Mese: Ottobre 2018

Le migliori sale da tè di Londra

 

Le migliori sale da tè di Londra
Le migliori sale da tè di Londra

Le migliori sale da tè di Londra

Sembra che la tradizione dell’Afternoon Tea si debba a Anna Russel, settima Duchessa di Bedford, che nel 1840 inventò questo rituale per spezzare il lungo arco temporale intercorrente tra il pranzo e la cena.

Mentre la Duchessa prendeva il suo tè accompagnato da pane, burro e dolci, il menu dell’afternoon tea odierno è più ricco e comprende tramezzini salati, biscotti al burro, fette di torta da tè, pasticcini e gli immancabili scones serviti con clotted cream e marmellata artigianale.

Un vero e proprio pasto che, per gli stomaci meno allenati, può costituire un vero e proprio “pranzo tardivo”.

Se siete a Londra, troverete i migliori afternoon tea nelle sale da pranzo degli hotel più famosi dove, al solo ingresso, vi sembrerà di essere tornati all’epoca vittoriana.

Non ci credete? Fate un salto in uno dei locali qui di seguito e poi mi saprete dire!

 

 

 

Claridge’s (Brook St, Mayfair)

Il Claridge’s è uno degli hotel londinesi più famosi e prestigiosi di Londra, aperto dal 1856 e da sempre molto amato dalla famiglia reale, star del cinema e stilisti.

Oggi l’hotel si distingue per il suo stile art deco e la sua eleganza senza tempo percepibile sin dall’ingresso nella hall.

Sale con arredi d’epoca, ampio scalone centrale, soffitti con stucchi e lampadari scintillanti.

Il Claridge’s è il posto giusto per chi vuole assaporare un buon tè immedesimandosi in un personaggio dell’epoca vittoriana o in uno dei protagonisti di Downtown Abbey.

L’afternoon tea viene servito nella reading room con un sottofondo di musica dal vivo: nella carta dei tè sono incluse qualità provenienti da tutto il mondo, anche da piccoli produttori.

Il tutto è accompagnato da sandwiches riccamente farciti, scones freschi con deliziose marmellate e pasticcini, tutto servito in maniera elegante ed impeccabile.

Prezzo: £60 a persona l’afternoon tea.

 

 

Savoy (Strand, London)

Aperto nel 1889, l’Hotel Savoy è stato il primo hotel di lusso in Gran Bretagna e tutt’oggi è sinonimo di eleganza e raffinatezza.

L’Afternoon tea viene servito nel Thames Foyer, un salone in stile edoardiano riccamente decorato e sormontato da una cupola di vetro da cui filtra luce naturale, e al cui centro domina un affascinante gazebo sotto al quale c’è un pianista che addolcirà il vostro rituale pomeridiano con musica di sottofondo.

La selezione di tè e infusi è infinita, da accompagnare con sandwiches, scones, macaron e pasticcini, tutti fresci e fatti in casa.

Imperdibile la torta al cioccolato fondente al 60% e i macaron alla pesca (buoni quasi come quelli di Laduree).

Prezzo: £65 a persona l’afternoon tea.

 

The Ritz (150 Piccadilly, St. James’s, London)

Dopo il Clardige’s e il Savoy, non si può non nominare l’hotel Ritz, altra istituzione londinese, da sempre molto amato dalla famiglia reale, star del cinema, scrittori, registi e cantanti.

L’Afternoon tea viene servito nelle eleganti sale del Palm Court, finemente arredate e decorate con specchi scintillanti, candelabri e piante sempreverdi che trasmettono pace e serenità.

Nel menu sono presenti ben 18 varietà di tè, tutti da assaporare in eleganti servizi di porcellana, e da accompagnare a sandwiches, pasticcini, fette di torta e scones.

Prezzo: £57 a persona l’afternoon tea.

 

 

The Milestone Hotel (1 Kensington Court)

Proprio di fronte al Kensington Palace, all’Hotel Milestones potrete vivere A ritual fit for royalty, come scritto nella presentazione dell’Afternoon tea.

Appena entrati nella hall vi immergerete in una fiaba grazie agli arredi ricchissimi, i lampadari scintillanti, i soffitti decorati e le imponenti scalinate di marmo.

