Confettura di Ciliege

DSC_2177fSiamo alle ultime ciliege e non possiamo perdere l’occasione per fare un po’ di scorta anche di questa preziosa frutta ed allora Confettura di Ciliege. Cerchiamo di farla semplice, niente ingredienti strani, né eccipienti o cose artificiali, solo ottima frutta, matura al massimo e semplice e solo Zucchero Semolato, non dobbiamo farci mancare gli ingredienti principali, pazienza e attenzione massima all’igiene. Vogliamo ricordare che questo genere di frutte, deve essere matura già alla raccolta, purtroppo, a differenza di tante altre, non prosegue la maturazione una volta raccolta, s’ammoscia e perde gusto già nelle prime ventiquattro ore, ne deriva che se avessimo la fortuna di poterle raccogliere da noi stessi, ne trarremmo un grande vantaggio, anche più che con altre frutte.

Come procediamo? lavando molto accuratamente le ciliege, dopo averle tenute lungamente a bagno, sgocciolate vengono private di piccioli e noccioli.

Noccioli e piccioli non buttateli, con i primi si possono riempire piccoli cuscini, che riscaldati in forno, anche microonde, conservano lungamente il calore, cedendolo lentamente, sono pertanto adatti per impacchi caldi, in particolare per dolori alla spina dorsale e cervicale, la loro forma permette anche al cuscino di aderire adattandosi perfettamente. I piccioli, seccati, sono eccellenti per decotti diuretici, depuranti e curativi per l’ipertensione.

Ritorniamo alla confettura, approfittando del fatto che queste ciliege erano dolci al punto di dar fastidio, si fa per dire, abbiamo abbassato la percentuale classica di zucchero, dovrebbe essere intorno al 50% del peso della frutta, qui ne abbiamo messo solo il 40% e delle ciliege denocciolate, una decurtazione di oltre il 20%, in parole povere meno di 400 grammi di Zucchero per chilogrammo di Ciliege. Con un ottimo risultato nel gusto, ottenendo quella consistenza sciropposa, che a noi piace. Non è un azzardo, non rischiamo nulla sulla conservabilità, solitamente facciamo questi drastiche riduzioni e non abbiamo mai avuto problemi, stiamo piuttosto attenti all’estrema igiene della lavorazione con la sterilizzazione dei barattoli.

Mettiamo le Ciliege sul fuoco in una pentola in acciaio con doppio e spesso fondo, abbiamo comunque messo un pochino d’acqua per avere una certa umidità iniziale, in cottura produrranno schiuma che asportiamo, quando non se ne formerà più aggiungiamo lo Zucchero Semolato, rimestando sulla fiamma lo sciogliamo e spegniamo. Lasceremo la Confettura di Ciliege per tutta la notte così, questo servirà allo zucchero per estrarre molti dei liquidi contenuti nelle ciliege, formando uno sciroppo. Non resta ora che procedere nella cottura, arrivando alla consistenza desiderata senza però arrivare alla caramellizzazione degli zuccheri, questo è il rischio che si corre nel fare Confetture e Marmellate, a proposito come saprete queste sono solo quelle di Agrumi, cliccando troverete la nostra Marmellata di Arance.

DSC_2168f

Conviene fermare la cottura un pochino prima di quello che è il risultato finale desiderato, il solo rischio che correrete sarà quello di dover riprendere la cottura, se una volta raffreddata la Confettura non avrà la consistenza desiderata, attenzione, quando dico raffreddata deve essere proprio fredda per giudicare, anche per questo, non abbiate fretta, aspettate ancora qualche ora.

A consistenza raggiunta, sterilizzate i barattoli in forno molto caldo, riempiteli e tappateli ancora caldissimi e, per cominciare a mangiarla, aspettate, almeno, che sia finito il tempo delle ciliege, pensate alle magnifiche crostate che ve ne potrete fare quando l’aria comincerà a rinfrescare, qui potrete trovare una Crostata Dietetica.

Il Ministero della Salute si è preoccupato di redigere un testo intitolato 

Conserve fatte in casa, 10 regole per evitare brutte sorprese

cliccate per conoscerle, ve le raccomandiamo

Siamo in Facebook, cliccando qui la pagina, il gruppo molto seguito è
C’hama mangià josc . . . mamm ce croc stu mangià
Siamo anche su Twitter e in Google+

Precedente Yogurt Successivo Orecchiette di Grano Arso