Poesie in siciliano sulla vendemmia

La Vinnigna

Sutta la pergula

matura è già la racina :

pronta è la vinnigna…

Lu ciauru di mustu

si sparti né tinnedda:

aria di festa è pila ciurma…

La viddanedda canta

d’amuri ‘na canzuna:

chiama lu zzitu ca di focu adduma

Chi çiauru ‘nto bbàgghiu

fa sta terra!  Mustarda e cudduredda

già sunu ‘nta scutedda!  

Cu vivi viunu nun mori mai


Tribbianu, ‘nzolia, griddu o maraschinu,
pistatu cu li peri ntò parmentu,
rivugghi nta la utti e fa lu vinu.
Pi mia la utti è comu un munumentu,
lu ciascu comu un càlici divinu
e lu biccheri ottavu sacramentu.
Jo vivu vinu e doppu mi ni vantu
e cu lu ciascu ‘n-manu vivu e cantu:

Lu vinu è zuccaru,
lu vinu è balsamu,
lu vinu è ciauru,
lu vinu è cuscusu,
lu vinu è zagara.
Lu dissi Baccu, puru Gesù:
si vivi vinu ‘un mori chiù!

Jò sugnu ‘mbriacu, ‘mbriacu di stu vinu
chi metti nta lu cori l’alligrìa;
sentu li noti di lu viulinu,
tu si surgenti di la fantasia.
Ti si la varca di lu me destinu,
mmezzu lu mari di la firnicìa.
E quannu sugnu sulu e provu scantu,
vivu lu vinu e doppu scialu e cantu:

Lu vinu è zuccaru,
lu vinu è balsamu,
lu vinu è ciauru,
lu vinu è cuscusu,
lu vinu è zagara.
Lu dissi Baccu, puru Gesù:
si vivi vinu ‘un mori chiù!

A postu di la cola vivi vinu
chi fa bon sangu, dici lu dutturi,
lu binidici puru lu parrinu,
lu vivi lu ‘gnuranti e ‘u prufissuri,
lu vivi l’omu riccu e lu mischinu,
picchì’ lu vinu nasci cu suduri.
E a lu viddanu, chi si fa lu vantu,
jò dicu: “Grazie” e ci lu dicu ‘n cantu:

Lu vinu è zuccaru,
lu vinu è balsamu,
lu vinu è ciauru,
lu vinu è cuscusu,
lu vinu è zagara.
Lu dissi Baccu, puru Gesù:
si vivi vinu ‘un mori chiù!

Vi aspetto anche su FACEBOOK

Foto presa dal web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.