Crea sito

Biscotti con lo scarto dell’estratto

Biscotti con lo scarto dell’estratto

Quando guardo le foto dei miei biscotti, mi paiono tutte uguali, forse sarà perchè con gli ingredienti così integrali e poveri, gli impasti sono scuri, poco colorati di glasse e zuccherini, ma in compenso sono più sani, danno più energia e felicità 😉

biscotti da estratto 1

 

Era un pezzo che pensavo di usare lo scarto della frutta passata all’estrattore il mattino.
Ma a volte ci metto le verdure e usando  gli spinaci, non sapevo che risultato avrei ottenuto.
Ieri avendo solo frutta che girava per casa è stata l’occasione buona per provare e allora con gli scarti di pera, kiwi e arancio, amalgamando ho ottenuto un risultato piacevole e poco zuccherato.

Perchè faccio sempre i succhi vivi al mattino? I succhi vivi e in particolare gli estratti, infatti, mantengono intatte le proprietà di frutta e verdura, diminuendo il tempo di digestione e garantendo l’assimilazione del 65% di vitamine e altre proprietà contenute nella frutta e nella verdura. Per gli spuntini giornalieri si possono preferire gli estratti a base di verdura, che sono un toccasana naturale, ma per la colazione è preferibile ricorrere alla frutta.

Biscotti con lo scarto dell’estratto

 

 

Ingredienti:

  • 100 gr. di scarto di frutta bio da estrattore
  • 150 farina tipo 1 macinata a pietra
  • 60 gr. olio semi di girasole deodorato
  • 40 gr. zucchero di canna mascobado
  • mezzo cucchiaino di bicarbonato
  • un pizzico di sale

Preparazione:

  1. In una terrina mescolare la farina con lo zucchero, il bicarbonato e il sale.
  2. Unire la polpa di frutta e l’olio e con le mani fare una frolla morbida.
  3. Trasferire in frigo il panetto per mezz’ora
  4. Formare i biscotti e cuocerli in forno 15 minuti a 180

 

biscotti da estrattoPreparazione bimby:

Tutto nel boccale 20 sec. vel .4. Lasciare raffreddare mezz’ora in frigo, formare i biscotti e cuocerli in forno a 180 per 15 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.