Crea sito

Vellutata di cavolfiore bianco e semi di chia

Semplice, appagante, delicata la vellutata di cavolfiore bianco mette tutti d’accordo.

Mi piacciono tutte le stagioni, anche l’inverno, perché adoro tornare alla sera dal lavoro e preparare delle belle zuppe e vellutate che profumano la casa.
Mi piace particolarmente la vellutata di cavolfiore e semi di chia, perché non occorre aggiungere patate, panna, latte.
Il cavolfiore contiene ferro e contiene anche vitamina C che serve per il suo assorbimento, perciò è un ottimo alimento anche per chi soffre di anemia.

Prendendolo bio, se le foglie sono tenere e belle io cucino tutto. Se non piace in cucina il profumo che lascia (come ai miei figli) basta coprire con un piatto la pentola dove bolle il cavolfiore e posizionare sopra una tazzina con un po’ di aceto.
Se oltre alla vellutata di cavolfiore bianco vuoi dare un’occhiata ad altre zuppe e vellutate ti consiglio
la raccolta di ZUPPE E VELLUTATE.

Per qualsiasi informazione non esitare a contattarmi nella mia pagina Facebook Timo e lenticchie puoi interagire e pormi qualsiasi domanda. Oppure iscriverti al mio gruppo.
Seguimi anche su Instagram, Twitter o Pinterest o Youtube o iscriverti al canale Telegram

Vellutata di cavolfiore bianco
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti Vellutata di cavolfiore bianco

  • 1cavolfiore (bianco)
  • 700 gbrodo vegetale
  • 100 glatte di riso
  • 1 fogliaalloro
  • 20 gfarina di riso
  • 1 pizzicosale marino integrale
  • 1 pizzicopepe
  • 2 cucchiaiolio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaiosemi di chia

Preparazione

  1. Ricette con il cavolfiore raccolta

    Lava e monda il cavolfiore e rompi a cimette.

    Metti a bollire  il brodo vegetale con il latte e l’alloro e tuffa il cavolfiore,  facendo cuocere a fuoco dolce per una ventina di minuti.

    Spegni, togli l’alloro e con il minipimer frulla bene il tutto, aggiungendo un cucchiaio di farina se occorre per addensare un pochino.

    Riaccendi per qualche minuto fino alla consistenza desiderata.

    Servi caldo con una macinata di pepe, un filo d’olio e una spolverata di semi di chia.

Consigli e conservazione

Con lo stesso procedimento puoi preparare tantissime altre vellutate con altri ortaggi.

La vellutata si conserva per un paio di giorni in frigorifero.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.