Torta di riso selvaggio alla crema di cioccolata veg

Torta di riso selvaggio alla crema di cioccolata veg

Hai del riso avanzato in frigorifero? Questa è la ricetta giusta, Torta di riso selvaggio alla crema di cioccolata veg, Un dolce morbidissimo racchiuso in una frolla croccante.

 

Torta di riso selvaggio alla crema di cioccolata veg 2

Allora abbiamo capito che la torta di riso classica è tutta un’altra cosa, ma io vado sempre controccorrente e .ho preparato così una frolla vegana, una crema al latte di avena al cacao, mescolata poi con il riso selvaggio e uvetta  che è diventato il ripieno della frolla. Ho volutamente  usato il malto e uvetta per dolcificare anzichè lo zucchero,  in trenta minuti di forno la mia torta era pronta. Vi assicuro molto buona nonostante gli ingredienti particolari.

Se cercate la versione più tradizionale, vi rimando a quella dell’anno scorso e cioè la torta turchesca di riso.

Perchè uso sempre più spesso i malti anzichè gli zuccheri per dolcificare? Ce lo insegna Berrino, che alla domanda:

Però i dolci sono buoni…come si fa a preparare dolci a basso indice glicemico? risponde:
Con la frutta secca, ad esempio: l’uvetta sultanina, le albicocche secche possono essere ottimi dolcificanti. Anche una mela o una pera sono naturalmente dolci e possono entrare a far parte di un dessert. Ogni tanto si possono utilizzare i malti – di riso o d’orzo – che contengono maltosio e maltodestrine, che hanno sì un indice glicemico elevato, ma il vantaggio di non contenere il fruttosio. L’importante è che siano accompagnate da un grasso, come un buon olio di oliva  o una crema di mandorle, noci o pistacchi, che rallentano la velocità di assorbimento del glucosio nell’intestino.

Per qualsiasi informazione non esitare a contattarmi nella mia pagina Facebook Timo e lenticchie puoi interagire e pormi qualsiasi domanda. Oppure iscriverti al mio gruppo.
Seguimi anche su Instagram, Twitter o Pinterest o Youtube o iscriverti al canale Telegram

Torta di riso selvaggio alla crema di cioccolata veg

Ingredienti per una torta da 24/26 cm.

Per la crema:

  • 500 g di latte vegetale al cocco
  • 40 g di farina di tipo 2
  • 1 cucchiaio di cacao
  • 2 cucchiai di malto di riso
  • per il ripieno:
  • 150 g di riso selvaggio lesssato.
  • 40 g uvetta

Per la frolla

  • 230 g di farina di tipo 2 a pietra
  • un cucchiaino di lievito per dolci veg
  • 80 g di malto di riso
  • 50 g di olio di girasole
  • 40 g di acqua
  • un pizzico di sale

Torta di riso selvaggio alla crema di cioccolata veg passo

Preparazione:

  1. Stempera la farina con qualche cucchiaio di acqua fredda. A parte in un pentolino porre il latte al cioccolato con il malto e appena è tiepido unisci anche il cucchiaio di cacao e poi la farina stemperata.  Fai rapprendere la crema.
  2. Sciogli il malto di riso con l’acqua in un mixer ad immersione, unisci l’olio e monta un pochino.
  3. In una terrina settaccia la farina con il lievito e il pizzico di sale.  Unisci il composto liquido a quello secco e amalgamate bene.  Forma la palla lascia riposare mezz’ora in frigorifero.
  4. Stendi subito la frolla, tirandola tra due fogli di carta forno e portandola all’altezza desiderata.
  5. Appoggia sulla tortiera rivestita di carta forno, bucherella con i rebbi della forchetta.
  6. Mescola il riso freddo con l’uvetta ammollata  per qualche minuto e strizzata, versa assieme alla crema di cioccolato, ,algamate bene,
  7. Riempi con l’impasto la frolla e passa 30 minuti in forno caldo a 190 gradi ventilato.
  8. Lascia raffreddare prima di servire.

Torta di riso selvaggio alla crema di cioccolata veg

Se vuoi tornare  in  HOME PAGE per altre idee tra le mie ricette.
Se vuoi essere sempre aggiornato sulle mie ricette iscriviti alla newsletter.

Mi farebbe molto piacere se volessi lasciare un commento su che ne pensi di questa ricetta, trovi lo spazio in fondo all’articolo.
Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Timoelenticchie di Daniela Boscariolo

13 Risposte a “Torta di riso selvaggio alla crema di cioccolata veg”

  1. Una versione interessante che mi incuriosisce molto. Quindi tu lessi a parte il riso prima di procedere al ripieno mi sembra di capire. Ho tanto riso selvaggio che finisco per consumare sempre alla stessa maniera. Prenderò sicuramente ispirazione.
    Un caro saluto,
    Pat

    1. Ciao Patty, si questa volta ho fatto così e ti dico è piaciuta molto. Naturalmente io arrivo da un percorso di dolci zuccherati sempre meno, perciò qui aggiungendo l’uvetta e unendo il riso poi alla crema dolce al cioccolato il risultato è buono. Anche questa frolla al malto che uso sempre più spesso in sostituzione dello zucchero ha un suo perchè. Grazie che sei passata di qui.

      1. mi inserisco qui perche’ a Singapore il riso selvaggio abbonda e ne sto approfittando. Senza una prelessatura, non se ne esce- almeno con quello che trovo qui. Anche ieri con le verdure ripiene, con tutta che nella ricetta originale era indicato un basmati, quindi un chicco lungo con poco amido e bla bla bla, se non gli davo una mezz’ora buona di precottura, sul fornello, col cavolo che mi cuoceva in mezz’ora di forno.
        Sul resto (e mi collego qui), io sono da dolci -dolci, per cui non faccio testo. Ma fino a quando nel Mediterraneo non e’ arrivato lo zucchero, dall’India tramite gli Arabi, quindi parliamo di Medioevo, i dolci si sono preparati a partire dalla frutta secca, dal malto e dal miele. Quindi , la nostra tradizione e’ questa 🙂

        1. Ciao cara, infatti questo è lessato e poi mischiato alla crema. Se prendo quello al bio è molto più coriaceo, questo della si può dire? (Scotti) fa prima, ma resta sempre in forma. Allora anzichè tornare a mangiare come i nostri bisnonni come predico …da oggi almeno per i dolcificanti dirò di tornare al Medioevo. Grazie per aver accresciuto ancora un po’ la mia cultura sul cibo. Un abbraccio.

  2. La tua torta è molto intrigante e il riso selvaggio è molto interessante, dubito che lo troverò ma se così fosse devo provare la tua torta
    Grazie Manu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.