Contorni

Mashed potatoes

Mashed potatoes
Mashed potatoes

Mashed potatoes

Le mashed potatoes sono uno dei miei piatti preferiti, un contorno cremoo servito durante la più importante e famosa festa americana: il Thanksgiving day! Alcune ricette americane addirittura preparano questa purea unendo aggiungendo anche i cavolfiori, ma io li ho omessi per indisponibilità in dispensa (tranquilli, la prossima volta proverò e vi darò riscontro).

Di facile e rapida preparazione, dal gusto delicato, le mashed potatoes costituiscono un contorno ideale per accompagnare sia piatti di carne (pollo, hamburger, cotolette, polpette) sia piatti di pesce (orata al forno, merluzzo al vapore, ecc); ricordo che la prima volta che assaggiai il purè di patate ero alla scuola materna e la cuoca lo servì per accompagnare i filetti di pollo alla griglia, che bontà!

Io ho insaporito la purea di patate con dei cubetti di prosciutto cotto e una spolverata di pepe rosa, ma voi potete aggiungere anche qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato oppure sostituire il prosciutto cotto con dei cubetti di pancetta (cotta in padella) o i wurstel tagliati a rondelle.

Ingredienti per 1-2 porzioni:
Metà cipolla tritata finemente
1 cucchiaio di burro
2 patate grandi
1 porzione di prosciutto cotto a cubetti
Sale, pepe rosa

 

Procedimento:
Sbucciare, lavare e tagliare le patate (alcuni lessano le patate con tutta la buccia ma io preferisco lessarle già sbucciate, per evitare di bruciacchiarmi per spellarle dopo averle cotte).
Lessare le patate in una pentola con acqua bollente per circa 15 minuti.
Scolare le patate, versarle in un recipiente e schiacciarle con un mestolo, in modo da ottenere una sorta di purea.
Aggiungere la cipolla tritata finemente, un cucchiaio di burro, il prosciutto cotto a cubetti, un pizzico di sale e una spolverata di pepe rosa, e mescolare.
Trasferire il composto in una padella e cuocere per 4-5 minuti mescolando di continuo, tanto per far insaporire bene le patate con l’aroma del prosciutto e del pepe rosa.
Servire ben caldo.

Zucchine sticky

Zucchine sticky
Zucchine sticky

Zucchine sticky

Una ricetta facilissima per preparare un delizioso aperitivo finger food in grado di deliziare i palati dei vostri ospiti, magari servite con della salsa ketchup, come ho fatto io 😉😉
Per la panatura, io ho usato la farina di semola di grano duro rimacinata, considerata quella perfetta per le panature poiché dotata di una consistenza a metà strada tra la semola di grano duro e la farina di grano tenero; se non l’avete a disposizione, inutile dire che potete usare qualsiasi altro tipo di farina, come quella di mais, di riso, o anche del pane grattugiato.
Ho cotto i bastoncini di zucchine in forno ma voi potete friggerli in abbondante olio bollente, ottenendo così un risultato più gustoso ma anche più calorico 😉.

Per una perfetta riuscita, vi consiglio di accompagnare le Zucchine sticky con generose cucchiaiate di salsa ketchup, barbecue, yogurt, senape o maionese.

Ingredienti:
3 zucchine
2 uova
150 gr di farina di semola di grano duro rimacinata
4 cucchiai di parmigiano grattugiato

 

 

Procedimento:
Preriscaldare il forno a 200 gradi.
Rivestire una teglia di carta alluminio ed ungerla con un filo di olio.
In una ciotola, unire la farina con il parmigiano grattugiato.
In un’altra ciotola, sbattere due uova.
Lavare le zucchine, tagliarne le estremità poi dividerle a metà e continuare a tagliarle per la lunghezza, ottenendo così dei bastoncini.
Immergere ogni bastoncino prima nel l’uovo poi passarlo nel mix di farina e parmigiano, e infine adagiarlo sulla teglia rivestita. Vi consiglio di non immergere un bastoncino per volta ma immergerne “una manciata”, in modo da accelerare il processo ed evitare così che i bastoncini già panati si ammollino e che le zucchine rilascino troppa acqua.
Infornare i bastoncini di zucchine per 20-25 minuti, girando le zucchine a metà cottura.
Sfornare e servire le Zucchine sticky calde calde, accompagnate con le salse che più vi piacciono.

Mezzelune mari e monti

Mezzelune mari e monti
Mezzelune mari e monti

MEZZELUNE MARI E MONTI

Un’idea sfiziosa e simpatica per un pranzo light e veloce, preparato in pochissimi minuti e senza troppa fatica.

Io ho usato il tonno al naturale fatto in casa da mio nonno, che ha un gusto (e un colore) neanche minimamente paragonabile a quello del tonno in scatola (che mangio regolarmente, in mancanza della delizia del nonnino!).

Per un piatto ancora più gustoso, si potrebbero aggiungere i filetti di alici, i pomodori pachino, una manciata di olive nere denocciolate… Che ne dite? Vi ho convinto??

Ingredienti:

2 zucchine

1 scatoletta di tonno (al naturale o sott’olio, in base alle vostre preferenze)

1 spicchio di aglio

una manciata di capperi

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

Curcuma in polvere q.b.

Curry in polvere q.b.

Sale

 

 

Procedimento:

Lavare le zucchine e tagliarle a metà per il senso della lunghezza, per poi tagliarle a fettine (in modo da avere delle mezzelune al posto delle classiche rondelle).

Scaldare una padella con un filo di olio extravergine di oliva e, quando sarà caldo, rosolarvi l’aglio.

