Crea sito

Brownie al cioccolato farciti alla corniola

Da noi si chiamano Corniole (così, al femminile, sono chiamati nel Vicentino)  e con questa confettura ho preparato i brownie al cioccolato farciti alla corniola.

C’è un paese, Cornedo  nella Valle dell’Agno e il suo nome deriva proprio dall ´albero di corniolo e dal frutto selvatico che crescono sulle sue colline. Ogni anno in agosto si tiene proprio la Festa della Corniola con questo meraviglioso prodotto DE.CO 

brownies alla corniola 2

La corniola è davvero un frutto antico, del corniolo (Cornus mas) tanto che si parla di un utilizzo risalente ad- dirittura a 60 milioni di anni fa, dato che semi di tale pianta sono stati ritrovati nel sito archeologico di “Mora Cavorso”, nel Lazio.Presso gli antichi popoli mediterranei venivano candite nel miele e conservate in salamoia, come le olive  arbusto originario dell’Asia minore che ha trovato nei secoli diffusione anche nel bacino mediterraneo. Già Plinio il Vecchio nel I secolo d.C. ne narrava le sue proprietà benefiche. I romani consumavano sia frutti freschi che la marmellata ed usavano il legno per costruire armi, ruote e molto altro. Il corniolo contiene un’elevata quantità di vitamina C, mucillagini, tannini, acido malico ed ha proprietà astringenti e febbrifughe, note già dal Medioevo.

Rilevante l’azione antiossidante di questo frutto e secondo il “Jour- nal of toxicology and environmental health”, nel succo delle corniole sono presenti anche elevate quantità di calcio.

Con i cornioli o corniole come le chiamiamo qui, si possono fare mille ricette, metterle in salamoia, fare lo sciroppo, il risotto, il liquore o la confettura.

Risultati immagini per cornioli disegno

Brownie al cioccolato farciti alla corniola

  • 220 g di farina di tipo 2
  • 180 g di acqua
  • 220 g di latticello di soia
  • 1 cucchiaino di aceto di mele per il latticello
  • 40 g di olio di mais
  • 90 g di zucchero dulcita
  • 50 g di cacao amaro
  • 1 bustina di lievito bio vegan per dolci
  • un pizzico di sale
  • 200 g di cioccolato fondente
  • mezzo barattolo di confettura di corniole

Preparazione:

  1. Per prima cosa preparate il latticello di soia, cioè scaldate il latte di soia fino a 85 gradi, versate un cucchiaino di aceto di mele, mescolate  e lasciate che coauguli. Serve a dare sofficità ai dolci soprattutto quando usiamo farine un po’ deboli.
  2. In planetaria o con un mixer montate l’acqua, l’olio e il latticello per qualche minuto.
    Setacciate la farina con il cacao, il pizzico di sale e il lievito.
  3. Unite gli ingredienti liquidi a quelli secchi e montiamo ancora un pochino, Prendete una teglia rettangolare rivestite di carta forno, versate l’impasto anche se sembra liquido e passate in forno caldo a 180 gradi per 15/20 minuti finchè con lo stuzzicadente risulta cotto.
  4. Lasciate raffreddare tagliate orrizontalmente e poi  farcite con la confettura ddi corniole. Alla fine tagliate a quadratini di 5 cm. per lato.
  5. Fate sciogliere a bagno maria la cioccolata fondente, lasciate leggermente raffreddare e pennellate la superficie dei brownies.
  6. Spolverate di granella di nocciole o mandorle.

E per valorizzare le aziende del nostro territorio 

L’enologo Tommaso Nicolato consiglia il vino:  Torcolato 2012 – Col Dovigo

 

http://luirig.altervista.org/cpm/albums/sturm1/cornus-mas-0325.jpg

 

 

Se decidete di realizzare i brownie al cioccolato farciti alla corniola aggiungete gli  hashtag  #timoelenticchie e ricordate di taggare @timoelenticchie  su instagram  e Timo e lenticchie   su FaceBook, o venitemi a trovare per qualsiasi domanda.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.