L’Afternoon tea viene servito nelle sale in stile regency del Cheneston’s Restaurant e del Park Lounge, oppure, nella sala moderna black and white del Conservatory.

Vasta è la selezione di tè a disposizione, serviti con sandwiches, pasticcini fatti in casa e scones serviti con crema del Devonshire e golose marmellate.

Prezzo: £50 a persona l’afternoon tea.

 

 

The Library Lounge (Marriott Hotel County Hall, Westminster Bridge Rd, London SE1 7PB)

La Library Lounge del Marriot Hotel County Hotel è un luogo magico: cosa può esserci di più bello dell’assaporare un buon tè seduti in una libreria meravigliosa, con libri risalenti al XXVIII secolo, godendo della spettacolare vista sul Big Ben? Nulla!

La sala è finemente arredata, con divani beige, credenze in legno, quadri e raffinate porcellane.

La selezione di tè non è ampia (come in altri posti) ma assolutamente soddisfacente.

Quanto al cibo, lasciatevi deliziare da sandwiches, scones, pasticcini e dolcetti serviti con crema di formaggio e marmellate di produzione propria.

Prezzo: £35 a persona l’afternoon tea.

 

 

The Orangery Restaurant (Kensington Gardens)

In quella che una volta era la sala da te della regina Anna, oggi potrete assaporare un “nobile” afternoon tea immersi nel verde dei Kensington Gardens.

Accomodati nella sala da tè, accogliente e arredata in perfetto stile british, potrete degustare un ricco aftenoon tea accompagnati da tramezzini, scones, torte da tè, biscotti e pasticcini artigianali.

Imperdibili le mousse al cioccolato e la Victoria sponge cake, semplicemente deliziosa.

Prezzo: £30 a persona l’afternoon tea.

 

 

One Aldwych’s (1 Aldwych, London)

Nel cuore di Covent Garden, l’hotel One Aldwych’s è uno dei più esclusivi della capitale, moderno e di design, dove nessun dettaglio è lasciato al caso.

L’Afternoon tea è servito all’Indigo, il ristorante dell’hotel, dove tutto richiama il film “La Fabbrica di Cioccolato”: basti pensare che le tazze di tè sono accompagnate da un vassoio con uova d’oro, brioche di mirtilli e bastoncini di zucchero filato.

La selezione di tè include una decina di miscele (consigliato il tea al cioccolato), da accompagnare con sandwiches, salatini, scones e torte da tè.

Fantastico il banana bread con noci caramellate e le uova dorate al cioccolato ripiene di crema al formaggio, vaniglia e mango.

Prezzo: £45 a persona l’afternoon tea.

 

 

Ting Shangri-la (31 St. Thomas Street)

Al 35esimo piano dello Shangri-La Hotel, il Ting è la location ideale per degustare un tè al tramonto, con vista sul Tamigi e il Tower Bridge.

Il ristorante è elegante e finemente arredato, accogliente, ideale per festeggiare un’occasione speciale o concedersi una coccola pomeridiana.

La selezione di tè è vasta (nero, verde, bianco, infusi, classici) e il personale di sala è disponibile ad illustrare le caratteristiche di ciascun tè e consigliare gli abbinamenti.

Quanto al cibo, avrete l’imbarazzo della scelta tra sandwiches, salatini, biscotti, scones e fette di torta da tè.

Imperdibili gli scones appena sfornati serviti con clotted cream e marmellata di fragole, e i macaron ripieni di crema alla pesca.

Prezzo: £52 a persona l’afternoon tea.

 

 

 

 

Dove fare colazione a Napoli

Dove fare colazione a Napoli

Dove fare colazione a Napoli

A Napoli non si può cominciare la giornata senza un buon caffè e un pasticcino. Certo, essendo nella patria del caffè, non sarà difficile trovare un bar che lo faccia buono ma lo sarà il trovare un bar che offra l’accoppiata caffè-dolcetto perfetta.

Quindi Dove fare colazione a Napoli?

Ecco i miei posti preferiti per cominciare la giornata con il piede giusto.

 

 

Gran Caffè Gambrinus (Via Chiaia 1)

Ogni napoletano che si rispetti sa bene che la parola pizza è sinonimo di “Da Michele” e la parola “sfogliatella” del Gran Caffè Gambrinus.

