Crea sito

TORTA AL MANDARINO CON PANNA DI SOIA E CIOCCOLATO

Torta al mandarino, senza uova e burro con panna di soia e cioccolato fondente. Sofficità e gusto dato dai mandarini tardivi. Tardivo perchè si trova nel periodo che va da febbraio a marzo.
Questo agrume è particolarmente profumato. In questo caso, il dolce ha raccolto tutto l’aroma rilasciato da questo agrume che, abbinato ad un pan di spagna al cacao e scaglie di cioccolato fondente, viene esaltato ancor di più.

torta al mandarino
  • CucinaItaliana

Ingredienti per la torta al mandarino

  • 220 gfarina 00
  • 30 gCacao amaro in polvere
  • 100 gZucchero
  • 80 mlOlio di semi di girasole
  • Mezza bustinaLievito in polvere per dolci
  • 100 mlsucco arancia
  • 100 mlSucco di mandarino
  • 50 mlRum bianco

farcitura

  • 500 mlPanna di soia
  • 1 cucchiaioCacao amaro in polvere
  • q.b.cioccolato fondente

bagna

  • 100 mlSucco di mandarino
  • 100 mlAcqua
  • 50 gZucchero

crema al mandarino

  • 100 mlSucco di mandarino
  • 1 cucchiaioZucchero
  • 1 cucchiainoAmido di mais (maizena)

Strumenti

  • stampo a cerniera da 20
  • Carta forno
  • Sac a poche
  • Bocchetta a stella
  • Spatola

Preparazione della torta al cioccolato

  1. torta al mandarino

    Torta al cioccolato e mandarino, senza uova e burro. Partiamo dalla base.

    Senza fruste, è sufficiente una spatola o una frusta a mano. In una boule versate la farina, il cacao, il lievito e lo zucchero. Mescolate questi ingredienti secchi.

    Aggiungete i liquidi, sempre mescolando, l’olio, il succo di arancia e mandarino, il liquore.

    Mescolate tutto, fino a quando l’impasto avrà raggiunto una consistenza morbida ed omogenea.

    Forno statico preriscaldato 180°. Ricopriamo la base con carta forno. Ungiamo con margarina (o olio) e infariniamo la circonferenza dello stampo. Versiamo il composto all’interno e lasciamo cuocere. La cottura perfetta sarà decisa dalla prova stecchino, dipende molto dal forno.

    Una volta pronto dovrà freddare, in seguito toglietelo dallo stampo e poggiatelo su una gratella.

    Prepariamo la crema al mandarino, deve avere il tempo di raffreddare. In un pentolino mettiamo l’amido di mais con lo zucchero e mescoliamo. Poco alla volta aggiungiamo il succo di mandarino e quando tutto sarà ben sciolto mettiamo sulla fiamma, molto bassa e lasciamo addensare. Una volta ottenuta la giusta consistenza, la togliamo dal fuoco e la mettiamo in un biberon. Teniamo da parte.

    Passiamo alla bagna che andrà fatta con il succo di arancia e mandarino, lo zucchero e l’acqua. Tutto in un pentolino, a fiamma bassa per ottenere lo sciroppo. Anche questo dovrà freddare.

    Montiamo la panna. Adagiamo sul piatto da portata, posizioniamo la torta. Facciamo due incisioni, ottenendo così tre dischi.

    Bagniamo il primo disco con lo sciroppo. Cospargiamo con la panna e distribuiamo scaglie di cioccolato fondente. Poggiamo il secondo disco e procediamo allo stesso modo. L’ultimo disco andrà inumidito con la bagna e poi stucchiamo tutta la torta con la panna. Aiutiamoci con una spatola per ottenere una bella torta liscia e precisa.

    Mettiamo la torta in frigo per una mezz’ora prima di decorare.

    Una volta che si sarà compattata decoriamo con la crema di mandarino, praticando una decorazione drip cake, ovvero le goccioline, e cospargiamo la superficie con scaglie di cioccolato e gocce di crema al mandarino.

    Per rifinire possiamo utilizzare parte della panna a cui avremo aggiunto del cacao e con la sac a poche praticare dei riccioli lungo tutto il diametro del dolce.

conservazione

Se non consumata subito, la torta al mandarino si conserva nell’apposito contenitore per dolci, in frigorifero per max 3 giorni.

dove mi trovi

Se ti piacciono le mie ricette puoi seguirmi su  Facebook  Pinterest  Instagram  Twitter  Tumblr

Per non perderle, hai la possibilità di attivare le notifiche…ti aspetto anche su Messenger

/ 5
Grazie per aver votato!
(Visited 21 times, 1 visits today)

Pubblicato da sweetcandymary

Roma... la mia città natale, origini calabresi e marchigiane, sapori e profumi che mi hanno sempre accompagnato hanno forgiato il mio modo di cucinare...passione, amore golosità...un peccato non peccare! Addetta alla ristorazione con predisposizione all'assaggio esagerato...chi di forchetta ferisce di forchetta perisce ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.