Potage Parmentier vegan

Potage Parmentier vegan

zuppa parmentier vegan o

 

Questa zuppa mi è sempre piaciuta moltissimo fin da bambina. Una semplice vellutata fatta con due elementi essenziali, i porri e le patate, non occorre altro, non si può provare a sostituire i porri con le cipolle, il sapore non è lo stesso, si perde la delicatezza del piatto.

Perchè si chiama potage  Parmentier?  Perchè è una ricetta francese. Antoin-Augustin Parmentier era un agronomo e nutrizionista  del settecento, che conobbe questo ortaggio durante la sua prigionia in Germania, avendo combattuto nella guerra dei Sette Anni.   Troviamo i suoi studi in Recherches sur les végétaux nourrissants qui, dans les temps de disette, peuvent remplacer les aliments ordinaires, avec de nouvelles observations sur la culture des pommes de terre . Si narra che per farlo conoscere meglio ai francesi che lo pensavano allucinogeno o adatto ai maiali,   organizzo una grande cena tutta a base di patate e da quel momento fu un successo.

Naturalmente propongo la versione con latte vegetale, anche se la ricetta originale prevede l’uso di burro e panna.

Zuppa parmentier vegan

Potage Parmentier vegan

 

Ingredienti:

  • 2 porri
  • 3 patate
  • 600 gr di latte di riso o soia non zuccherato
  • un cucchiaino di dado vegetale 
  • olio extravergine q.b.
  • semi di chia facoltativi

Preparazione:

  1. Lavare, pulire e tagliare a rondelle fini il porro, se è bio si può lasciare anche buona parte del verde.
  2. Lavare pelare e tagliare a tocchetti le patate
  3. In una casseruola, fare stufare i porri per una decina di minuti,aggiungere le patate, il latte vegetale, il dado, se si vuole una foglia di alloro per insaporire e si fa cuocere a fuoco basso per una quarantina di minuti.
  4. Quando è tutto ben cotto, si toglie l’alloro, con il frullatore ad immersione si rende a vellutata. Se vi sembra troppo densa (dipende dalla patata) aggiungere ancora un pò di latte caldo.
  5. Ottima accompagnata da crostini.
  • zuppa parm

Vi è piaciuta questa ricetta? Venitemi a trovare allora anche su Facebook, in Timo e lenticchie, risponderò personalmente a tutte le vostre domande, oppure seguitemi su Twitter e Pinterest!

Precedente Tramezzini di tofu alle verdure Successivo Cavolo cinese alla curcuma e zenzero

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.