Crea sito

Brisè di ceci al tarassaco

La brisè di ceci al tarassaco è la torta salata più primaverile che ci sia.

Brisè di ceci al tarassaco

RICETTA VEGAN

Primavera tempo di Pisacani come li chiamiamo qui in Veneto,  il buonissimo tarassaco. Noi poi nel vicentino abbiamo la fortuna di averlo anche come prodotto di eccellenza denominazione comunale DE.CO. Il tarassaco di Conco  In altre regioni viene chiamato dente di leone, radicchiella, soffione, cicoria selvatica.

Fin dall’antichità al tarassaco erano riconosciute numerose proprietà.tra cui quella diuretica.Stimola le secrezioni biliari e l’attività del fegato. Nel medioevo la sua grossa radice veniva torrefatta come succedaneo del caffè.

Le sue foglie amare e con alto contenuto di ferro sono  ottime in cucina.
screen-shot-2015-12-26-at-18-20-53

Non vado a raccogliere personalmente il radicchio di campo, ma i sabati di primavera mi vedono al mercato della frutta e verdura, dove le ortolane arrivano con le loro cassette di pisacan, cerco quelli più teneri e puliti, perchè comunque è sempre un bel lavoro lavare la verdura da far cotta.  Se son belli freschi bastano pochi minuti di sbollentatura, e sono pronti per ripassarli in padella con uno spicchio d’aglio, o scalogno ad asciugare un pò.

Brisè di ceci al tarassaco

Per uno stampo da 26 cm. diam.

  • 170 g farina tipo 2 macinata a pietra
  • 80 g di farina di ceci
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 2 cucchiaini di aceto di mele
  • sale  q,b.
  • 80 g olio extravergine di oliva
  • 100 g di acqua
  • per il ripieno:
  • 1 panetto da 250 g di tofu al naturale di soia italiana no OGM
  • 1  cucchiaio di tamari
  • 1 cucchiaio di pesto di aglio orsino QUI la ricetta, oppure una spolverata di aglio secco
  • il succo di mezzo limone
  • mezzo cucchiaino di curcuma
  • 200 g di tarassaco ripassato in padella

Preparazione:

  1. Preparate la pasta brisè e accendete il forno a 180 gradi.
  2. Mettere la farina 2,la farina di ceci,il bicarbonato, l’olio, l’aceto di mele e il sale in un mixer.
  3. Fate girare bene fino ad ottenere una granella.
  4. A questo punto incorporare l’acqua, continuare a girare col mixer, fino ad ottenere una palla molto morbida. Se avete la planetaria o il bimby fate in un attimo, tipo pasta frolla.
  5. Se non avete il mixer o non volete utilizzarlo, potete fare benissimo questo impasto a mano, seguendo sempre lo stesso procedimento. Mettere a riposare mezz’ora in frigorifero.
  6. Stendete l’impasto  tra due fogli di carta forno e poi appoggiatelo sempre con carta forno nella tortiera rialzando leggermente i bordi, bucherellate con i rebbi di una forchetta.
  7. In un mixer frullate il tofu con il tamari, il limone, la curcuma, e un pò d’olio.
  8. Spalmate il ripieno sull’impasto e sistemate sopra il tarassaco ripassato in padella. Finite con un filo d’olio, e cuocete in forno a 180 gradi per 35 minuti.

E per valorizzare le aziende del nostro territorio 

L’enologo Tommaso Nicolato consiglia il vino:  Lunediante 2015 – Az. Agricola Montecrocetta

Brisè di ceci al tarassaco

Vi è piaciuta la brisè di ceci al tarassaco? Venitemi a trovare allora anche su Facebook, in Timo e lenticchie, risponderò personalmente a tutte le vostre domande, oppure seguitemi su Twitter e Pinterest!

 

2 Risposte a “Brisè di ceci al tarassaco”

  1. il tarassaco ha anche proprietà diuretche,mannaggia ho finito la farina di ceci altrimenti andavo a prepararla mi piace tanto tanto,grazie per la bellissima ricetta,complimenti per le idee geniali e le foto che ci proponi,un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.