La conserva di pomodoro

Il rigenerante bagnetto prima della cottura!

Ogni anno, per far fronte ai mesi invernali privi di pomodori saporiti e perfettamente maturi, le nostre famiglie ed anche quelle di numerosi nostri paesani si apprestano a produrre quintali di salsa di pomodoro. Un’esagerazione?? Ma quando mai!!! La produzione serve a sostenere il consumo pro capite di madre, figli e spesso zii e nipoti. C’è molto lavoro da fare e tutti hanno dei compiti ben precisi: c’è chi si occupa del fuoco e della cottura, chi lava i pomodori, chi “passa” la salsa, chi la imbottiglia e così via.. Nonostante il lavoro nell’aria c’è aria di festa e come al solito si mangia e si beve in piena armonia! Via libera a merende a base di marrocche (Pannocchie di mais) arrosto, bruschette accompagnate da freschi bicchieri di vino con percoche (Pesche giallo arancioni) per poi finire con un piatto di pasta al pomodoro, per vedere se la conserva e sciuta bona!!! Insomma tradizioni che ci tramandiamo da generazioni e che noi siamo ben felici di insegnare ai nostri figli, sinonimo di allegria, famiglia e condivisione.. Valori che nel tempo ti faranno sentire sempre amata e sapori che difficilmente puoi trovare aprendo un barattolo di salsa del supermercato!