Crea sito

Cavolo cinese alla curcuma e zenzero

Cavolo cinese alla curcuma e zenzero

cavolo cinese o

L’altra sera parlando con un amico che condivide come me la scelta dell’alimentazione sana, mi raccontava che aveva partecipato ad un corso di cucina del grande Giovanni Allegro, cuoco della cascina Rosa a Milano.

Parlando di crucifere, diceva che durante la stagione invernale dovremmo averle ogni giorno sul nostro tavolo.
Ma a casa mia purtroppo, le mangio solo io… sarà che in cottura puzzano un pò, sarà il sapore deciso, ma non c’è verso che figli e marito mangino verze o cavolo nero.

Ho deciso di provare a nascondere un pò il sapore particolare del cavolo cinese  con curcuma e zenzero e sorprendentemente, hanno gradito.

 

Cavolo cinese alla curcuma e zenzero

 

cavolo cineseIngredienti:

  • Un cavolo cinese bio
  • uno scalogno
  • un cucchiaio di curcuma
  • un cucchiaio di semi di lino
  • un pezzetto di zenzero fresco
  • sale, pepe e olio extra vergine q.b.

Preparazione del Cavolo cinese alla curcuma e zenzero

  1. Lavate e tagliate a striscioline il cavolo cinese.
  2. In una larga padella mettete un filo d’olio e stufate lo scalogno affettato fine per qualche minuto.
  3. Aggiungete il cavolo cinese, sale, pepe, e un pezzettino di zenzero fresco affettato.Fate stufare mescolando spesso per una ventina di minuti a fuoco basso.
  4. Aggiungete la curcuma quasi a cottura ultimata, altrimenti perde le sue proprietà.
  5.  

cavolo cinese o

 

Il cavolo cinese (Brassica pekinensis) conosciuto da noi Occidentali e chiamato cavolo di Pechino, è costituito da foglie carnose e ampie, di colore verde chiaro, il suo interno, invece, è quasi bianco e le sue coste, molto spesse, sono di colore bianco-argento. Il cavolo cinese ricorda vagamente la forma della lattuga romana, il suo sapore dolce e la sua forma allungata lo differenziano dal cavolo comune.Il cavolo cinese, è considerato un incrocio, tra il Pak choi (varietà che si presenta con le foglie verde scuro e stelo bianco) e la rapa.Il cavolo cinese, probabilmente originario della Cina e dell’Est dell’Asia, conta più di una trentina di varietà, poche di queste sono però conosciute in Occidente.In Cina il cavolo cinese è consumato da migliaia di anni, mentre in Europa è noto da meno tempo, all’incirca dall’inizio del XVIII secolo.


cavolo cinese 1200

Perchè sono importanti le crucifere?

Saranno pure considerate verdure povere, eppure la loro barriera anticancro è davvero formidabile! E’ ormai appurato che  chi consuma cinque porzioni al giorno di cavoli dimezza la propria possibilità di ammalarsi di cancro alla vescica o al seno. D’altronde, fin dall’antichità queste verdure son state apprezzate per le loro proprietà medicinali. Grazie ai glucosinolati, molecole che nel corso della masticazione rompono le barriere vegetali per mescolarsi ad altre sostanze quali la mirosinasi, un enzima che produce una potente molecola anticancro a base di zolfo chiamata sulfofarano, le crucifere sono utilissime anche per prevenire i tumori del polmone, del colon retto e della prostata. Per una maggiore efficacia protettiva si consigliano le cotture al vapore o al salto per pochi minuti, poiché se si cuoce il cavolo troppo a lungo la tirosinasi viene degradata. Il sulfofarano è il responsabile del tipico odore di queste verdure. Quello che si ritrova nei broccoli o nei cavoletti di Bruxelles accelera la detossificazione dell’organismo e l’apoptosi delle cellule mutate, oltre a svolgere una potente azione antibattericida.  Fonte tuttogreen

Se vuoi tornare  in  HOME PAGE per altre mie ricette. nella mia pagina Facebook Timo e lenticchie puoi interagire e pormi qualsiasi domanda. Oppure iscriverti al mio gruppo Seguimi anche su Instagram, Twitter o Pinterest Vuoi lasciare un commento?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.