Torta Mimosa dell’Otto Marzo

DSC_8470pfPer l’8 marzo ho pensato questa classicissima Torta Mimosa all’Ananas, con una piccola idea nella guarnizione, detto per inciso sono contrario a queste feste, essendo convinto che bisogna avere attenzioni reciproche per 365 giorni l’anno ad eccezione di un anno ogni quattro, solo perché dovranno essere 366, essendo, però, golosi, ogni scusa è buona e ci lasciamo andare, quando ci ricapita un’altra occasione?

La base di questa e della stragrande maggioranza delle torte è il buon vecchio Pan di Spagna, cliccando troverete la ricetta che noi facciamo, non è la nostra, da dove l’abbiamo presa? chi ce l’ha data? chi se lo ricorda, sappiamo solo che dobbiamo tanto ringraziarlo, da allora non ci ha mai delusi.

Questo è l’elenco di tutto l’occorrente per questa Torta Mimosa:

  • un Pan di Spagna su base di sei Uova
  • mezzo litro di Panna fresca da montare
  • un etto di Zucchero a velo
  • una scatola di Ananas sciroppato
  • due bicchierini di Cointreau o altro liquore aromatico
  • un mazzolino di fiori tra cui le Mimose
  • Crema Pasticcera su base di otto tuorli

DSC_8411pDSC_8412pDSC_8416pDSC_8431pDSC_8439pTagliare la sommità del Pan di Spagna, asportandone il disco. Scavare la mollica interna ricavando un contenitore di almeno un centimetro di spessore. Sminuzziamo al meglio la mollica, dadoliamo l’ananas conservandone tre anelli.

Facciamo la Crema Pasticcera con la ricetta che trovate cliccando qui, usando una quantità media di farina, ci sta bene una crema fluida ma non troppo. Lasciamo raffreddare e nel frattempo montiamo la panna con lo zucchero a velo finché non raggiunge una consistenza ferma. La misceliamo alla crema girando il composto dal basso verso l’alto per evitare che si smonti. Con lo sciroppo dell’ananas, addizionato del liquore, bagniamo i fondi del Pan di Spagna e solo leggermente il bordo, riempiamo il contenitore con due terzi di composto di crema e la dadolata di ananas, copriamo e con il resto stendiamo un leggero strato su tutta la superficie, dove andremo a distribuire le molliche, avendo posto in maniera decentrata gli anelli di ananas, messi da parte, sovrapponendoli, questi costituiranno una sorte di portafiori, lo monteremo nell’immediatezza del servizio. E’ bene togliere gli anelli, con il loro peso deformerebbero la torta.

DSC_8473pf

Siamo in Facebook, cliccando qui la pagina e il gruppo molto seguito
C’hama mangià josc . . . mamm ce croc stu mangià

Siamo anche su Twitter e in Google+

 

Precedente Pan di Spagna - come lo facciamo noi Successivo Pasta con Totani e Sepiole al Timo