Crea sito

Pesto alla portulaca – porcellana – pucchiacchella

Pesto alla portulaca – porcellana – pucchiacchellaChi la chiama erba porcellana, chi pucchiacchella, chi erba grassa, ma il suo nome è Portulaca Oleracea.  La portulaca cresce spontanea e viene raccolta fin dai tempi antichi.Adirittura durante il Medioevo si pensava che la portulaca tenesse lontana gli spiriti del male.Questa bella erba spontanea, cresce radente il terreno e sembra quasi una pianta grassa perchè le sue foglioline sembrano grassottelle.




Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Pesto-alla-portulaca-2--720x1074.jpeg


Nel passato la porcellana era molto usata contro anche contro la diarrea e ancor oggi l’infuso di portulaca può lenire l’acidità di stomaco o le punture di insetti.Ricchissima di vitamina C  la portulaca veniva imbarcata sulle navi per prevenire lo scorbuto durante le lunghe navigazioni. Oltre alle vitamine la portulaca è preziosa anche  per il suo contenuto di omega 3. Il botanico e farmacista Dioscoride Pedanio nell’antica Grecia, era convinto che la portulaca fosse un ottimo decongestionante per gli occhi e anche un antidolorifico per il mal di testa.Questa erba cicciottella  cresce un po’ dappertutto e ancora in molti purtroppo credoni sia un erba infestante e la estirpano.Di cosa è composta la portulaca?  16 kcal Acqua 94% Proteine 1.3% Carboidrati 3.4% Grassi 0.1% Ceneri 1.2%.Come si usa in cucina la portulaca? Io la metto nelle insalate, nelle zuppe, con i cereali, nelle frittate o ci faccio il pesto alla portulaca come in questo caso. In qualche regione poi conservano la porcellana anche sotto aceto.Perciò controllate bene i vostri orti e giardini, da me per esempio è nata spontanea, fortunatamente l’ho riconosciuta perchè mio marito la stava estirpando.  Le portulache che comperate fiorite non sono della stessa specie, fate poi attenzione di raccoglierla in orti e giardini di campagna o comunque non vicina alle strade inquinate.Pesto alla portulaca – porcellana – pucchiacchella

  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Porzioniun vasetto
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 20 ramettiportulaca
  • 40 gPinoli
  • 1 spicchioAglio
  • q.b.sale marino integrale
  • q.b.Succo di limone
  • q.b.olio extravergine di oliva

Strumenti

  • Frullatore / Mixer

Preparazione

  1. Pesto alla portulaca – porcellana – pucchiacchella

    Lava bene le foglie dopo averle staccate dai rametti, asciugale.

    Nel mixer metti foglie, pinoli, aglio e frulla, aggiungi sale, limone e olio a filo fino ad avere un pesto morbido. Metti in un vasetto e rabbocca di olio extravergine a coprire tutto il pesto.

    Lo puoi congelare oppure usare nel giro di qualche giorno.

Dove mi trovi

Se vuoi tornare  in  HOME PAGE per altre mie ricette. Puoi seguirmi nella mia pagina Facebook Timo e lenticchie interagire e pormi qualsiasi domanda. Oppure iscriverti al mio gruppo. Seguimi anche su Instagram, Twitter o Pinterest
Vuoi lasciare un commento?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.