Involtini di Trippa con Patate in umido

Il Quinto Quarto, tutto ciò che dell’animale non è propriamente carne. Vogliamo parlare di Trippa, più propriamente degli Involtini di Trippa con Patate in umido? Perché no.

Si fa presto a dire Trippa, anzi, si sbaglia dicendo il singolare, occorre parlare al plurale. Le Trippe, infatti sono varie parti, diverso spessore, consistenza e forma, per gli involtini serve che sia di uno spessore pressoché uguale in tutti i pezzi, per una cottura uniforme e tale da poterla avvolgere con facilità, se poi ha il nido d’ape, non ce l’ha o ci sono entrambi è indifferente, le cotture sono pressoché uguali e la differenza minima non guasta, anzi, infatti li abbiamo utilizzati entrambi. Le Patate, non certo secondarie, siano del tipo farinoso se vi piace una salsa doppia e corposa, quasi una polentina, altrimenti, fate il contrario, l’importante è che cuociano facilmente, le conosciate e gli diate il taglio giusto.

Involtini di Trippa con Patate in umido

CONSIDERAZIONI sugli Involtini di Trippa con Patate in umido

Difficoltà: Media  –  n° di Porzioni: 2   –  Costi: Medi

Tempo di Preparazione: 15 minuti  Cottura: 45 minuti 

INGREDIENTI per gli Involtini di Trippa con Patate in umido
  • 350 g di Trippa di Bovino (pulita e sbollentata)
  • 500 g di Patate
  • qualche fettina di Canestrato Pecorino Pugliese
  • qualche foglia di Prezzemolo
  • uno spicchio di Aglio
  • qualche metro di Filo da Imbastire
  • 2 o 3 Pomodori maturi o Pelati in scatola
  • 1 Cipolla dorata
  • 3 cucchiai di Olio Extra Vergine di Oliva
  • mezzo Peperoncino
  • quanto basta di Sale grosso e Fino
  • quanto basta di Pepe Nero al mulinello
  • 2 cucchiai di Parmigiano Reggiano
Involtini di Trippa con Patate in umido
Preparazione degli Involtini di Trippa con Patate in umido

Ricaviamo dalla Trippa dei quadrati di una decina di centimetri per lato, li stendiamo su un piano e vi adagiamo qualche fettina di Pecorino, una foglia di Prezzemolo e una fettina d’Aglio, saliamo e pepiamo, mettendo tutto lontano dai bordi, la trippa non è maneggevole come la carne, difficilmente riuscirete a ripiegarla. Non resta che avvolgere gli Involtini di Trippa e legarli serrando particolarmente le estremità per evitare che fuoriesca il ripieno. Tradizionalmente in ripieno viene lasciato a pezzi grandi ma anche spalmare la trippa con un trito di aglio e prezzemolo e spolverare il formaggio grattugiato può andar bene, sarà però più facile che fuoriesca per quanto detto sulla flessibilità della trippa. Noi come filo adoperiamo il famoso Imbastire, il filo di buon cotone. Sempre per lo stesso motivo sarebbe da evitare l’uso di stuzzicadenti, ma . . .

Intanto abbiamo messo a stufare dolcemente un trito di Cipolla in Olio Evo, con l’aggiunta del Peperoncino. Appena la cipolla accenna a colorirsi, aggiungiamo gli involtini, facendoli soffriggere da tutti i lati a fiamma vivace.

Intanto abbiamo sbucciato, lavato e dadolato minutamente le Patate, lasciandole in acqua perché non anneriscano. Le aggiungiamo agli Involtini di trippa, le rimestiamo, soffriggendole e ne iniziamo la vera cottura aggiungendo Pomodori dadolati o Pelati schiacciati e stracciati vigorosamente con una forchetta, se necessario, anche un bicchiere d’acqua calda, meglio sarebbe del brodo, vegetale o di carne. Raccomandiamo che il liquido sia caldo per evitare di bloccare la cottura delle patate. Saliamo.

Cuociamo per almeno mezz’ora, regolandovi in base ai tempi di cottura delle vostre patate. Sarà bene tenere d’occhio la cottura degli involtini di trippa, questa è sempre precotta, e, come siamo stati costretti a fare questa volta, se vedete che le patate sono un po’ indietro, alzate gli involtini quando sono cotti, lasciate che arrivino allo stesso punto le patate, al momento di mangiare li scalderete insieme, è un piatto che migliora riposando e riscaldandolo, l’importante è dosare il liquido, ognuno lo mangerà della consistenza gradita.

Tagliare il filo che ha legato gli Involtini di Trippa, usiamo delle forbicine. Servite ben caldi in piatto fondo caldo, spolverandoli moderatamente con dell’ottimo formaggio grattugiato, questa volta abbiamo preferito del Parmigiano Reggiano invecchiato, altre volte abbiamo usato del Canestrato Pecorino o Misto.

Involtini di Trippa con Patate in umido

Sintesi passo passo degli Involtini di Trippa con Patate in umido
  1. Tagliamo fettine di Canestrato Pecorino
  2. laviamo e sfogliamo il Prezzemolo
  3. tagliamo a fettine l’Aglio
  4. tritiamo la Cipolla
  5. puliamo e dadoliamo le Patate
  6. tagliamo la Trippa in quadrati da 10 cm
  7. saliamo e pepiamo
  8. distribuiamo Pecorino, Prezzemolo e Aglio
  9. avvolgiamo e leghiamo gli Involtini
  10. stufiamo il trito di Cipolla nell’Olio EVO con il Peperoncino
  11. soffriggiamo gli involtini, rigirandoli
  12. aggiungiamo le Patate agli involtini
  13. soffriggiamo
  14. segue il Pomodoro
  15. aggiungiamo del liquido ben caldo
  16. lasciamo cuocere il necessario
  17. tagliamo il filo
  18. serviamo spolverati di Parmigiano grattugiato

Siamo in Facebook, cliccando qui la pagina, il gruppo molto seguito è
C’hama mangià josc . . . mamm ce croc stu mangià

Precedente Sartù di Riso risottato Successivo Anguilla Fritta e in Carpione