Pesto alla genovese verde e cremoso

Oggi vediamo la vera ricetta per preparare il pesto alla genovese o più semplicemente il pesto! La preparazione è molto facile e si basa tutto sulla freschezza degli ingredienti, esistono molte versioni di pesto ad esempio il pesto di zucchine, il pesto alla siciliana o il pesto di rucola ma questa è la ricetta per antonomasia, quando si dice pesto si pensa a questa! Per ottenere un pesto cremoso da colore brillante ci sono alcuni consigli da tenere in mente, è facile sbagliare e rendere il pesto una salsina verde scusa con dei pezzi di basilico ben visibili attaccati alla pasta, ecco tutto quello che dovete sapere per eseguire questa ricetta alla perfezione ed ottenere un pesto cremoso e brillante!

Pesto alla genovese

clock  

Tempo: 15 min.

tempo  

Porzioni: 2 persone

difficolta  

Difficoltà: bassa

porzioni  

Costo: 1 euro persona

Ecco cosa vi serve:

  • 1 mortaio (o un frullatore)

Ingredienti  per  1 vasetto:

  • 1 spicchio d’aglio sbucciato e senza anima (opzionale)
  • 1 pizzico di sale marino grosso
  • 100 ml olio di oliva extra vergine
  • 50 gr di basilico
  • 2 cucchiai di pecorino grattugiato fresco (circa 30 gr)
  • 1 cucchiai di pinoli (circa 20 gr)
  • 4 cucchiai di parmigiano reggiano (circa 60 gr)

Quale vino abbinare: per esaltare il sapore del pesto alla genovese consiglio un vino bianco corposo come ad esempio un Vermentino Ligure, un vino corposo ed aromatico in grado di esaltare questa ricetta della tradizione ligure.

Procedimento

La ricetta originale prevede la preparazione con il mortaio, un procedimento lento che richiede pazienza ma oggi per semplificare vedremo come prepararlo con il frullatore.

Nel bicchiere del frullatore mettete il basilico il sale grosso e metà dell’olio. Schiacciate l’aglio, eliminate la buccia e con l’aiuto di un coltello eliminate l’anima interna, questa operazione è importante per rendere il pesto alla genovese più leggero e digeribile.

Frullate alla minima velocità del frullatore e ad intervalli questa operazione è importante per non surriscaldare il basilico e perdere quindi il colore verde brillante. E’ importante utilizzare la minima velocità in questo modo evitate di inserire il vaso del frullatore in frigorifero per raffreddarlo.

Aggiungete il resto degli ingredienti e frullate sempre a velocità bassa versando l’olio a filo.  Se vi piace un pesto abbastanza grossolano e croccante vi suggerisco di tostare i pinoli in padella prima di inserirli nel frullatore, provate per credere!

Il pesto alla genovese può essere conservato anche fino a 3 mesi in frigorifero ma deve sempre essere ricoperto completamente da dell’olio extra vergine d’oliva per impedirne l’ossidazione.

Il vostro pesto alla genovese è pronto!

Pesto alla genovese

Consigli per l’impiattamento: Potete servire il pesto alla genovese per un piatto di trofie caldo, oppure d’estate per insaporire un piatto di pasta fredda, magari con l’aggiunta di qualche foglia di basilico fresco per decorare. Se usate il basilico come salsa potete utilizzarlo anche per decorare il piatto, ad esempio su una bruschetta o per un’altro piatto.

Cosa ne pensi di questa ricetta? Hai altri consigli o suggerimenti d’aggiungere? Non ti resta che cucinarla e farmi sapere tutti i tuoi commenti!

Se questa ricetta vi è piaciuta non dimenticate di leggere le altre ricette  e mettete “Mi Piace” sulla nostra pagina Facebook per ricevere le ricette che pubblichiamo giornalmente!