Crea sito

Gnocchi alla Romana

Piatto tipo della tradizione romana e diffusi in altre regioni d’Italia.

In casa mia ne vanno matti.

Sono veloci e sempre buoni.

Nessuno ci vieta di farne di più e congelarli, così basterà solo tirarli fuori qualche ora, informali e mangiarne tutti!

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 llatte
  • 250 gsemolino
  • 100 gparmigiano Reggiano DOP
  • 50 gburro
  • q.b.noce moscata
  • q.b.sale e pepe
  • burro e parmigiano (per gratinare)
  • salvia (facoltativa)

Preparazione

  1. In un pentolino facciamo scaldare il latte.

    Versare a pioggia il semolino e con una frusta girare il composto facendo attenzione a non farlo attaccare.

    Appena comincia a prendere consistenza, spengere il fuoco.

    Aggiungere adesso il parmigiano grattugiato e le uova leggermente sbattute.

    Preparare una teglia e stenderci della carta da forno.

    Versarci il composto e con l’aiuto di un mestolo o cucchiaio stendere (circa 2 cm di altezza).

    Coprire con ulteriore carta da forno per evitare che si formi una sorta di “pellicola”durante il raffreddamento.

    Quando sarà ben freddo, con l’aiuto di un coppapasta o di un bicchierino, formare dei dischi.

    Su una pirofila sovrapporre leggermente i dischi.

    //Con gli eventuali “scarti” si può creare una palla e possiamo stenderla di nuovo per creare altri dischi.//

    ZERO SPRECO!!

    A questo punto aggiungere sopra una generosa grattugiata di parmigiano e ciuffetti di burro.

    Far gratinare per 20/25 minuti a 220°.

    Una teglia non basta mai!
    Sono squisiti!

    PROVARE PER CREDERE!

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da tuttiaceccia

Siamo due cervelli e quattro mani. Si parte dalla Toscana e si arriva su Marte. Tutti insieme, brutti, cattivi, bravoni e bravini. Tutti a ceccia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.