Quando l’aglio comincerà a sfrigolare, aggiungere le zucchine tagliate a mezzaluna, un bicchiere d’acqua, una spolverata di curry e una di curcuma.

Cuocere per una decina di minuti a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.

Quando le zucchine saranno morbide, aggiungere i capperi e il tonno, mescolare bene per far insaporire le zucchine con il tonno e i capperi.

Cuocere per altri cinque minuti, o comunque fino a quando l’acqua non si sarà ritirata.

Spadellare e pappare! Buon appetito!

 

 

Note:

Le zucchine sono le verdure con il minor apporto calorico in assoluto, e dunque sono fortemente consigliate a chi è a dieta (soprattutto perché hanno un effetto saziante). Sono ortaggi ricchi di acqua, potassio, acido folico, vitamina E e C, ma poveri di proteine, fibre e lipidi.

Fiore di gamberetti e kiwi con petali di arancia

Fiore di gamberetti e kiwi con petali di arancia
Fiore di gamberetti e kiwi con petali di arancia

Fiore di gamberetti e kiwi con petali di arancia

Una ricetta facilissima per un secondo o un contorno raffinato, perfetto da servire ai vostri ospiti a cena: fiore di gamberetti e kiwi con petali di arancia.

I gamberetti in salamoia sono un ingrediente perfetto per insalate estive, per preparare i cocktail di gamberi immancabili alle feste, e per preparare piatti leggeri ma al contempo sfiziosi.

I kiwi e le arance sono due frutti ricchi di vitamine (soprattutto vitamina C), minerali, alleati delle difese immunitarie del nostro organismo nonché in grado di fornire una sensazione rinfrescante e dissetante al primo assaggio.

E’  stata mia nonna a ispirarmi questa ricetta, preparando le “arance alla siciliana”, ovvero condite con olio extravergine di oliva e pepe nero; entusiasta dalla sua idea, ho pensato di riproporla apportando alcune modifiche e, nello specifico, usando solo la glassa di aceto balsamico come condimento e aggiungendo i gamberetti in salamoia.

Ingredienti per 1 porzione:

1 kiwi

1 arancia

una confezione di gamberetti in salamoia

glassa di aceto balsamico q.b

il succo di mezzo limone

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

sale, pepe

 

 

Procedimento:

Togliere i gamberetti dall’acqua di salamoia e sciacquarli bene sotto acqua corrente.

Tamponare i gamberetti con un foglio di carta assorbente.

Condire i gamberetti con un cucchiaio di olio extravergine di oliva, il succo di mezzo limone, un pizzico di sale e uno di pepe nero.

Tagliare l’arancia a metà e usare una metà spremendola con lo spremiagrumi, e l’altra tagliandola a fettine sottili.

Sbucciare il kiwi, tagliarlo a fette e marinarlo con i gamberetti nel succo di arancia.

Disporre le fette di arancia in modo circolare su un piatto da portata.

Sistemare al centro del piatto i gamberetti e i kiwi.

Spolverare il tutto con un velo di glassa di aceto balsamico (questo passaggio è facoltativo) e servire subito, oppure conservare in frigorifero fino al momento di servire.

Vi è piaciuta la mia idea? Buon appetito!!

 

Salsa aioli

Salsa aioli... La salsa dei single
Salsa aioli… La salsa dei single

Salsa aioli

Ieri sera ero a cena in un hamburgeria con le mie amiche e avevamo ordinato un piatto di fritti misti, da mangiare insieme alle salse.

La mia amica Casandra (e non ho sbagliato a scrivere perché lei si chiama proprio Casandra con una esse sola!), immerge una patatine nella salsa aioli, poi mi guarda e fa: “Cos’è? Maionese?” e io rispondo: “E’ la salsa aioli, ovvero la salsa dei single perché lascia una scia di aglio che mette in fuga chiunque!” e tutte sono scoppiate a ridere.

Così, quest’oggi ho voluto preparare la famosa salsa aioli in onore della mia amica single Casandra, ma anche delle altre due “partecipanti alla serata”, alle quali dedicherò una ricetta nei prossimi giorni 😉😉😉😉

Ecco a voi la ricetta della salsa aioli, una salsa della tradizione culinaria spagnola, a base di aglio, olio e limone, perfetta per accompagnare piatti di carne (come gli hamburger 😉) ma anche di pesce (es. baccalà, calamari).

La versione provenzale di questa salsa prevede l’aggiunta di tuorli d’uomo, allo scopo di farla di tare più densa, ma io ho optato per la versione originale, adatta anche a chi segue un regime alimentare vegano.
Nella preparazione della salsa, vi raccomando caldamente di aggiungere l’olio a filo, poiché l’aggiunta rapida farebbe scomporre il trito di aglio e la salsa “impazzirebbe”, un po’ come le uova nella maionese 😉

 

 

Ingredienti:

5 spicchi di aglio fresco
250 ml di olio
Il succo di 1/2 limone
Sale, pepe

 

 

Procedimento:

Pelare gli spicchi di aglio e privarli del germoglio centrale.
Pestare gli spicchi di aglio in un mortaio fino a ridurli in una sorta di “pasta”.
Aggiungere l’olio a filo e mescolare di continuo.
Aggiungere il succo di mezzo limone, spolverare con pepe nero e infine aggiungere un pizzico di sale.
Continuare a mescolare fino ad ottenere un composto cremoso.
Servire la Salsa aioli subito oppure conservarla in frigorifero fino al momento di servire.

1 7 8 9