Aperto dal 1856 nella splendida cornice di Piazza del Plebiscito, il Gran Caffè Gambrinus è uno dei bar più antichi della città, dove appena entrati vi sembrerà di essere stati catapultati in una sala da the ottocentesca. Basti pensare che qui hanno consumato artisti come Oscar Wilde, Gabrielle D’Annunzio, Matilde Serao e persino la Principessa Sissi!

Che dire.. un caffè d’elite!

Qui il caffè è preparato secondo l’antica ricetta napoletana: scuro, denso e bollente, con l’inconfondibile cremina in superficie. A questo si aggiungono le varianti con panna montata, cioccolata, nocciola, cappuccino ecc.

Quanto ai dolci, al bancone troverete croissant, brioche, babà, code d’aragosta e altre leccornie, tutte fresche e preparate con ingredienti di prima qualità.

Imperdibili le sfogliatelle, sia ricce che frolle, friabili, farcite con crema pasticcera.

Quanto ai prezzi, optate per la colazione al banco se volete risparmiare qualcosina (caffè e sfogliatella 3,40€), altrimenti osate e accomodatevi nella sala da the, preparandovi però a pagare almeno il triplo.

 

 

Salvo dal 1955 (Via Enrico Alvino 73)

Il bar emblema del quartiere Vomero, sempre pieno di gente e, purtroppo, senza posti a sedere.

Un locale semplice ma molto accogliente, dove potrete fare un’ottima colazione a prezzi onesti.

I prodotti di caffetteria sono fantastici ma, la vera chicca, sono i cornetti proposti in due varianti: con pasta sfoglia o con pasta  brioche. Una vera leccornia questi ultimi, disponibili vuoti oppure farciti con crema pasticcera mmm.. che dire?!

Morbidi, fragranti, freschi, i cornetti di pasta brioche sono imperdibili!!

Se volete restare sul classico, assaggiate le graffe e le ciambelle fritte con lo zucchero in superficie, eccezionali e per niente unte.

I prezzi sono contenuti: caffè e cornetto meno di 2€.

 

 

Pasticceria Vincenzo Bellavia (Piazza Muzji 27)

Una pasticceria al confine tra il Vomero e l’Arenella dove, nei giorni festivi, faticherete ad entrare a causa dell’enorme afflusso di clienti desiderosi di acquistare leccornie e prelibatezze.

Nata nel 1925 dal pasticcerie siciliano Antonio Bellavia, la pasticceria si è affermata in città grazie alla produzione di cassate, cannoli e altri dolci della gastronomia sicula, per poi ampliare il suo raggio d’azione al panorama campano, con sfogliatelle, babà, capresine e pastiere.

Tra gli imperdibili, il pasticciotto crema e amarena e anche quello ripieno al pistaccio: sublimi!

Buoni i prezzi: si riesce a fare colazione con 2€ scarsi, gustando dolci di prima qualità.

Complimenti!

 

Antica Pasticceria Giovanni Scaturchio (5 sedi)

Una storica pasticceria napoletana con ben 5 sedi aperte in città tra cui, la più famosa, è quella in Piazza San Domenico Maggiore.

Da Scaturchio non potete fare una semplice colazione con caffè e cornetto. No! Qui è d’obbligo assaggiare almeno uno dei due cavalli di battaglia della pasticceria: il babà (morbido e bagnato al rum, disponibile vuoto, farcito con crema e fragoline oppure con crema e gocce di cioccolato) o il Ministeriale, un dolce quest’ultimo creato da Francesco Scaturchio negli anni ’20 per amore di una diva che glielo commissionò.

Cos’è il Ministeriale? Un medaglione di cioccolato fondente con ripieno di una crema di ricotta, frutta, nocciola e liquore. Una vera delizia!

Se volete rimanere sul tradizionale, assaggiate le sfogliatelle, disponibili sia ricce sia frolle e talvolte servite persino calde.. da leccarsi i baffi!

Quanto ai prezzi, come al Gambrinus, vi conviene optare per la consumazione al banco (caffè e sfogliatella 2,70€), altrimenti sedetevi e gustate la vostra colazione nella splendida cornice della Piazza San Domenico Maggiore, pagando però qualcosina in più.

