Frappe fritte, un classico del carnevale

Le frappe fritte sono un classico dolce di carnevale, ecco alcuni suggerimenti e consigli se volete provare a prepararle a casa. La preparazione non è difficile e richiede solo piccole accortezze che vi permetteranno di ottenere un dolce buonissimo.

Se vi piacciono i dolci di carnevale non dimenticate di leggere la ricetta delle frappe senza lievito, delle castagnole, degli struffoli e degli altri dolci tipici di carnevale!

Frappe fritte
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per 6 persone

330 g farina 00
2 uova
33 g burro
1 cucchiaio zucchero
2 g lievito chimico in polvere
q.b. sale (pizzico)
q.b. zucchero a velo (per spolverare)
2 l olio di semi di girasole (per friggere)
269,55 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 269,55 (Kcal)
  • Carboidrati 45,61 (g) di cui Zuccheri 6,98 (g)
  • Proteine 8,57 (g)
  • Grassi 6,88 (g) di cui saturi 3,79 (g)di cui insaturi 2,72 (g)
  • Fibre 1,22 (g)
  • Sodio 223,60 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 100 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Strumenti

1 Pentola ( da 3 lt di capacità)
1 Ciotola
1 Sbattitore
oppure1 Planetaria
1 Mattarello
oppure1 Sfogliatrice

Procedimento

Il segreto per delle buone frappe fritte sta nell’impasto e nella frittura, ecco i miei consigli ei trucchi da seguire per delle frappe fritte perfette!

Mettete gli ingredienti nella ciotola e iniziate ad amalgamarli tra di loro, se avete un’impastatrice il procedimento è molto rapido, bastano 5-6 minuti per ottenere una palla di impasto base.

impasto planetaria

Se non avete l’impastatrice potete creare la fontana, aggiungere il burro, l’uovo, lo zucchero e tirare la pasta fino ad ottenere un impasto sodo ed elastico molto simile alla pasta fresca fatta in casa.

Lasciate riposare l’impasto per 30 minuti (non serve in frigorifero) in una ciotola ricoperta da carta per alimenti.

Trascorso il tempo iniziate a stendere l’impasto. Io per semplificare ho utilizzato una sfogliatrice con spessore 3, serve che l’impasto sia sottile e ben steso.

A seconda delle ricette e dei gusti potete trovare spessori differenti che vanno dai 2 ai 3 mm.

Sappiate che 2 mm la frappa risulterà croccante e sottile, mentre 3 mm avrà più consistenza sotto i denti e l’impasto sarà più presente.

 

frappe

Data l’elasticità dell’impasto potete stenderlo tutto e poi iniziare a friggerlo, state solo attenti che la pasta tende a restringersi e quindi alzarsi un pochino diventando più cicciotto, vi consiglio di friggere le frappe quasi istantaneamente così l’effetto risalita è minimo.

Stendete la pasta in fogli rettangolari e con l’aiuto di una rotella dentata date la forma classica.

Tagliate i bordi e create dei rettangoli da 15cm x 8cm, al centro praticate uno o due tagli, così che in cottura le frappe si possano aprire e permettere all’impasto di crescere.

frappe

Trucco: Partiamo dall’olio da utilizzare per la frittura, potete usare vari tipi di olio, per i dolci di carnevale io utilizzo l’olio di girasole.

I dolci di carnevale però sono spesso impasti con lievito, la cottura quindi a 150-160° è più che sufficiente, l’olio di girasole non ha un gusto troppo presente e il fritto è molto asciutto.

Mettete l’olio sul fuoco e provate la temperatura con delle palline di pasta.

olio per friggere

Quando l’olio è in temperatura iniziate a friggere. Per evitare di scottarmi io utilizzo la schiumarola per immergere le frappe nell’olio bollente.

frappe fritte

Consiglio: Non mettete tutte le frappe nell’olio assieme e in un’unica soluzione o abbasserete la temperatura dell’olio rovinando il risultato finale. Io friggo 3-4 massimo 5 frappe alla volta e appena una è pronta ne inserisco un’altra. 

Tenete d’occhio le frappe, tendono a colorirsi abbastanza velocemente nel lato immerso nell’olio, mentre il lato superiore rimane molto bianco. Per girare le frappe sull’altro lato mi aiuto con la schiumarola facendo pressione su un lato e facendola ruotare.

Le frappe sono pronte quando sono gonfie e dorate in modo uniforme su entrambe i lati, in questo modo non mi scotto e la frappa non esce mai dall’olio caldo. Il fritto deve essere asciutto e le frappe non devono essere intrise di olio. Per questo appena le estraete dalla pentola mettetele ad asciugare su un foglio di carta assorbente.

Le vostre frappe fritte sono pronte!

chiacchiere

Consigli per l’impiattamento:

servite le frappe fritte con una generosa spolverata di zucchero a velo e non vi servirà altro!

Quale vino abbinare:

Vi consiglio di abbinare le frappe fritte ad un vino liquoroso adatto alla pasticceria secca, ad esempio potete servire con un Passito o un Marsala.

Grazie di aver letto la ricetta!

Spero la ricetta ti sia stata utile, se hai bisogno di aiuto con qualche passaggio scrivi qui o sui miei canali social, sarò felice di aiutarti! 

Se questa ricetta ti è piaciuta non dimenticare di leggere le altre ricette e mettere “Mi Piace” sulla mia pagina Facebook e seguirmi su Instagram dove vedrai le ricette in anteprima!

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento