Tuberi al forno o kinpira rivisitata

Tuberi al forno o kinpira rivisitata

rape bianche al forno

Leggevo un articolo di macrobiotica che parlava di kinpira.  L’articolo di rivista natura diceva “A proposito di cibo “forte”, dobbiamo nutrirci con ciò che la natura ci offre in questa stagione, in particolare le radici, la cui forza vitale permette loro di durare molto a lungo anche sottoterra. La cottura di questi ortaggi dovrà essere molto lunga, perché assorbano tutta l’energia del fuoco che ne amplifica la forza.
Ecco un piatto tipico della cucina macrobiotica curativa, la kimpira di radici, ottimo anche per rinforzare le difese immunitarie e per riprendersi in seguito a malattie e operazioni.”

Io non sono macrobiotica, però i tuberi o radici al forno le faccio spesso. Ora so anche perchè mi piacciono così tanto 😉 Perchè mi fanno star bene!! Per questo piatto ci vorrebbe anche la radice di bardana, ma sinceramente non saprei dove trovarla. La salsa tamari invece a casa mia non manca mai. Andrebbe saltata in padella, ma io la rivisito per mancanza di tempo, cotta in forno.

Va benissimo per rinforzare le difese immunitarie e per rinforzare i reni. E’ un cibo yang ottimo anche in caso di astenia.

Se cercate poi magari qualche ricetta solo con le buonissime rape rosse eccole qui

Tuberi al forno o kinpira rivisitata

rape

Ingredienti:

  • 2 carote
  • 2 rape rosse
  • 2 rape bianche
  • 1 daikon
  • o se trovate bardana, pastinaca,ravanelli, altri tuberi
  • un cucchiaio di zenzero fresco grattugiato
  • qualche cucchiaio di olio extravergine o di sesamo
  • un paio di cucchiai di salsa tamari

Preparazione:

  1. Lavare e pelare i tuberi, o se bio spazzolarli bene e tagliarli a julienne o fiammifero (i miei sorry sono un pò grossolani)
  2. Cuocerli in padella a fuoco medio con un filo d’olio oppure al forno, e gli ultimi minuti aggiungere lo zenzero e il tamari.

 

 

Precedente Chips di cavolo nero cottura in forno Successivo Sformatini di broccolo patate e olive

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.