 

Chalet Ciro (Via Caracciolo)

La vista che si gode dai tavolini dello Chalet Ciro, sul lungomare Caracciolo, è da cartolina: il Golfo di Napoli, con il Castel dell’Ovo a sinistra, Posillipo a destra e il Vesuvio in lontananza.

A cotanta bellezza si accompagnano le ottime delizie esposte al bancone: babà soffici e bagnati al rum, sfogliatelle friabili, graffe fritte al momento e poco unte, cornetti, bomboloni, un caffè cremoso e denso, come solo i napoletani sanno farlo.

Cosa si può volere di più? Niente! Quindi correte allo Chalet Ciro e cominciate la vostra giornata!

 

 

Moccia (Via San Pasquale 21)

Il bar Moccia, a Chiaia, è il posto ideale per una colazione in relax. Cosa può esserci di più bello che sorseggiare un perfetto caffè napoletano seduti su un balconcino che dà sul Golfo di Napoli? Nulla!!!

Un locale informale, con arredi vintage, senza pretese ma molto accogliente, dove il personale vi farà sentire come a casa.

Tra i tanti avventori del bar Moccia, molti amano accompagnare il caffè con la famosa “pizzetta Moccia”, con pomodoro e mozzarella, servita calda, una vera leggenda!

I tradizionalisti invece avranno l’imbarazzo della scelta: sfogliatelle ricce e frolle, graffe ricoperte di zucchero, i cornetti di pasta brioche vuoti o farciti con crema e amarena, brioche morbide e fragranti, bomboloni ripieni, mignon e altre leccornie della tradizione campana.

I prezzi sono nella media: brioche e cappuccino 4€.

 

La migliore focaccia di Bari

La migliore focaccia di Bari
La migliore focaccia di Bari

La migliore focaccia di Bari

Durante una vacanza in Puglia, non si può omettere una visita alla splendida città di Bari, capolavoro dell’arte barocca, e men che meno un assaggio della fantastica focaccia barese.

Un piatto semplice e della tradizione povera, preparato con farina, acqua, lievito madre, sale, olive baresane, pomodori ciliegini, origano e olio extravergine di oliva.

Per evitare di incappare in focacce troppo unte, dure e poco saporite, ecco i miei consigli sui forni che preparano La migliore focaccia di Bari.

 

 

 

 

 

La Pupetta (Via Benedetto Cairoli 25)

Alle spalle del Teatro Piccinni, la trentenne Elisa Mucaliaj, albanese di nascita ma italiana da circa 20 anni, chiamata “Pupetta”, prepara ogni giorni prelibatezze tipiche della cucina pugliese.

Gli ingredienti usati sono di prima qualità: farine selezionate pugliesi, pomodori ciliegini, olio extravergine di oliva e lievito madre.

Le focacce sono fragranti, gustose, saporite e digeribili, disponibili nella versione “barese” classica, o bianca da accompagnare con salumi.

Gli insaziabili avranno l’imbarazzo della scelta tra pizze rustiche, cornetti salati ripieni, arancini, panzerotti fritti e calzoni.

I prezzi? Medio-bassi e comunque rapportati alla qualità del prodotto offerto.

 

 

Magda (Via Prospero Petroni 31)

Un panificio aperto da quasi 40 anni nella zona universitaria, a gestione familiare e famoso in tutta Europa per le sue focacce esportate in versione precotta.

Tutti i prodotti sono preparati seguendo scrupolosamente le ricette della tradizione pugliese, disponibili anche in versione senza glutine.

Le focacce sono morbide e saporite, sfornate quotidianamente e non solo nella versione “barese” classica, ma anche con patate, farina di cereali, farina di kamut, farina integrale, tutte buonissime e da assaggiare assolutamente.

Oltre alla focaccia, da Magda trovate taralli di tutti i gusti (all’olio extravergine di oliva, ai cereali, al pepe nero, al rosmarino, con cipolla e uvetta, al gusto pizza, ecc.), pizze rustiche ripiene, freselle, marzapane, frollini e biscotti secchi.

A differenza degli altri panifici, Magda è proprio un bistrot con tavolini a disposizione, dove potrete fermarvi per la pausa pranzo e accompagnare la vostra focaccia con panzerotti, arancini e una bibita fresca.

