Zuppa di cozze e vongole

Ma quanto è buona la zuppa di vongole? L’avete mai assaggiata? Io amo la zuppa di cozze della quale trovate QUI  la ricetta ma quella di vongole la trovo più delicata QUI…certo anche parecchio più costosa! Se mettete insieme le cozze e le vongole ottenete qualcosa di meraviglioso …se poi abbinate la zuppa a dei crostini o a del buon pane croccante da intingere nel “brodetto”  prodotto in cottura allora avrete il massimo della bontà.Provatela ecco qui la mia ricetta!!

Zuppa di cozze e vongole

Ingredienti per 3 porzioni

1 kg vongole

1 kg cozze

2 spicchi di aglio

olio extra vergine d’oliva q.b

10 pomodorini o 200 gr pelato

prezzemolo q.b

pepe in polvere q.b

crostini (facoltativi)

Preparazione

Pulizia delle vongole

Se le vongole sono fresche, le valve restano ben serrate. Bisogna subito verificare che non ce ne sia qualcuna morta: il sapore ne rovinerebbe tutta la pietanza. Quindi cominciate a controllarle, una ad una, tenendole con delicatezza tra due dita e muovendole come per farle schioccare. Se qualcuna è morta le valve si aprono, rivelando il contenuto nauseabondo. Eliminate anche quelle rotte. La vongola è viva solo se il guscio è perfettamente intatto

La cosa ideale sarebbe avere un po’ di acqua di mare e far stare le vongole a bagno per farle spurgare. Se, come me, vivete in città e questo non vi è possibile, potete metterle in una capiente ciotola con circa 35 grammi di sale per ogni litro d’acqua.

Fate attenzione al cloro perché le vongole non lo gradiscono: se ne avvertite l’odore dal rubinetto di casa, ricorrete all’acqua imbottigliata. Non dimenticate di coprire il recipiente e, se fa caldo, sistematelo nella parte bassa del frigorifero. L’ammollo dovrà durare un paio d’ore, con uno, massimo due risciacqui.

Le vongole non devono però toccare il fondo del recipiente: altrimenti la sabbia così come esce potrebbe rientrare. Per questo vi suggeriamo di tenerle in uno scolapasta inserito in una ciotola più grande, oppure di sollevarle mettendo un piattino da frutta capovolto sul fondo della ciotola, di modo che la sabbia finisca sotto, senza toccare le vongole.

C’è chi, durante la fase di ammollo, versa un cucchiaio di farina, che diventa nutrimento per le vongole, che tendono così ad aprirsi. In questo modo i residui di sabbia presenti all’interno usciranno immediatamente.

Dopo l’ammollo, scolatele e iniziate a controllarle una per una. Battetele leggermente su un foglio di carta da cucina, preferibilmente bianco: se qualche granellino di sabbia dovesse uscire, riuscirete a individuarlo facilmente, visto che è più scuro. In quel caso, eliminate la vongola. Certo, questa è un’operazione noiosa e lunga, ma indispensabile. Se anche una sola vongola è rimasta chiusa con della sabbia all’interno potrebbe rovinare l’intera cena. Magari se, come me, avete bambini in casa che amano aiutare la mamma in cucina, è un lavoro che potete fare insieme.

Pulire le cozze lavandole sotto l’acqua corrente e sfregandole le une contro le altre per pulire il guscio.Tirare via il filamento che esce dal lato della cozza e mettetele in una ciotola con l’acqua per un quarto d’ora
Clicca qui per vedere come pulire le cozze

In una casseruola far imbiondire l’aglio con l’olio e il peperoncino se volete.

Aggiungere i pomodori pelati a pezzetti e i pomodorini e fare cuocere il sugo per 15 minuti circa.

Quando il sugo sarà ristretto scolare le cozze e le vongole dall’acqua e aggiungerle nella casseruola.

Coprire la pentola con un coperchio e far cuocere la zuppa fino a che le valve dei mitili non saranno tutte aperte.
Aggiungere il prezzemolo tritato e mescolare tutto per far insaporire le cozze e le vongole nel sugo.

Servite la zuppa di e vongole cozze ricoprendo il tutto con un filo d’olio se volete piccante e dei crostini o del buon pane tostato.

*******************

Seguimi su facebook : https://www.facebook.com/CucinandoGustando

Seguimi anche su Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.