre la ciotola dal frigorifero e suddividere il composto in tante piccole palline, aiutandovi con un cucchiaio.

Adagiare le palline di composto su un vassoio di plastica o su un foglio di carta forno.

Versare la farina di cocco in un piatto piano e, in un altro, versare la granella di mandorle.

Sui palmi delle mani umide, fare roteare le palline (come si fa riprendete il composto dal frigo e prelevatene delle porzioni, se preferite aiutandovi con un cucchiaio.

Passare le palline prima nella granella di mandorle, poi nella farina di cocco, fino a ricoprirle completamente.

Adagiare le palline su un vassoio da portata e riporle in frigorifero fino al momento di servire.

Gustare i Tartufi bianchi freddi, come dessert di fine pasto o merenda estiva.