 

 

Panificio Violante (Via Addis Abeba 12)

Un panificio nel rione Madonella aperto dal 1925 dalla famiglia Violante, e tutt’oggi gestito dai fratelli Giuseppe, Mario e Leonardo.

Tutti i prodotti sono preparati con ingredienti di qualità, impastati a mano e sfornati quotidianamente.

Diversamente dagli altri panifici, qui la focaccia barese è fatta con il sugo dei pomodori pelati e non con i pomodori pachino, ma sempre croccante, sottile, ben cotta e molto saporita.

Fermatevi da Violante per una ruota di focaccia barese e accompagnatela con una bella bibita fresca: sarà il pranzo migliore della vostra vita, provare per credere!

 

 

Panificio sorelle Arciuli (Via Roberto da Bari 74)

Uno dei panifici più antichi della città nato inizialmente come “forno di rione”, dove le donne venivano a cuocere il pane impastato in casa, e oggi sempre famoso per la focaccia barese.

Qui potrete trovare pane di vari tipi, panzerotti, pizze rustiche, pizze ripiene, torte e biscotti da colazione e, in ultimo, le mitiche focacce, saporite, croccanti all’esterno ma morbide all’interno, impastate e cotte secondo la vera ricetta barese.

L’indirizzo giusto per chi è alla ricerca di prodotti di ottima qualità a prezzi modici.

 

 

 

8 colazioni a Milano

8 colazioni a Milano
8 colazioni a Milano

8 colazioni a Milano

Chi l’ha detto che Milano è solo la città dell’happy hour? In una città frenetica, cosmopolita e alla moda, non si può dover attendere l’ora dell’aperitivo per deliziare il palato!

E poi, diciamoci la verità: la colazione è il pasto più importante della giornata, quello che ti da la carica per affrontare le grane sul lavoro, i cambi improvvisi del tempo, gli scioperi dei mezzi pubblici, ecc.

Quindi, dove assaporare le migliori leccornie milanesi nelle prime ore del mattino? Ecco a voi 8 colazioni a Milano!

 

 

Pavé (Via Felice Casati 27)

Una delle pasticcerie più famose di Milano, vicino la Stazione Centrale, dove potrete far colazione in un ambiente informale e accogliente.

Da Pavé i dolci sono preparati nel laboratorio a vista, usando rigorosamente lievito madre e ingredienti freschi e di qualità.

A colazione vi attende un bancone ricco di brioche vuote o farcite con marmellate artigianali e crema alla vaniglia del Madagascar, brownies, sfogliatine, pain au chocolat, plumcakes, focaccine dolci, trecce, girelle, biscotti secchi e adatti a chi segue una dieta vegana e agli intolleranti al glutine.

Il tutto, chiaramente accompagnato da caffè, cappuccino, the, orzo, ginseng, succhi, centrifughe ed estratti.

Per gli affamati, si consiglia la “Colazione della nonna”, composta da pane e crema di nocciole, pane burro e marmellata, pane burro e miele millegiori biologico, al costo di 3,50€.

Prezzi: cappuccino e cornetto ripieno 3€.

 

 

Gattullo (Piazzale di Porta Lodovica 2)

Storica pasticceria in zona Ticinese aperta negli anni ’60 e da sempre sinonimo di bontà e qualità eccelsa. Basti pensare che era il punto di ritrovo di Jannacci, Gaber, Cochi e Renato e altri estimatori della buona pasticceria.

L’ambiente è curato e raffinato, con arredi vintage che riportano la mente ad epoche passate e rendono la colazione quasi “magica”.

Tra i dolci spicca la “sfoglia ai mirtilli”, il cavallo di battaglia di Gattullo, fragrante e deliziosa, ma sono degni di nota anche i lievitati, i mignon, le crostate e i biscotti da the.

Quanto alle bevande, non disdegnate un ottimo cappuccino con schiuma soffice e cremosa.

Prezzi: cappuccino e brioches 3,20€.

 

 

Pasticceria Marchesi (3 sedi: Via S. Maria alla Porta 11/A, Via Monte Napoleone 9, Galleria Vittorio Emanuele II)

Aperta dal 1824, Marchesi è un’icona dell’arte pasticcera milanese, dove potrete assaggiare prodotti artigianali sempre freschi e preparati con ingredienti di qualità.

