Pasta e fagioli in black

Pasta e fagioli in black ricetta rivisitata con soia nera e pasta di riso venere

Non innorridite, una ricetta dark mood ogni tanto ci sta, soprattutto se è buona e questa è buonissima!

Appassionata di pasta e fagioli trovate nel blog per esempio le tagliatelle con fagioli ricetta rivisitata oppure la  zuppa di fagioli di Lamon o ancora pasta e fasoi ricetta  veneta

cioè da qui si capisce che la pasta e fagioli in qualsiasi forma è ben gradita a casa mia.

In questi giorni di percorso dei 21 giorni per rinascere dal libro di Berrino, sono preferibili legumi digeribilissimi e oltre alle lenticchie, agli azuki  e ai ceci si parla di soia nera.

Il dottor Berrino è fautore con le cuoche della Grande Via Simonetta Barcella e SIlvia Petruzzelli di un’ alimentazione macro medterrana.

Allora dopo aver cotto una quantità industriale del suddetto fagiolino nero, con il metodo della cottura angelica, ho preparato questa pasta e fagioli in black.  Nera perchè non mi sono accontentara della soia nera ma ho preferito una pasta senza glutine, degli spaghetti al riso venere. Il risultato è piaciuto, ormai a casa sono abituati ai miei colpi di testa in fatto di cucina, mangiando integrale tutti i giorni i colori caldi di questi piatti non disturbano più.

La Pasta e fagioli in black vi stupirà per il sapore delicato, una zuppa macrobiotica in tavola.

Pasta e fagioli in black
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 300 g soia nera
  • 100 g spaghetti di riso nero
  • 1 scaologno
  • 1 cucchiaio nocciole
  • q.b. Salvia
  • q.b. Rosmarino
  • q.b. Alga kombu
  • q.b. Alloro
  • q.b. Sale
  • q.b. Olio extravergine d’oliva
  • q.b. Brodo vegetale
  • 1 cucchiaino miso di riso

Preparazione

  1. La soia nera potete cuocerla o per cottura angelica come spiegato nell’articolo precedente oppure come siete abituati, lasciando sempre in ammollo il legume la notte e procedendo poi con 30 minuti di pentola a pressione, con alga kombu e alloro.

    In una pentola stufate uno scalogno affettato sottilmente con un goccio di olio extraveergine, unite la soia nera, un pochino di brodo vegetale e frullate con il minipimer.  Aggiungete brodo per portare alla giusta consistenza di una crema, regolate si sale, unite un rametto di salvia e rosmarino che poi andrete a togliere. Scaldate a fuoco basso.

    A parte fate bollire l’acqua, salate  tuffateci gli spaghetti di riso nero (li trovate nei negozi del bio) e portate a cottura, ci vogliono circa 10 minuti.

    Trasferite gli spaghetti nella crema di soia nera, amalgamate e aggiungete un cucchiaino di miso che avrete sciolto a parte con un goccio di brodo.

    Spegnete, servite in tavola aggiungendo qualche nocciola

per saperne di più

La soia nera è la più antica varietà di soia conosciuta. Molto usata nella medicina antica  cinese perchè alzava il ferro nell’organismo.

E’ uno dei legumi più digeribili in assoluto e prescritta anche nelle diete ipocaloriche. Utile in caso di osteoporosi e spesso prescritta anche a chi è affetto di diabete di tipo 2.

Il  riso nero:  Non pensate che il riso nero sia d’importazione, anche se arriva dall’antica Cina il riso nero integrale è prodotto in Italia da parecchi anni.

Ricco di antociani, antiossidanti, fbre e vitamine come vedete è disponibile anche in formato pasta ormai in tutti i negozi del bio.

Altre ricette di macrobiotica le trovate alla categoria ricette macrobiotiche

Articoli sul Dottor Berrino? eccoli:

I biscotti del dottor Berrino

Speedy biscotti alla Berrino

Linee guida di alimentazione alla Berrino

Il dottor Franco Berrino e la grande via

Verso choose love con Berrino Lumera e Toso

Se vuoi tornare alla HOME PAGE per cercare nuove idee per i tuoi piatti

Grazie di essere passato di qui, se ti va lascia un commento sull’apposito spazio qui sotto

Articolo e Foto: Copyright © All Rights Reserved Timoelenticchie

 

Precedente Cottura angelica macrobiotica Successivo Riso integrale ceci e spinaci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.