Torta morbida al cocco mela e carota

Lo sentite il profumo? Arriva fino li? E’ il profumo di questa torta morbida al cocco mela e carota. Un dolce soffice del riciclo, visto che ci sta proprio bene la carota utilizzata per l’estratto. Mi piace sempre tanto preparare le torte al cocco sia d’estate che d’inverno, mi piace proprio sentire il profumo espandersi per la cucina, mi piace prepararle con calma e tranquillità la domenica mattina quando ancora la casa è in silenzio e io io mi coccolo impastando torte in cucina.

 

torta-cocco-1

Per prima cosa appena alzata mi preparo un bell’estratto e con quel che resta….

Spesso infatti non si sa come riutilizzare gli scarti di estrattore e sappiamo bene quante fibre contengono. Per me che son fissata con lo spreco non esiste che vadano nel pattume. A casa mia quelli di carota sono i più utilizzati, allora come ho spiegato ancora, prima di tutto inserisco le carote, poi raccolgo gli scarti e metto da parte e continuo con mele, arance ecc quello che ho in casa per fare il mio succo.

Poi, giornalmente posso usarli nell’insalata, o nelle zuppe di verdura, negli involtini, e ci stanno benissimo nei dolci come qui e qui.

Oggi, domenica, i resti delle mie carote vanno a finire in questa mini torta morbida profumata e coccolosa

 

Torta morbida al cocco mela e carota

senza uova e burro  – senza  derivati anmali –  ricetta del riciclo

Ingredienti per una torta piccola da cm. 14 (per una torta da cm. 24 radoppiare le dosi)

  • 100 g farina di tipo 2
  • 70 g farina di cocco
  • 70 g zucchero di canna
  • 60 g olio di riso o di mais
  • 125 g di yogurt di soia al cocco (un barattolino)
  • 1 mela
  • 50 g di scarto di carota
  • 1 bustina di lievito per dolci bio vegan

Preparazione:

  1. Lavate e sbucciate la mela e frullatela con lo zucchero.
  2. Mescolate purè di mela, scarto di estrattore alla carota, olio e yogurt di soia in una terrina, unendo poi assieme anche le farine mescolando bene.
  3. Aggiungete il lievito e mescolare ancora un pochino per incorporarlo.
  4. Foderate di carta forno una tortiera piccola (se preferite una tortiera normale raddoppiate la dose) versate l’impasto e passate in forno a 180 gradi per 45 minuti.
  5. Spolverate con cocco.

 

torta-2

Con questo piccolo dolce partecipo al bellissimo contest del blog La pagnotta innamorata  #keepcalmandeattzatziki oltre al nome particolare è la motivazione del contest di Claudia che mi è piaciuta in particolar modo:

Avete presente quella sensazione di calma e serenità che vi scende nel cuore quando vi trovate in cucina e le vostre mani si ritrovano libere di agire lasciando andare le preoccupazioni e le tensioni della “vita fuori dalla cucina”? Il contest tratta proprio di questo: qualsiasi piatto che vi porta gioia e serenità nel cuore, il vostro “porto sicuro” nella tempesta della vita – mare particolarmente agitato in alcuni momenti.

Ecco per me il piatto che mi porta gioia e serenità nel cuore sono le torte,  in particolar modo quelle profumate come questa.

keep-calm-and-eat-tzatziki-10

 

Vi è piaciuta la torta morbida al cocco mela e carota ?  Venitemi a trovare allora anche su Facebook, in Timo e lenticchie, risponderò personalmente a tutte le vostre domande, oppure seguitemi su Twitter e Pinterest!

 
Precedente Risotto ai mirtilli senza lattosio e senza glutine Successivo Minestrone alla milanese per Giacomo Puccini

4 thoughts on “Torta morbida al cocco mela e carota

  1. ma che meraviglia questa torta!!! E pensavi che mi sarei fermata qui? No, sono andatata a leggermi anche le altre due ricette, una più bella dell’altra. Che ti devo dire? Sei mitica. Pensare che la mia centrifuga è da tempo in cantina, inutilizzata, perché non “oso” buttare via tutto quel bendidio che viene scartato. Mi sembra sofficissima e… circa il vegan ne abbiamo già parlato 😉 Un bacione

    • Che bello un tuo commento!! Si cerco di riciclare il più possibile, ma agli estratti non rinuncio. Con gli estratti di carota viene anche una buonissima torta di carote e nocciole, ho in lista anche quella, ne ho troppe in lista ahahha. Un grande abbraccio.

Lascia un commento