Da quando il Gruppo Prada ha acquisito una partecipazione nella società, la Pasticceria Marchesi è stata investita da un’aura di glamour e fascino, rendendola la meta preferita di vip e personaggi dell’elite milanese.

Da Marchesi la colazione si fa in un ambiente chic e raffinato molto simile ai cafè viennesi, dove sarete accolti dal profumo dei dolci appena sfornati e dalle maniere galanti del personale.

I croissant sono fragranti, lievitati alla perfezione, vuoti o farciti con creme e marmellate, perfetti da accompagnare a cappuccini cremoso, succhi e centrifugati.

Se non amate i croissant, allora buttatevi su bomboloni ripieni, trecce e fagottini ma, se siete alla ricerca di un vero peccato di gola, tuffatevi a capofitto sulle crostate e le torte super golose.

Prezzi: caffè e croissant 2,60€ (al banco).

 

 

Panificio Davide Longoni (Via Trabocchi 19)

Famoso più per il pane che per i dolci, il Panificio Davide Longoni è senza dubbio la meta perfetta per la colazione della domenica, in zona Porta Romana, magari comodamente seduti nel giardino interno, riscaldati dai raggi del sole.

All’ingresso sarete accolti da un bancone stracolmo di pani e lievitati di tutti i tipi: pane 00, pane ai cereali antichi, pane con la zucca, pane con le noci, pane alle olive, tutti a lievitazione naturale e preparati con farine pregiate.

Oltre a questi, a colazione fatevi tentare da deliziosi croissant vuoti e farciti con crema o marmellata, veneziane, torte, crostate all’amarena, torta della nonna, brownies, muffin e biscotti secchi, da accompagnare a caffè, cappuccini, the, estratti e centrifughe.

Per chi ha voglia della “colazione di una volta”, scegliete il menu con pane tostato, burro e marmellata.. vi sembrerà di stare a casa con la nonna!

Prezzi: caffè e cornetto 2€.

 

 

Di Viole di Liquirizia (Via Madonnina 10)

Una piccola pasticceria-boutique in zona Brera, con laboratorio a vista, specializzata in dolci tipici delle tradizioni culinarie anglosassonie e francesi come scones, macarons, cupcakes, ecc.

Pochi i tavoli a disposizione ma, a mio parere, vale la pena farci una capatina il sabato mattina per cominciare la giornata con croissant burrosi, the, caffè (anche americano) e una fetta di torta appena sfornata.

Sorprendentemente, oltre ai dolci continentali, qui potrete assaggiare una delle migliori pastiere napoletane prodotte nel territorio milanese, con una frolla fragrante e un delizioso profumo di fiori di arancio.

Gli imperdibili? La torta Apple crumble profumata alla cannella, la New York Cheesecake cotta e preparata secondo i dettami della tradizione americana, la Torta Caprese con mandorle e cioccolato fondente al 55% Valrhona, i colorati e simpatici cupcake.

Prezzi: caffè 2€, cappuccino 2,50€, croissant 1,50€, cookies 2€, muffin 2,50€, macaron 1,50€, the 4€, cupcake 2€, fette di torta 5€.

 

 

Bar Luce (Largo Isarco 2)

Aperto dal 2015 dalla Fondazione Prada e con un design firmato dal regista americano Wes Anderson, il Bar Luce riporta i clienti nei bar della Milano anni ’50 mediante banconi, tavoli, mobili di formica, arredi, flipper, juke box, la macchina del caffè vintage, le vetrine di amari e distillati, il biliardino, ecc.

Un locale vintage, ideale per assaporare un caffè accompagnato dai dolci della pasticceria Marchesi immedesimandosi nei protagonisti dei film del popolare regista.

Quanto ai dolci, qui potrete trovare brioche burrose e con lievito madre, cornetti fragranti, saccottini, bomboloni, mignon e torte fantastica (una su tutte, la Sacher!).

I prezzi non sono certamente bassi, ma compensando il far colazione all’interno della Fondazione Prada, magari prima di accedere a una mostra.

Prezzi: caffè 1,10€, brioche 1,50€.